Adesso cambiano le pensioni: tutte le novità sull'importo di aprile

Dalla rivalutazione piena fino a quattro volte il minimo, fino ai conguagli fiscali: cosa cambia sul rateo delle pensioni

La corsa alle pensioni purtroppo è partita. Nonostante sia stato previsto un calendario in ordine alfabetico per ritirare in Posta l’importo dell’assegno previdenziale, da ieri si segnalano in tutta italia assembramenti di pensionati davanti agli uffici. Il tutto mettendo a rischio le precauzioni doverose sul fronte Coronavirus. Detto questo e avendo incassato ieri la precisazione del presidente dell’Inps che a quanto pare ha negato problemi di liquidità per l’erogazione degli assegni previdenziali dopo il mese di maggio, proviamo a capire quali sono le novità (parecchie) che arrivano con il cedo lino di aprile. Con l’accredito di questo mese entra in scena il nuovo meccanismo di rivalutazione per gli assegni. Infatti l’Inps calcolerà sugli importi la rivalutazione piena al 100 per cento su chi percepisce una pensione fino a 4 volte il minimo. Fino allo scorso anno la rivalutazione piena riguardava solo gli importi fino a 3 volte il minimo. Riceveranno dunque un piccolo adeguamento al costo della vita tutti quei pensionati che incassano un rateo sta i 1.539,04 euro e i 2.052,04 euro. Per tutti questi pensionati in questi giorni è scattato un accredito che riporta anche gli arretrati del nuovo importo per le mensilità di gennaio, febbraio e marzo. Ma non finisce qui. Tra le novità di aprile vanno sottolineati anche i conguagli fiscali. Riguardano tutte quelle operazioni sui redditi imponibili per l’anno 2019. Se ad esempio lo scorso anno la quota Irpef trattenuta è inferiore al dovuto allora scatterà un conguaglio in negativo sull’assegno, se invece è superiore, allora nel rateo ci sarà un ristoro. Queste le novità principali sugli assegni accreditati in questi giorni. E a proposito di accredito, cogliamo l’occasione per ricordare le date previste per i pagamenti e il relativo ordine alfabetico: 



A-B giovedì 26 marzo

C-D venerdì 27 marzo
E-K sabato 28 marzo

L-Q lunedì 30 marzo

P-R martedì 31 marzo

S-Z mercoledì 1 aprile


Va inoltre ricordato che il pagamento in contanti o su libretto postale resta valido per 60 giorni dalla data di accredito. Quindi in questo caso dall’1 di aprile al 30 maggio. Va sottolineato inoltre che le procedure di accredito anticipate sono valide per i pensionati titolari di un Conto Banco Posta, di un libretto di risparmio oppure di una Postepay Evolution. È fondamentale in questo momento di emergenza rispettare tutte le misure predisposte per il distanziamento sociale e dunque è fondamentale ancora di più rispettare in modo serio il calendario predisposto per il ritiro allo sportello. Il tutto per evitare la diffusione di nuovi contagi da Covid-19. 


I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 27/03/2020 - 12:18

quante incredibili gaffes ne stanno facendo questo governo! è letteralmente il governo dei cre.tini....

jaguar

Ven, 27/03/2020 - 12:43

Come ho già detto ieri, cedolino di aprile, conguaglio + 60 centesimi, vi risparmio gli improperi lanciati a chi di dovere.

giuseppegrasso

Ven, 27/03/2020 - 12:47

Ogni momento te ne raccontano una diversa. Il fatto reale è che praticamente quest'anno sto prendendo a regime 1,15 € in meno dell'anno scorso. Menomale che dovevano adeguarmela al 100% al costo della vita. Ho lavorato e versato contributi regolarmente per 41 anni e tre mesi. Questo è il trattamento. Una vergognosa ladroneria statale. Speriamo di campare 130 anni almeno potremmo rientrare in possesso dei nostri soldi versati allo stato per tasse sullo stipendio.

Raffaello13

Ven, 27/03/2020 - 12:56

Onestamente non so a chi va imputata questa idea cretina di ridurre l'orario postale alle sole ore del mattino, RADDOPPIANDO la ressa e forse di più, perchè ai pensionati vanno a sommarsi le bollette da pagare entro fine mese.

Sempreverde

Ven, 27/03/2020 - 14:18

Vedrete, tra poco ci sequestreranno i buoni postali.

ilbelga

Ven, 27/03/2020 - 14:33

rivalutazione piena da aprile! Più 0.79 euro al mese, infatti mi ero accorto da un po di mesi che spendevo quasi un euro in più al mese. Ah,ah,ah...Ma che paniere avete? Ah si, quello che aveva fatto mio nonno nel 1925...

de barba rossano

Ven, 27/03/2020 - 16:45

il tanto sbandierato aumento ad aprile, piu' gli "arretrati" da gennaio a marzo non si sono visti. la pensione e' sempre quella. tridico deve aver finito i soldi in cassa oppure ci hanno preso per il sedere dall' inizio.

Henzine

Ven, 27/03/2020 - 16:49

Per mischiare le carte e generare confusione sono bravissimi, già abbiamo paura con il corona virus ora quest’altra tegola degli aggiornamenti che daranno qualcosa in più ma come calcolarli è un mistero. Concludendo: paure su paure. Salve

ilguastafeste

Ven, 27/03/2020 - 16:50

A mio zio l'hanno accreditata sul conto bancario ed è uguale al solito, nè più nè meno.

lucianissimo

Sab, 28/03/2020 - 11:29

Perché nella mia pensione di aprile ci sono 11,10 euro in meno che su quella di febbraio? CHI MI SA RISPONDERE? Forse stanno rubando per dare il contributo ai clandestini????

Ritratto di Light_Yagami

Light_Yagami

Sab, 28/03/2020 - 16:39

Dai ragazzi non lamentatevi sempre, non siamo forse abituati ad essere presi in giro da tutti? Cosa volevate? Babbo Natale? È logico che non cambiava niente se non in peggio.