Val Susa, ancora un attentato Bruciato container dell'Italcoge

In una delle aziende che lavora alla costruzione della linea Torino-Lione è stata danneggiata una pala meccanica. Bossoli, lacrimogeni e sui muri scritte No Tav

Val Susa, ancora un attentato Bruciato container dell'Italcoge

Ancora un attentato in Val di Susa. La tensione resta alta. La notte scorsa, alla cava dell'Italcoge di Susa, una delle aziende che lavora alla costruzione della linea ad alta velocità Torino-Lione, è stato bruciato un container, è stata danneggiata una pala meccanica e sono stati lasciati bossoli e lacrimogeni davanti agli uffici della società. Sui muri campeggiano scritte "No Tav". I sindaci e gli amministratori della Valsusa hanno sottoscritto un appello affinché nella valle cessi "ogni atto di violenza" e contestualmente hanno chiesto al governo di riaprire "un confronto tecnico e istituzionale anche con gli Enti che hanno espresso critiche all’opera".