Vaticano, ora spunta lo scandalo della "dama di Becciu"

Mezzo milione di euro destinato alla "dama" del cardinale Becciu: questo è l'ultimo capitolo del nuovo scandalo Vaticano. Spuntano shopping e borsette, ma la Marogna si difende

Lei dice di non essere l'amante di Becciu, e smentisce di netto parte delle ricostruzioni delle ultime ore, ma quello di Cecilia Marogna, almeno dal punto di vista giornalistico, è ormai un caso a tutti gli effetti.

Siamo ancora dalle parti della gestione dell'"Obolo di San Pietro". Quello che dovrebbe servire per le opere di carità. Quello che i fedeli, ogni anno, versano direttamente al Papa della Chiesa cattolica. Siamo da quelle parti, dunque in quelle dei finanziamenti gestiti dalla segreteria di Stato, come in quelle dell'ultimo "scandalo Vaticano". Il cardinale Angelo Becciu ha perso, per decisione del pontefice argentino, i diritti da porporato. Un caso più unico che raro nella storia recente del cattolicesimo. Becciu, per dirne una, non voterà nel prossimo Conclave. A meno che Jorge Mario Bergoglio non cambi idea.

L'alto prelato italiano, stando a quanto appreso nel corso di queste settimane, è stato accusato di peculato. La Segreteria di Stato - l'organo di cui Becciu è stato il sostituto - avrebbe inoltrato bonifici che sarebbero finiti in direzione di società gestite o riconducibili a familiari di Becciu. Questo è il succo della questione. Non si parla di processo. Persino i tradizionalisti, che si sono sempre opposti al cardinale, pensano che ne servirebbe uno per attestare la verità. Becciu, anche attraverso delle conferenze stampa, si sta difendendo.

L'alto ecclesiastico italiano non ci sta a passare per colpevole. Ha pure detto di essere pronto a morire per il Santo Padre. Nel corso della serata di ieri sera, per via di un servizio de Le Iene, questa storia è stata condita da ulteriori particolari. Ora la donna è diventata la "dama" del cardinale. Sì, perché parte di quei soldi - mezzo milione di euro - sarebbe stata inviata ad una società "intestata" alla donna, che di base si occuperebbe di relazioni diplomatiche. Il che contribuirebbe a spiegare il perché dei rapporti con il "ministero degli Esteri" del Vaticano. Procediamo per gradi.

Stando a quanto si apprende su La Verità, che è arrivata per prima sulla storia di questi bonifici, la Marogna, trentanovenne cagliaritana, non sarebbe proprio nuova ai rapporti con personaggi che contano. Sull'edizione odierna vengono nominati "il faccendiere" Flavio Carboni e il politico Gianmario Ferramonti. E quindi ci si potrebbe stupire poco della rete che comprende anche monsignor Becciu. Soltanto che quel mezzo milione di euro sarebbe stato utilizzato "per l'acquisto di borse di grandi marchi come Prada e Chanel e altri beni di lusso che nulla hanno a che fare con le missioni caritatevoli della Chiesa".

Cioè la Marogna, in buona sostanza, avrebbe speso quei soldi o una parte di essi per fare shopping. Ci sono pure "borsette": "Magari la borsetta era per la moglie di un amico nigeriano in grado di dialogare col presidente del Burkina Faso al fine di vigilare su rischi e pericoli per le Nunziature e le missioni vaticane...", ha dichiarato la "dama" in un'intervista rilasciata a IlCorrieredellaSera. Ma non è tutto.

Quelle su di lei sarebbero "tutte falsità". E questa questione dell'"amante"? " Io amante del cardinale? Assurdo. Sono un'analista politica e un'esperta di intelligence, che lavora onestamente e che vive in affitto mantenendo sua figlia", ha aggiunto sempre alla fonte sopracitata. Comunque sia, la sensazione è che in Santa Sede abbiano problemi nuovi da affrontare. Un processo a Becciu - quello ventilato pure dal "fronte conservatore", ma che rimane al limite nelle facoltà dispositive del vescovo di Roma e dei suoi "pm" - potrebbe aiutare a chiarire cosa sia accaduto, questa volta, all'ombra di piazza San Pietro.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Calmapiatta

Mar, 06/10/2020 - 12:35

Mentre in vaticano i mln di euro vanno di qua e di là, il Papa continua a "pontificare" sull'accoglienza. Io invece vorrei chiedergli cosa avrebbe potuto fare la Chiesa in Africa con tutti quei bei mln che i prelati si spartiscono giorno dopo giorno. Sepolcri imbiancati, vi definiva il Cristo. Un motivo ci sarà pur stato.

Ritratto di Smax

Smax

Mar, 06/10/2020 - 12:54

E noi permettiamo che si possa dare l’8 per mille a questa gente....

Ritratto di moshe

moshe

Mar, 06/10/2020 - 13:23

ormai del vaticano non ci si può più stupire di nulla ..... continuate a pagare l'otto per mille alla chiesa, somari !!!!!

dagoleo

Mar, 06/10/2020 - 13:29

e poi avete la faccia di chiedere l'8 x 1000 in chiesa? per decenza non scrivo quanti 8 x 1000 vi darei.

Ritratto di moshe

moshe

Mar, 06/10/2020 - 13:49

..... e il pampero continua imperterrito a far prediche a noi ..... BUFFONE !!!!!

Ritratto di navajo

navajo

Mar, 06/10/2020 - 13:57

I mulini del Signore macinano lentamente, ma macinano fino. E prima o poi ci passeremo tutti, nessuno escluso.

Absolutely

Mar, 06/10/2020 - 14:06

Io l’8 X 1000 alla chiesa non l’ho mai dato ne mai lo darò solo che un mio amico mi ha detto che ad ogni modo lo stato italiano deve garantire un minimo da versare alla chiesa a prescindere dall’8 X 1000. Speriamo non sia vero.

lorenzovan

Mar, 06/10/2020 - 14:13

nessuna critica all'"argentino" che sta facendo pulizia tra gli"italiani" dagli attici stupendi..dalle catene d'oro e dagli investimenti immobiliari in inghilterra?

Ritratto di Paolo_Trevi

Paolo_Trevi

Mar, 06/10/2020 - 14:19

al confronto i casalesi sono dei dilettanti

bernardo47

Mar, 06/10/2020 - 15:24

Sono credente e praticante, ma confesso di essere scosso.... anche se la Fede resta naturalmente.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mar, 06/10/2020 - 17:08

^(°@*)^ Al confronto Vanna Marchi e figlia SANTE SUBITO

Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 06/10/2020 - 17:22

bernardo47, cosa c'entra la fede con le cose terrene, il signore non ha bisogno di nessun tramite, tantomeno dei preti di oggi! che essendo uomini(e donne, le monache)hanno bisogno di tutto quello che hanno gli uomini e donne "normali"!

Ritratto di Trinky

Trinky

Mar, 06/10/2020 - 17:28

Fate quello che dico, non fate quello che faccio io...............

maurizio-macold

Mar, 06/10/2020 - 17:53

Le persone della famiglia Becciu vivono di lavori umili in condizioni dignitose ma tutt'altro che agiate. In una societa' civile prima di condannare una persona bisogna aspettare il completamento delle indagini ed il processo.

jaguar

Mar, 06/10/2020 - 17:58

Mezzo milione di euro, un po ingorda la signora.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mar, 06/10/2020 - 18:39

^(°@*)^ San Francesco si fece povero ma sono 800anni che il pretismo lo tira in ballo , tolto lui il pretismo tutto il pretismo no disdegna i MONEY guadagnati NON col sudore della loro fronte

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 06/10/2020 - 18:47

Poverta, castità, obbedienza...

oracolodidelfo

Mar, 06/10/2020 - 19:37

E' sempre valido....cherchez la femme?