Pagamenti, ecco come salvarsi dalla trappola sui contanti

Per accedere agli sconti fiscali sarà indispensabile usare pagamenti tracciabili. Ecco come salvare i bonus fiscali

Il requisito della tracciabilità è da considerarsi indispensabile per accedere agli sconti fiscali: stando alla legge di Bilancio 2020, è stato così allargato il suo campo di applicazione dallo scorso primo gennaio. Anche se un emendamento al decreto Milleproroghe ora in discussione al Parlamento potrebbe provocare lo slittamento del nuovo obbligo fiscale di almeno 60 giorni, va considerata la serie di azioni da mettere in pratica per non perdere le detrazioni fiscali al 19% (nel 730 o nel modello Redditi 2021). Ovviamente bisognerà armarsi di bancomat, carte di credito, prepagate, bonifici e assegni. Contanti.

Sanità

Oltre al documento di spesa, per quanto riguarda le spese sanitarie detraibili bisognerà conservare anche la ricevuta di pagamento. Si tratta di un onere probatorio: il contribuente può decidere se pagare con mezzi tracciati o meno, ma in caso negativo verrà privato del diritto alla detrazione. Tuttavia le legge stabilisce casi specifici di esonero pure tra le spese detraibili: spese per l'acquisto di medicinali e dispositivi medici e per prestazioni sanitarie rese da strutture pubbliche o da strutture private accreditate al Ssn, riporta Il Sole 24 Ore.

Nella maggior parte dei casi, in farmacia non vi è la necessità di ricorrere al pagamento tracciato, ma si consiglia comunque di pagare con carta di debito o credito; invece i servizi sanitari per i quali viene emessa fattura o documento commerciale esente Iva richiedono il pagamento tracciato. In parafarmacia possono essere venduti medicinali senza ricetta, anche veterinari ed omeopatici: i dispositivi medici si acquistano presso sanitarie, ortopedie e altri negozi, che danno diritto alla detrazione senza obbligo di tracciabilità.

Quando la fattura è emessa direttamente dal professionista, il contante è vietato per i pagamenti delle prestazioni di tutti i professionisti sanitari. Discorso diverso invece se viene emessa dalla struttura sanitaria in cui il professionista opera: in tal caso la tracciabilità è da considerarsi necessaria solamente se la struttura non è accreditata al Servizio sanitario nazionale.

Tutte le spese per le prestazioni di diagnosi, cura e riabilitazione sostenute presso strutture sanitarie non convenzionate con il Ssn dovranno essere obbligatoriamente tracciate: ad esempio cure terminali, test di laboratorio e spese del parto.

Si possono pagare per contanti le spese mediche e di assistenza specifica a patto che siano documentate; per contanti si possono pagare le spese per l'acquisto di medicinali e dispositivi medici. Vanno tracciate le spese per cani guida e veicoli adattati, per le spese per gli altri ausili per accompagnamento, deambulazione, locomozione e sollevamento e quelle per sussidi tecnici e informatici bisogna verificare la natura del bene: qualora venisse classificato come dispositivo medico, e di prezzo inferiore alle soglie antiriciclaggio, via libera pure al contante. Se sarà invece caratterizzato da un'altra classificazione (o supera le soglie massime), il pagamento va tracciato.

Il commercio elettronico è esentato dalla certificazione dei corrispettivi e dunque la fattura va chiesta espressamente al momento del pagamento. Per procedere agli acquisti online bisognerà verificare che la piattaforma sia legalmente autorizzata: siti con logo Minsalute per i farmaci; marchio Ce per dispositivi e altri prodotti. Le spese di spedizione sono detraibili come onere accessorio della spesa sanitaria. Se si acquistano insieme beni detraibili e beni non detraibili, le spese accessorie vanno ripartite proporzionalmente e detratte pro quota.

Per le spese sostenute all'estero non è prevista l'esclusione dalla tracciabilità: oltre alla documentazione di spesa, per la detrazione sulle spese sanitarie deve essere esibita la ricevuta di pagamento tracciabile. Per acquisti fuori dell'Unione europea è sempre consigliabile il pagamento tracciato.

Istruzione

Spese funebri, per l'istruzione universitaria, di frequenza scolastica, per asili nido e i premi per le assicurazioni detraibili dovranno essere pagate con modalità tracciabili. Nella stretta rientrano anche le spese per la pratica sportiva dilettantistica dei ragazzi di età compresa tra 5 e 18 anni e quelle per i canoni di locazione degli studenti universitari “fuori sede”, per gli addetti all'assistenza delle persone non autosufficienti per un importo non superiore a 2.100 euro. L'obbligo riguarda pure le spese per l'abbonamento ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale e quelle per canoni di leasing di immobile da adibire ad abitazione principale.

Dal prossimo primo luglio inoltre il limite per l'utilizzo del contante si abbasserà a 1.999,99 euro; a partire dal primo gennaio 2022 invece scenderà fino a a 999,99 euro. Per esercenti e professionisti permane l'obbligo di dotarsi di un Pos; al momento però non ci sono sanzioni per chi ne è privo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Chiara Mente

Lun, 03/02/2020 - 12:09

Quindi uno va dal medico specialista privato, quello gli dice che non ha il POS o che non gli funziona, a lui non gli fanno nulla perchè non sono previste sanzioni ed evade pure la prestazione mentre il paziente, costretto ai contanti, perde pure la detrazione? Veramente intelligenti al Governo!!!

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Lun, 03/02/2020 - 12:13

Musica per le mie orecchie, dopo settant’anni finalmente una lotta vera all’evasione fiscale

Gaetanogiacomo

Lun, 03/02/2020 - 12:22

Come si dice fatta la legge trovato l'inganno: Se il professionista sia un medico un dentista un catramista ecc. ti dice sono 500 euro con fattura oppure 400 euro senza fattura, cosa si fa? Se uno aspetta l'anno dopo per la detrazione al 19 % equivalente a 95 euro forse, se non cambiano le leggi nel frattempo, i vecchi dicevano pochi maledetti ma subito.

Ritratto di mario_caio

mario_caio

Lun, 03/02/2020 - 12:30

Premessa: i contanti (per chi non ha nulla da nascondere) non sono affatto una trappola bensì una misura a difesa della privacy. Detto ciò, oltre informazioni citate nell'articolo, andrebbe scritto chi raccoglie, elabora e gestisce questi dati. Andrebbero pubblicati i nomi delle società incaricate e precisato anche il tempo, ovvero la durata della loro archiviazione. Oltre al ministero delle finanze chi altri le può visionare? Questo è quello che al cittadino bisogna dire...SEMPRE.

menesbattoicogl...

Lun, 03/02/2020 - 12:32

Come si può pretendere che al governo ci siano persone intelligenti?

jaguar

Lun, 03/02/2020 - 12:34

Se pagando in nero si risparmia più denaro che con gli sconti fiscali, gli italiani si adeguano.

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Lun, 03/02/2020 - 13:05

@Chiara Mente Oltre al documento di spesa, per quanto riguarda le spese sanitarie detraibili bisognerà conservare anche la ricevuta di pagamento. Si tratta di un onere probatorio: il contribuente può decidere se pagare con mezzi tracciati o meno....CON MEZZI TRACCIATI O MENO...Basta interpetrare, per evitare di postare concetti sbagliati...

igiulp

Lun, 03/02/2020 - 13:20

Una giungla. Alla faccia della semplificazione. Si salvi chi può.

Ritratto di fergo01

fergo01

Lun, 03/02/2020 - 13:29

a tutti i fenomeni che gioiscono per la stretta fiscale sui professionisti dico che: 1/3 dell'evasione è attribuibile ai giganti del web, le grandi aziende per un altro terzo e tutti gli altri (autonomi, commercianti, liberi professionisti, lavoro in nero, affitti in nero) il terzo finale. domanda: è più facile fare una legge che obblighi i giganti del web (forse 10 presenti in italia) a pagare le tasse in italia pena la non vendibilità dei loro prodotti sul territorio oppure dare la caccia a centinaia di migliaia di PRESUNTI evasori con costi non indifferenti che dobbiamo pagare noi cittadini? se da qualche parte si deve iniziare, sia almeno quella più semplice e meno dispendiosa (oppure i colossi del web fanno parte della sinistra lobby che "gli altri sono tutti evasori"?). poi passiamo alle grandi aziende (banche e assicurazioni o chi ha trasferito la sede all'estero).... poi, dopo aver recuperato qualche decina di miliardi, passiamo alle briciole.... ma voi siete intelligenti

Pippoppip

Lun, 03/02/2020 - 13:44

Maledetti evasori di mxxxa!!!!

necken

Lun, 03/02/2020 - 14:17

ma allora quelli che lavorano in nero e vorrebbero spendere in nero sono discriminati...

Luthien

Lun, 03/02/2020 - 14:39

Chiara Mente, la tua mente non mi pare tanto chiara: l'obbligo del POS non centra nulla con la ricevuta fiscale: infatti quando tu paghi in contanti ricevi lo scontrino, se paghi con il POS ricevi lo scontrino E la ricevuta di avvenuta transazione. Se tu paghi il professionista in contanti lui ti emette comunque fattura. Inoltre forse tu non sei a conoscenza che l'utilizzo del POS prevede dei costi per il professionista che per ammortizzarli non fa altro che elevarti la parcella. Contenta tu...

Ritratto di tomari

tomari

Lun, 03/02/2020 - 14:42

stamicchia 12:13-Povero illuso! Cominciamo a risparmiare i 5 miliardi che si spendono per i clandestini, ai quali voi comunisti tenete tanto.

Jon

Lun, 03/02/2020 - 15:44

@stamicchia..non capisci una mixxxia..poveretto..Aumentera' il Nero..!! Intanto le Big continuano a non pagare le tasse..Amazon Facebook, google, Airbnb..tutti esenti..!! Che furbi gli Italiani..!!

gjallahorn

Lun, 03/02/2020 - 15:51

La macchina mediatica messa in campo da sinistra e M5S per creare nuovi mostri su cui concentrare, pardon, distrarre l' attenzione da un governo sbrindellato che non adotta una beata mxxxxxa di provvedimento strutturale è stupefacente. Ci si scervella sul contante o sul pos, ma non ci si conventra sul ridicolo del provvedimento: scontrino commerciale non valido per altri usi fiscali da conservare, scontrino pos (presumo) da conservare e la banca dati non probatoria? Fantastico, da barzellettiere, Italia -4.0.

Ritratto di Loudness

Loudness

Lun, 03/02/2020 - 16:27

Stamicchia, si vede lontano un miglio che non capisci una sega... il nero è l'ultimo baluardo di democrazia. Facciamo finta che domani l'evasione vada a "0" tu davvero credi che aumenteranno e miglioreranno i servizi ai cittadini? Aumenteranno gli sperperi, aumenterà la povertà e non ci saranno in giro soldi da reinvestire. Quando tu paghi in nero l'idraulico, i 100€ lui li usa per fare acquisti, sui quali paga comunque le tasse, e quei soldi restano in circolo. Se i soldi se li fotte lo Stato, spariscono dal circuito della disponibilità dei cittadini. Con l'evasione a "0" saremo tutti più poveri e miserabili, oltre che dipendenti dallo Stato in tutto e per tutto. Vedrai beota...

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Lun, 03/02/2020 - 17:10

@Loudness, quando la mattina lei va a lavoro in auto, l’asfalto che calpesta chi lo paga? Lei è stato a scuola? E i suoi figli? Se sta male, lo chiama il 112? Se deve farsi operare, in ospedale ci va? E il suo medico di famiglia? Chi provvede al rispetto dell’ordine pubblico? In caso di terremoto o altra calamità non interviene forse la Protezione Civile, in tutte le sue sfaccettature? Potrei continuare per ore. Tutti i servizi a cui lei accede giornalmente e che lei pretende siano sempre efficienti, ecco... SONO FINANZIATI DALLE TASSE. Nel suo mondo ideale basterebbe aver la necessità di fare una chemioterapia per dover dar via i risparmi di una vita e vendere tutte le proprietà in suo possesso e, probabilmente non sarebbero ancora sufficienti. Un consiglio paghi le tasse e baci dov’è più sporco di essere nato in Italia e non nell’America del vostro caro Trump, dove quello alla salute non è un diritto costituzionalmente sancito.

299

Lun, 03/02/2020 - 17:51

Spero che a quelli tipo stami(n)cchia, quando andranno dall'eccellentissimo eminente medico privato, visto che a loro la mutua "puzza", si sentiranno dire: sono 250,00 €.. ma mi dispiace, il pos si è rotto...

maxxena

Lun, 03/02/2020 - 18:38

Gent.mo stamicchia Lun, 03/02/2020 - 17:10 premesso che sono come lei contrario all'evasione, devo però ribatterla punto per punto: l'asfalto delle nostre strade è indecente, le autostrade cadono a pezzi, le scuole cadono a pezzi,quando necessitavo di una ecografia ho dovuto pagarla e in ospedale sono "sopravvissuto" a disorganizzazione e scarsi mezzi (non certo per colpa degli operatori), l'ordine pubblico attualmente è precario, non esistono regole di distinzione tra onesti disonesti, i terremotati sono ancora nelle baracche, per non parlare del Rigopiano..potrei andare avanti per ore.Se lei non ha vissuto tutto questo almeno in parte, allora vive nella villa di Benetton o in un altro stato.(oppure paga tutto quello di cui ha bisogno). Concordo però sul fatto, che il nostro sistema (se funzionasse) sarebbe sicuramente migliore di altre realtà viste spesso attraverso il filtro della leggenda.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 03/02/2020 - 19:29

Ma del codice fiscale che ce ne facciamo?

necken

Lun, 03/02/2020 - 20:53

perche non si comincia con dedurre dall'IRPEF il 730 tutte le spese presso artigiani, medici e professionisti vari sulla base di fatture e pagamenti tracciati?

Ritratto di gianluca61

gianluca61

Lun, 03/02/2020 - 21:56

povero stamicchia. Arrivare alla tua età e aver imparato solo al filastrocca che allo Stato servano i soldi delle tasse per asfaltare le strade o pagare gli ospedali. L'Italia è in avanzo primario da più di 17 anni, ovevro incassa più di quel che spende per noi e nessuno lo dice. Informati su cosa è il Signoraggio Bancario e capirai dove vanno a finire i soldi che ci spremono.

att

Lun, 03/02/2020 - 23:56

@stamicchia:l'asfalto che calpesto la mattina andando al lavoro lo pago, cosi come anche i danni alla macchina dovuti alle buche (quelle a gratis!), i figli a scuola, quale?...quella che un ministro dice di marinare??...quella dove viene loro insegnati che la famiglia è un'aberrazione, i sessi sono tre se non più?...mamme e papa non esistono ma genitori numero???...chiami 112 e quando arriva? oppure cosa fa?...per una visita medica, oggi si aspetta da un anno in su (fondo occhio 13 mesi, ecografia più o meno lo stesso, ecodopler, 12,5 mesi)...io sono un dipendente! tassassimo!!...dove sono i servizi dello Stato????

Rixga

Mar, 04/02/2020 - 00:23

Ecco il nuovo salva-banche! Mi domando perché siamo obbligati a pagare tutto con una certa tracciabilità e a non usare più i contanti. La coercizione non è democratica, ma fascista, e questo lo definirei fascismo economico, poiché tocca usare dei servizi che sono a pagamento ed in mano a privati che così facendo ottengono a discapito di tutti gli altri un notevole vantaggio. Chi devono salvare ancora dopo MPS, Etruria, Pop di Bari etc ...???

Antonio Chichierchia

Mar, 04/02/2020 - 08:11

@necken. Se un artigiano deve emettere ricevuta tracciabile, dentro ci troverai il suo 23% di INPS, il suo 25% (medio) di IRPEF ed il 22% di IVA dello Stato. Il quale Stato provvederà ad elargire il Reddito di Cittadinanza ai posteggiatori abusivi napoletani che sono in attesa che i Navigator gli trovino un posto di lavoro.Diverso è il caso dei percettori di RDC che erano allo stremo psico fisico come i tanti casi che sono stati documentati. Grillo una volta disse:"io non ci voglio vivere in un paese dove la gente dorme in macchina,dove i vecchi vanno a raccogliere le verdure cadute dai banchi del mercato". Neanche io ci voglio vivere,ma questa si chiama assistenza ed è benemerita, invece ce l'hanno veicolata come lavoro e questo fa parte dell'arte di incantatori di vaglia.

Chiara Mente

Mar, 04/02/2020 - 09:27

@WjnnEX @Luthien , delle due l'una: o non leggete quello cui rispondete o avete capito poco. Semplicemente ho detto che se non ci sono sanzioni per chi NON si dota di strumenti per cui si possa fare il pagamento tracciabile, chi dovrebbe non li installa o afferma che non funziona. A questo punto il cliente è costretto a pagare in contanti la prestazione e, in ambito sanitario, perde pure la detrazione. Il professionista medico, ai contanti non emette la ricevuta; il cliente del resto sa che la sola ricevuta non serve perchè occorre lo scontrino tracciabile, paga e se ne va. Se avete fatto lo sforzo di leggere fin qui, forse avrete capito.

diegom13

Mar, 04/02/2020 - 10:12

Quello del contante, collegato all'evasione fiscale, è un falso problema. E questa non è una soluzione. Al contrario, trattandosi di un sistema esageratamente burocratico temo che generi costi più elevati, errori a non finire, e alla fine prezzi più alti per il consumatore. Quanto al campo delle spese ad oggi detraibili, l'eccesso burocratico scoraggerà la detrazione di piccoli importi. Alla fine forse le entrate fiscali aumenteranno un po', ma non per lotta all'evasione fiscale, ma perché molti rinunceranno à parte dei loro diritti a causa del fardello burocratico o li perderanno per via di qualche errore procedurale. Se sono spese già detraibili, a che serve modificare le modalità di pagamento (comunque già tracciabile) e solare una lista infinita di casi e di eccezioni? A che serve, se non a scoraggiare e indurre in errore?

Luthien

Mar, 04/02/2020 - 11:56

Chiara Mente: l'assioma che il professionista medico viene pagato in contanti non emette ricevuta avviene solo nel tuo mondo fantastico. Invece il mio mondo reale è fatto di fatture regolarmente emesse a fronte di qualunque tipologia di pagamento e di un aggravio del 1,95% ad ogni pagamento elettronico.

Chiara Mente

Mar, 04/02/2020 - 16:57

Luthien, lei sarà pure integerrimo e emetterà sempre fattura o ricevuta per le sue prestazioni professionali, quali che siano i mezzi di pagamento dei suoi clienti. Nel mio mondo, reale al massimo le assicuro, ci sono professionisti che ti rimandano alla segretaria la quale ti dice tranquillamente " X euro con ricevuta o un po' meno senza, grazie" ovvero, e peggio, "il POS non funziona, può cortesemente pagare con contanti?". Poi, per carità, ci sono quelli come lei, corretti. Del resto, se così non fosse, mi può dire perchè il governo ha introdotto questo meccanismo della Ricevuta fiscalmente valida + la Tracciabilità del pagamento? E perchè si è dimenticato delle sanzioni per chi non si dota del POS? Senza sanzioni, poi, che obbligo sarebbe mai? In questo modo colpiscono solo i pazienti/clienti ed infatti hanno già messo in conto della ultima Finanziaria oltre 500 milioni di euro di minori detrazioni IRPEF per il 2020. Ca' nisciun è fess.

Luthien

Mar, 04/02/2020 - 17:46

Chiara Mente il paziente ha la facoltà di esigere l'emissione della ricevuta nel caso questa non venga fatta. Ovviamente la finalità è quella di detrarla poi dalle tasse. Il vero problema è che in questo paese la quota di detrazione è ridicola. Questo disincentiva in primis il paziente che molto spesso preferisce uno sconto subito senza fattura. La tracciabilità dei pagamenti non pone un rimedio a questa abitudine, anzi la aggrava perché comporta un ulteriore innalzamento delle tariffe da parte del professionista che scarica sul paziente i costi dei pagamenti elettronici. Questa iniziativa è solo un ulteriore regalo alle banche.