Ombrellone, albergo e ristorante: quanto costano (davvero) le vacanze

Vacanze sempre più care, ecco quanto dovranno pagare gli italiani per andare in ferie. Dal viaggio all'albergo, tutti gli aumenti

Ombrellone, albergo e ristorante: quanto costano (davvero) le vacanze

La crescita dell'inflazione pesa anche sul costo delle vacanze, con prezzi sempre più alti su trasporti, spiagge e alberghi. A far aumentare le spese relative al turismo anche il caro bollette, un problema ormai sotto gli occhi di tutti.

Vacanze carissime

Stando agli ultimi dati diffusi da Demoskopika e riportati da Il Sole 24 Ore, circa la metà degli italiani non ha rinunciato alle vacanze, e ben nove su dieci avrebbero deciso di trascorrere le ferie nella penisola. I costi, tuttavia, sono sempre più alti. Si va da un minimo del +5% per le polizze viaggio a un massimo del +104% per le spese relative all'energia. In sostanza, la situazione è molto cambiata dall'estate del 2021.

Federconsumatori, che ha effettuato una simulazione, fa sapere che un nucleo familiare costituito da due adulti e due minori potrebbe arrivare a spendere circa 4.849,52 euro per una settimana di vacanza in una zona balneare, ossia più del 16,8% rispetto allo scorso anno. 4.128,04 euro, invece, il costo per sette giorni in montagna (+7,8%). Sale anche il prezzo per una crociera, +15,6%.

Il costo dei viaggi

Del resto significativi aumenti vengono riscontrati sin dall'inizio della vacanza, ossia il viaggio. Da una simulazione effettuata per il Sole 24 Ore da Facile.it vediamo come anche un semplice spostamento da Torino e Lecce in auto porti ad una spesa di 242 euro per la benzina (245 se diesel), con un incremento del 24,2%.

Peggio ancora se prendiamo in considerazione i viaggi in aereo. Stando a quanto riportato dall'Istat, soltanto nel mese di giugno di questo anno il prezzo dei voli è salito del 90,4% rispetto allo scorso anno, mentre con i traghetti siamo a un +18,7%. Aumentato del 35,55% anche il noleggio auto e il car sharing, così come il costo dei taxi +1,3%.

Il costo della villeggiatura

Ma non finisce qui. Una volta a destinazione, gli italiani dovranno poi fare conti con i costi di villeggiatura. Per chi sceglie la soluzione della casa in affitto, Scenari Immobiliari fa sapere con le sue stime che per un bilocale il prezzo oscilla dai 550 euro a settimana, se prendiamo in considerazione un'abitazione in costiera Cilentana. Il prezzo sale a 3.200 euro per una sistemazione a Capri. Naturalmente a ciò dovranno essere aggiunte le utenze, con l'impennata dell'energia.

Gli aumenti vengono comunque registrati anche per gli alberghi, il cui prezzo varia in primis a seconda della località. Bisogna poi tener conto che i prezzi sono più alti in località di mare (hotel +12%, B&B +31%), a cui va poi sommato il costo per un eventuale posto spiaggia (+10%). La montagna sembra aver subito minori aumenti (hotel +5%, B&B +25%).

Il costo del cibo

Al caro vacanze si aggiunge poi anche la crescita dei prezzi relativi ai pasti. Con un aumento, secondo l'Istat, del 4,5% su base annua. "L'inflazione dei prodotti alimentari e delle bevande, pari nel mese di giugno al 9%, si traduce per una coppia con due figli in un aumento del costo della vita pari a 692 euro su base annua", spiega infatti al quotidiano economico il presidente dell'Unione nazionale dei consumatori Massimiliano Dona. Ancora una volta Dona ha ribadito che per arrestare l'inflazione è necessario intervenire sulle speculazioni su luce, gas e carburanti.

Aumenti anche nelle polizze

Leggeri aumenti, infine, pure sulle polizze viaggio, con +5,2% rispetto allo scorso anno.

Commenti