Economia

Arriva l'Rc auto familiare, ma occhio alla clausola "malus": ecco cos'è

In vigore dal 16 febbraio, l'Rc auto familiare presenta alcune importanti novità. Dall'estensione della classe di rischio al sistema dei malus: ecco tutto quello che c'è da sapere

Arriva l'Rc auto familiare, ma occhio alla clausola "malus": ecco cos'è

Dall'estensione dell'assicurazione familiare a veicoli diversi anche in caso di rinnovo della polizza al malus generato in seguito a gravi incidenti: queste sono soltanto alcune delle novità previste dal nuovo sistema Rc auto, in vigore dal 16 febbraio.

Come spiega Il Corriere della Sera, gli emendamenti al decreto Milleproroghe che spingevano per uno slittamento della misura non sono stati approvati dalle commissioni Affari Costituzionali e Bilancio della Camera. Dunque: nessun rinvio sul calendario e stesso termine previsto dalla legge di Bilancio.

Partiamo subito con l'elencare i due aspetti più importanti. Innanzitutto è possibile chiedere l'estensione della cosiddetta classe di rischio più favorevole a tutti i veicoli posseduti dal nucleo familiare, anche se i veicoli sono di "tipologie diverse". L'estensione della classe di merito più conveniente sarà valida sia per i nuovi contratti che per i rinnovi di quelli già esistenti.

Il secondo punto riguarda il sistema di "malus". Facciamo un esempio: chi ha usufruito della norma per ridurre il premio su un veicolo diverso, nel caso in cui dovesse provocare un incidente da oltre 5mila euro di danni, potrebbe dover fare i conti con la penalizzazione di cinque classi di rischio al successivo rinnovo del contratto.

A questo proposito vale la pena segnalare la protesta dell'Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (Ania), secondo cui questa forma vanificherebbe i buoni comportamenti al volante e ridurrebbe i prezzi per le famiglie più ricche.

Tariffe e novità

Capitolo tariffe. Alcuni assicuratori, come ad esempio l'ad di Unipol, Carlo Cimbri, sottolineano come l'Rc auto familiare sia ingiusta e possa al tempo stesso provocare un aumento dei prezzi. Anzi: lo stesso Cimbri ha detto espressamente che quella appena entrata in vigore è una “normativa di carattere populista” che “produrrà effetti iniqui”, penalizzando le famiglie meno abbienti e avvantaggiando le più ricche. Per quanto concerne i prezzi “le compagnie aumenteranno i prezzi e rivedranno le componenti tariffarie per far sì che questa operazione sia un gioco a somma zero”.

Tornando al sistema assicurativo, a beneficiarne saranno senza ombra di dubbio quelle famiglie che possiedono almeno un'auto e un motoveicolo. Già, perché l'Rc auto familiare prevede l'adozione della classe di merito più favorevole tra quelle maturate da un membro del nucleo al fine di assicurare un veicolo a due ruote o viceversa.

Altra novità: se fin qui l'uso della classe di merito più favorevole maturata su un'auto per assicurare un'altra auto era possibile con un limite - nuovo o usato che fosse, il veicolo doveva essere acquistato e non essere un mezzo già di proprietà – adesso non ci sono più vincoli.

Attenzione però, perché il beneficio della nuova Rc auto non è

valido per gli assicurati che sono già in prima classe di merito, per le famiglie che possiedono un solo veicolo e per tutti quelli che hanno provocato un sinistro con colpa nei cinque anni precedenti alla richiesta.

Commenti