Ecco il cedolino per la pensione: cosa cambia col ricalcolo

Disponibile sul sito Inps il cedolino della pensione per il mese di aprile 2022, dove poter visionare le tasse applicate, le ritenute Irpef e altre voci: ecco come funziona

Ecco il cedolino per la pensione: cosa cambia col ricalcolo

Tramite il sito dell'Inps, è possibile consultare il cedolino della pensione relativo al mese di aprile per consentire ai pensionati di verificare l’importo erogato mensilmente e le diverse voci ricorrenti (ad esempio ritenute Irpef) ma anche gli elementi variabili che si riferiscono a specifiche categorie di ex lavoratori e vengono descritti di volta in volta con appositi messaggi. Ovviamente, si potrà verificare anche l'importo erogato con tutte le trattenute fiscali applicate.

Le novità sulla pensione di aprile

Oltre all'Irpef del mese, le pensioni vedranno l'applicazione delle trattenute sulle addizionali regionali e comunali del 2021 (fino al mese di novembre). Inoltre, per i pensionati che guadagnano una cifra non superire a 18mila euro l'anno e per i quali è previsto un conguaglio a debito con una cifra superiore a 100 euro, proseguirà la trattenuta a rate di questo recupero fino al prossimo novemre. Come si legge su Pmi, invece, non subiranno trattenute fiscali le prestazioni di invalidità civile, le pensioni e gli assegni sociali oltre alle prestazioni "non assoggettate a tassazione per motivi particolari (detassazione per residenza estera, vittime del terrorismo)".

Quando saranno erogate

Come al solito, il primo giorno utile per il pagamento delle pensioni è la data del 1° aprile. Non ci sarà alcuna anticipazione sul pagamento dell'assegno, invece, per chi riceve la pensione da Poste Italiane: con la fine dell'emergenza Covid il 31 marzo, ci sarà un rientro alle regole ordinarie con la prima data utile in calendario che non sia un giorno festivo del mese. In questo caso, si partirà venerdì 1° aprile e si concluderà mercoledì 6 aprile. Per accedere online al servizio dell'Inps sul cedolino pensionistico, bisognerà autenticarsi tramite SPID, CNS o CIE. A quel punto si potrà avere accesso a diverse funzionalità tra cui tutti i cedolini, il recupero della Certificazione Unica con la possibilità di stamparla. Il cedolino, inoltre, si potrà avere anche via mail che nella posta ordinaria di casa.

Gli aumenti Irpef

Come abbiamo visto sul Giornale.it, grazie alle nuove aliquote molti pensionati avranno una tassazione minore sull’assegno anche se la prima fascia, quella del 23% per intenderci, non è cambiata ma, secondo i dati presentati dal Mef in un'audizione dello scorso 16 marzo, anche i redditi fino a 15mila euro dovrebbero beneficiare di circa 177 euro in più all'anno contro una media complessiva di 210 euro. Inoltre, alcuni di loro avranno diritto ad una detrazione ulteriore di 50 euro e fine marzo scatteranno le cosiddette perequazioni, cioè ulteriori aumenti degli assegni previdenziali per adeguare l’assegno pensionistico al costo della vita, cioè all’inflazione. Per quest’anno l’INPS ha previsto una rivalutazione dell’1,7%.

Commenti