Pensioni con "conguaglio". Cosa cambia a febbraio

Scatta il "conguaglio" sugli assegni di febbraio dopo il taglio per errore su quelli di gennaio: ecco le novità sul cedolino

Finisce il mese e arrivano le nuove pensioni. L'accredito dei nuovi assegni scatterà tra l'1 e il 3 febbraio. La data dipende se l'accredito avviene presso un istituto bancario o presso Poste italiane. Perché parliamo delle pensioni di febbraio? Il motivo è presto detto: con la nuova mensilità scatterà un conguaglio sui cedolini per porre rimedio ad un errore dell'Inps sugli accrediti di gennaio. Di fatto, come abbiamo già raccontato lo scorso mese, circa 100mila assegni sono stati "tagliati" per un errore di calcolo da parte dell'istituto di previdenza sociale. Va sottolineato che l'Inps aveva provveduto immediatamente a comunicare il "conguaglio" di febbraio per spegnere l'allarme scattato tra i pensionati scippati di una fetta del loro assegno dalla sera alla mattina con l'accredito della prima pensione dell'anno. L'Inps aveva inoltre invitato tutti i pensionati colpiti dalla sforbiciata a rivolgersi all'ufficio più vicino dell'istituto per segnalare quanto accaduto ed ottenere ulteriori spiegazioni. Di fatto con l'accredito del 3 gennaio scorso erano stati segnalati parecchi errori sull'applicazione del "bonus Poletti". In totale, secondo le stime dei sindacati, sarebbero stati colpiti almeno 100mila pensionati in tutta Italia.

Sono arrivate infatti segnalazioni dalla Toscana, dall'Umbria e anche dal Friuli Venezia Giulia. Con l'accredito del prossimo 1-3 febbraio il maltolto verrà restituito. I pensionati dunque dovranno controllare con attenzione il cedolino per confrontarlo con quello di gennaio per capire la differenza sull'importo. I 100mila pensionati penalizzati dovrebbero ricevere qualche decina di euro in più sulla pensione. In caso di mancato accredito della quota tolta a gennaio è bene rivolgersi all'Inps o ad un Caf che segue le procedure previdenziali per segnalare l'ammanco sul cedolino. E in questo caso è bene ricordare i consigli che ci aveva dato un mese fa l'avvocato Celeste Collovati di Dirittissimo (rivalutazionepensione@gmail.com): "Quando avete dubbi sul vostro importo pensionistico, il consiglio è quello di far leggere il cedolino della pensione che potete scaricare dalla vostra pagina personale con l’accesso tramite il pin alla pagina My Inps, ad un consulente previdenziale in in quanto di errori ce ne sono possono essere diversi sia dal punto di vista del quantum sia dal punto di vista del diritto che vi spetta. Dalla lettura del cedolino si può poi anche evincere se è possibile fare ricorso amministrativo all’Inps tramite il supporto di un avvocato meglio se specializzato nella materia".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

tremendo2

Ven, 31/01/2020 - 17:05

lasciate perdere. Per avere una risposta dall'Inps ci vuole più di un anno.

Cesare007

Ven, 31/01/2020 - 17:38

Il metodo contributivo già snellisce di molto l'ammontare della pensione. Portare poi l'età pensionabile a 67 anni, cioè quella alla quale non tutti ci riescono ad arrivano, e quindi, se possono, escono dal lavoro prima, è un'altra scusa per abbassare le pensioni. In questo modo i Francesi gireranno il mondo e gli Italiani i cassonetti.

bernardo47

Ven, 31/01/2020 - 17:47

questa questione riguarda una piccola percentuale dei 16 milioni di pensionati....

bernardo47

Ven, 31/01/2020 - 17:48

questa questione riguarda una piccola percentuale dei 16 milioni di pensionati......

EliSerena

Ven, 31/01/2020 - 18:24

@treendo2 - A lei piace raccontare bufale. La pensione dei miei era ok ma a hanno avuto la risposta al telefono in 3 minuti. Poi comunque ci sono i patronati che svolgono un eccellente servizio gratuito. Vada a farsi un altro grappino falso, le persone come lei mi fanno pena

moichiodi

Ven, 31/01/2020 - 22:35

Ancora in passatempo sullo "scippo" delle pensioni.

il Pungiglione

Sab, 01/02/2020 - 07:39

SONO IN ATTESA DA GIUGNO DEL ASSEGNO DI ACCOMPAGNAMENTO HO DOVUTO CORRERE IN LUNGO E IN LARGO CON L' AMBULANZA PER UN TOTALE DI QUASI 2000 € SPESE PER TALI TRASPORTI, PER CONFERMARE PRESSO GLI UFFICI COMPETENTI LA MIA INVALIDITA' IN PRATICA AL TERMINE DI QUESTA ODISSEA MI DONO SENTITO DIRE CHE L' ASSEGNO DI ACCOMPAGNAMENTO COI RELATIVI ARRETRATI SAREBBERO STATI PAGATI CON L' ASSEGNO DI FEBBRAIO OLTRE ALLA SOLITA PENSIONE, OGGI MI E' ARRIVATO QUESTO ACCREDITO, IMPORTO DEL ASSEGNO ACCREDITATO OLTRE GLI ARRETRATI A ME SPETTANTIE E' STATO DI 450.21 € CREDO CHE, NON CI SIANO ALTRE PAROLE DA AGGIUNGERE.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 01/02/2020 - 08:17

Ma veramente che ci sono nell'aria altre elezioni?

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Sab, 01/02/2020 - 08:42

e si..andare dall'avvocato specialista.e chi lo paga?? chiedete a quanto ammonta la parcella....conviene perdere qualche decina di euro...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 01/02/2020 - 09:31

e questo governo ha i lcoraggio di dire che abbassa le tasse? Ma ci prende tutti per stupidi? Già, metà popolazione gli ha creduto e vota ancora a sinistra. Masochisti?

Ernestinho

Sab, 01/02/2020 - 10:59

Io sto in carrozza! A Gennaio ho avuto un aumento di ben (udite, udite) 4 €. netti mensili rispetto all'anno precedente! Che, aggiunte alle 138 0 €. lorde mensili in 10 anni mi fanno vivere da nababbo!

flip

Dom, 02/02/2020 - 11:56

a leggere i commenti sembra un bollettino di guerra che mi fà pensare che ogni regione o provincia abbia la sua personale INPS. O sono diventato babbeo (per la vecchiaia) oppure l'inps della mia regione e provincia non mi sembra che crei problemi e disguidi. Cè anche un'ottimo sindacato al quale mi sono rivolto per chiarimenti. Ma tutto era regolre ed a norma di Legge.