Economia

App Io, ecco i nuovi servizi Inps per i pensionati: tutte le novità

Fra le novità, anche la NASpI nell'ambito del servizio Cassetta postale on line. Per il futuro si pensa anche ad una piattaforma digitale nazionale dei dati

App Io, ecco i nuovi servizi Inps per i pensionati: tutte le novità

C'è l'accordo fra Inps e PagoPA. L'Istituto nazionale della previdenza sociale ha infatti sottoscritto l'adesione con la società pubblica per il digitale che attualmente gestisce la App IO, così da integrare alcuni servizi disponibili sulla piattaforma.

Nello specifico, fra le nuove funzioni in arrivo ci saranno la notifica per disposizioni di pagamento di prestazioni pensionistiche e non, la notifica dello stato di avanzamento di richieste gestite su Inps Risponde o Linea Inps, e la notifica di comunicazioni epistolari che possono essere già consultati online nella Cassetta postale.

Per quanto concerne la Cassetta postale di App Io, questa potrà inoltre essere utilizzata da quei cittadini che hanno perso il lavoro e visto accettare la domanda di NASpI per visualizzare un video interattivo e personalizzato in cui l'utente viene introdotto alle modalità di calcolo della propria nuova assicurazione sociale per l'impiego. Il filmato spiegherà inoltre in che modo conoscere il proprio importo e la sua durata.

Gli utenti, inoltre, potranno prendere visione solo delle informazioni selezionate in base alla propria categoria di appartenenza, e saranno guidati per accedere ai vari servizi disponibili presenti sul portale online. Basterà cliccare sulle apposite icone "Call to action" per poter accedere ai servizi a lui dedicati.

Ma non finisce qui. L'accordo fra le amministrazioni pubbliche e la società PagoPA ha reso possibile anche l'introduzione di una piattaforma digitale nazionale dei dati, volta a consentire lo scambio di informazioni e l'interoperabilità fra le varie amministrazioni. Il progetto dovrebbe essere effettivo dal 2022. L'utente, dunque, dovrà presentare il proprio Isee, titolo di studio, indirizzo ed altre informazioni soltanto una volta, poi saranno le varie amministrazioni a permettere il passaggio dei dati, se necessario. Secondo quanto si apprende, al momento ad aderire al progetto sono state Inps, Agenzia delle Entrate e l'Anagrafe nazionale della popolazione residente.

L'applicazione IO è tuttora disponile nei vari store online, e può essere scaricata sui sistemi operativi Android e iOS. Per utilizzarla, i cittadini dovranno avere una identità digitale.

Commenti