Delitto d'onore sconvolge la Giordania Zio uccide nipote: "Era stata stuprata"

Nove spari contro la nipote. Lo zio uccide la ragazza di 16 anni che era stata violentata e aveva macchiato così l'onore della famiglia

Delitto d'onore sconvolge la Giordania 
Zio uccide nipote: "Era stata stuprata"

Amman - Ha ucciso una nipote di 16 anni, sparandole nove volte, per difendere l’onore della famiglia: la ragazza era stata violentata. E' successo in Giordania. Dopo aver saputo dai suoi familiari della violenza di cui era stata vittima la nipote, l’uomo - del quale non sono state diffuse le generalità - si è diretto a casa del fratello, nell’area al Nasser (Amman est), con il chiaro intento di ucciderla. "La ragazza era distesa sul suo letto quando lo zio, alla presenza del padre, le si è avvicinato e le ha sparato nove volte per poi consegnarsi a noi", ha raccontato una fonte di polizia che ha chiesto l’anonimato.

Voleva 'ripulire' l'onore della famiglia L’uomo ha spiegato agli investigatori che voleva 'ripulire' l’onore della famiglia poichè la nipote era stata coinvolta in attività sessuali. La ragazza, di recente, era stata stuprata vicino casa da due uomini che sono ora in attesa di giudizio in una prigione vicino ad Amman. Ogni anno dalle 15 alle 20 donne vengono uccise nei cosiddetti delitti d’onore, e i loro assassini ricevono pene detentive che vanno dai tre mesi ad un massimo di un anno. I familiari delle vittime spesso lasciano cadere le accuse, rendendo così più facile per i giudici emettere condanne miti.

Commenti