Un "whatever it takes" per i vaccini e per Luca

Non sappiamo difendere i nostri ambasciatori mandati in zone di guerra, ma non sappiamo neppure vaccinare gli italiani in tempo di pace

Non sappiamo difendere i nostri ambasciatori mandati in zone di guerra, ma non sappiamo neppure vaccinare gli italiani in tempo di pace. Non siamo messi bene, ma è come se chi di dovere non se ne rendesse conto. Non invidio Mario Draghi, al quale al momento nulla può essere imputato, perché il suo compito è ciclopico.

A noi comuni mortali non interessa il perché - le spiegazioni abbonderanno - un ambasciatore in Congo non avesse un'auto blindata né una scorta adeguata; a noi non importa il motivo per cui non abbiamo abbastanza vaccini - l'Europa inadeguata o le multinazionali del farmaco fameliche. A noi importa che ammazzano per strada dei servitori dello Stato e che devo essere, diciamo così, «contento» di aver preso il Covid, perché così, se tutto andrà bene, sarò naturalmente immune senza aspettare il mio turno (maggio, giugno?) di vaccinazione.

Ecco, io sogno che il nuovo governo non ci spieghi perché non si può fare una certa cosa, ma che la faccia «costi quel costi», per rubare la celebre frase «whatever it takes», seguita da fatti, con cui Draghi sconfisse la speculazione sull'euro e salvò sia la moneta sia l'Europa.

«Whatever it takes», l'Italia deve proteggere la vita dei suoi rappresentanti nel mondo e risolvere il problema della scarsità di vaccini, che è la mamma di tutti i problemi, perché ormai è chiaro che senza una sufficiente immunità l'economia e il commercio non potranno ripartire a pieno regime, al di là delle legittime rimostranze delle categorie interessate alla stretta. Compratele, arriverei a dire, per paradosso, anche rubatele, ma portate a casa queste benedette fiale.

Lo dovete anche a chi, come l'ambasciatore Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci, morto in un estremo tentativo di difesa insieme all'autista indigeno, credeva fortemente di rappresentare nel mondo un Paese serio e autorevole, capace di affrontare e risolvere le situazioni più difficili.

Io mi auguro che in Congo nulla resti impunito. Ma anche in Italia abbiamo bisogno, se non di punizioni, almeno di un repulisti di incapaci. Ci hanno fatto credere che il momento è arrivato, forse parliamo dell'ultimo treno. La prego presidente Draghi: whatever it takes.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di dlux

dlux

Mar, 23/02/2021 - 17:23

Caro Direttore, non è questione di tempo di guerra o tempo di pace, è questione di competenza. E la competenza è figlia dello studio, dell'applicazione, dell'esperienza, perfino della propria inclinazione. La domanda è banale: può un Di Maio reggere il Ministero degli Esteri? Può essere bravo a vendere l'aranciata sugli spalti dell'ex San Paolo, ma per il resto...Quindi, tornando coi piedi per terra, al di là della riconosciuta competenza di Draghi, che lui dia dimostrazione di competenza nel guidare questo governo è tutto da vedere. Non solo, ma ha sorvolato sulla competenza di diversi ministri. Io sono convinto che non caverà un ragno dal buco...

kytra1936

Mar, 23/02/2021 - 17:38

Domanda: l'Italia può ancora permettersi tante missioni militari nel mondo, con quello che ci costano? Non sarebbe ora di ridurre questo tipo di spesa?

necken

Mar, 23/02/2021 - 18:16

la politica estera Italiana è decisa oltre atlantico, è cosi oltre 75 anni pertanto ....

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 23/02/2021 - 18:19

Un governo che non governa. Sono bravi soprattutto nel fare i fatti loro, per il resto il sistema non funziona.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mar, 23/02/2021 - 18:59

I vaccini non siamo capaci di trovarli perché ci fidiamo ed affidiamo all'Europa? Forse un po' troppo. Dei giudici divisi in correnti, e non nelle carriere, tutti sapevamo che non erano indipendenti ma solo oggi fingiamo di venirlo a sapere da una toga pentita. Non accadrà niente. Ambasciatore e carabiniere vengono trucidati in missione "fame in Africa" perché senza protezione e mezzi adeguati in luogo infestato di criminali. Sapevamo anche questo? Certo, ma erano sotto l'egida dell'ONU si dice. E con questo? Bastava controllare valutare e salutare. Tre episodi identici. Tutti italiani. Comincio a pensare che senza un miracolo....

nopolcorrect

Mer, 24/02/2021 - 17:54

"Io mi auguro che in Congo nulla resti impunito. " Anch'io me lo auguro Direttore. Niente auto blindata e un solo carabiniere di scorta???? I due sono stati mandati al macello, pare che a noi Italiani piaccia tanto essere vittime. Ambasciatori e carabinieri indifesi, confini indifesi, chiunque a suo piacimento può venire e installarsi da noi a suo piacimento e a nostro spese, siamo un Paese allo sbando, incapaci del tutto di difenderci, alla mercé di tutti per la gioia della nostra sinistra di traditori della Patria, terzomondisti e anti-italiani.

Ritratto di Bob184

Bob184

Mer, 24/02/2021 - 18:20

Domanda: E se invece di sprecare risorse di vario tipo con missioni all'estero, ingerendoci nei fatti altrui, usassimo quelle stesse risorse per, ad esempio, assumere medici ed infermieri, costruire più ospedali, comunque usarle per migliorare il benessere del Popolo italiano che le genera con il proprio lavoro ?

Jon

Mer, 24/02/2021 - 18:28

Si.."whatever it takes" affinche' Draghi se ne vada Asap..!! Le speranza erano poche, ma ora non ne resta nessuna.. Abbiamo sentito il suo sermone a basa di Euro, Sovranita' e MAI DI COSTITUZIONE, LAVORO E DIGNITA'..Dovremmo ricordargli l'Art. 41 della Cost.ne : "La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l'attività economica Pubblica e Privata possa essere indirizzata e coordinata a FINI SOCIALI"... Cioe' MAI SPECULATIVI..!! PER LUI ESISTE SOLO L'EUROPA ANCHE SE HA GIURATO SULLA NOSTRA COSTITUZIONE!

Jon

Mer, 24/02/2021 - 19:57

Grazie Sallusti...!