Ora cambiano le buste paga: i nuovi importi per gli statali

L'offerta del governo: incrementare lo stipendio più del 4%. Ma i sindacati protestano e pretendono ancora più soldi per i dipendenti pubblici

Il governo rischia di far crescere l'odio tra cittadini garantiti e quelli che non lo sono. A pagare il costo della seconda ondata del Coronavirus saranno nuovamente i lavoratori privati, mentre gli statali si potranno ritenere ancora una volta protetti. "Ignorare questa differenza oggi significa favorire l'odio sociale e in questo momento c'è bisogno di tutto tranne che di odio sociale. Se si continua a dividere cittadini si mina il l'unità del Paese", era l'allarme lanciato da Eugenio Massetti, presidente di Confartigianato Lombardia, a ilGiornale. Evidentemente però per il premier Giuseppe Conte si tratta di un fattore irrilevante e non degno di meritare riflessioni. Anche se in realtà va detto che di tempo per i dipendenti pubblici ne ha dedicato.

Eh sì, perché il governo ha pronto sul tavolo un'offerta per un incremento di stipendio - a regime - leggermente superiore al 4%. Il tutto è messo nero su bianco nella relazione tecnica al disegno di legge di bilancio appena inviato in Parlamento. La proposta può essere riassunta e tradotta così: a fronte di una retribuzione media di 34.250 euro lordi l'anno, corrisponde un aumento effettivo pari a circa 107 euro mensili (sempre in termini lordi). E il presidente del Consiglio deve darsi pure una mossa: anche quest'anno la trattativa si svolgerà in extremis, nell'ultimo anno di validità del vigente contratto relativo agli anni 2019-2021.

La protesta dei sindacati

All'inizio di questa legislatura sono state definite progressivamente le risorse necessarie a finanziare gli incrementi retributivi: 1,3% nel 2019, 2,01% per il 2020 e 4,07% a partire dal 2021. Tuttavia, come riporta Il Messaggero, c'è qualcuno che non ci sta e alza la voce per protestare: i sindacati. Quantificando l'importo dell'aumento in 83 euro lordi - ritenuto troppo basso - l'offerta viene vista come insufficiente. Le sigle di categoria di Cgil, Cisl e Uil sottolineano che i dipendenti pubblici chiedono non solo "aumenti salariali in linea con la condizione economica delle famiglie" ma soprattutto pretendono "di non vedersi sottratte dalla busta paga somme già erogate in questo momento".

Le somme stanziate comprendono ulteriori voci: elementi come l'indennità di vacanza contrattuale scattata dal 2019 e i fondi destinati al salario accessorio di militari e forze di polizia, ad esempio, verrebbero assorbiti negli aumenti rendendoli di fatto più bassi rispetto alla situazione attuale. In media 83 euro mensili, stando al calcolo del sindacato Unsa, mentre con il precedente rinnovo gli statali avevano ottenuto circa 85 euro lordi in più al mese. Nel frattempo i sindacati, insoddisfatti dei fondi stanziati in manovra per il rinnovo contrattuale, hanno proclamato lo sciopero dei dipendenti pubblici per il 9 dicembre.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Zorro474

Zorro474

Sab, 21/11/2020 - 10:14

Ma non hanno vergogna? I dipendenti pubblici hanno il posto assicurato, non rischiano né il licenziamento né la cassa integrazione. Un governo serio, vista l'emergenza economica di milioni di persone, dovrebbe avere il coraggio di dire che tutti devono fare sacrifici. Ma il coraggio se uno non ce l'ha non se lo può dare.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 21/11/2020 - 10:16

siccome la maggior parte degli statali sono di sinistra o presunti tali, fossi in loro, non mi lamenterei proprio, anzi, se invece del 4% fosse proposto il 2% , starei zitto! perchè questo non è affatto il momento di lamentarsi, quando ormai il 50% delle attività commerciali è a rischio chiusura, poi come li manteniamo?

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 21/11/2020 - 10:17

Forse che nella maggior parte dei casi sono quelli che lavorano di più?????????

Popi46

Sab, 21/11/2020 - 10:46

Il pubblico impiego,gran serbatoio di voti per la Triplice,è stato per decenni una delle piaghe purulente di questa nostra società, così come si è andato configurando, sicuro,inamovibile,zeppo di lavativi del cartellino timbrato dal compare mentre il titolare si faceva gli affari suoi e caratterizzato da un elevato grado di morbilita’ con giustificazione medica.... In pochi hanno tirato la carretta per i tanti. E nessuno provi a contestare, perché sono stata dipendente pubblico per 40 anni

Ritratto di asimon

asimon

Sab, 21/11/2020 - 10:48

tutta la colpa della Disfunzione Pubblica è da addebitare alla classe politica, prima DC e ora PD che per mantenere un serbatoio di alcuni milioni di voti hanno dato alla triplice sindacale un potere assoluto, addirittura i famigerati "distaccati" cioè decine di migliaia di sindacalisti stipendiati dagli enti pubblici ma per fare esclusivamente attività sindacale con promozioni e aumenti di stipendio garantiti alla faccia dei veri e diligenti lavoratori della PA. Sarebbe ora di dire: scioperate? bene fate pure tanto gli italiani non si accorgeranno di nulla!!!

venco

Sab, 21/11/2020 - 10:49

Abbiamo capito, sindacati al servizio degli stipendiati pubblici, nel privato nessuno li vuole più. Più si pagano gli statali e più aumentano le tasse sul privato per pagare i loro lauti stipendi.

Ritratto di moshe

moshe

Sab, 21/11/2020 - 10:51

persone licenziate, senza uno stipendio, con l'attività in fallimento e senza sussidi e cassa integrazione ed i sindacati fanno fuoco e fiamme per l'aumento della busta paga degli statali, persone con un posto fisso e sicuro ed uno stipendio garantito, E' UNA VERGOGNA, UN INSULTO AGLI ITALIANI !!!!!

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Sab, 21/11/2020 - 10:59

lavorano da casa,cosi' nessuno li controlla...hanno tutto e di piu'..alle 14 staccano e vanno a fare qualche altro lavoretto pe r non annoiarsi...e fanno pure sciopero.non commento altro

bernardo47

Sab, 21/11/2020 - 11:34

Una situazione come questa, deve indurre alla prudenza nella spesa pubblica...,,e vale per tutti ......

agosvac

Sab, 21/11/2020 - 11:50

Buste paga degli statali? E che pericolo corrono? Di sicuro Conte provvederà ad aumentare gli stipendi visto che sono un casino di voti per lui. Gli statali sono l'ossatura su cui si basa Conte per quei consensi che, ancora, gli rimangono: sono felici e contenti dello smart working, così hanno la giustificazione di rimanere a casa a fare ancora meno di quello che facevano in ufficio. Lo stipendio non dipende dal lavoro, corre sempre in ogni caso anche con una reclusione a casa ferrea!!!!! Ai pensionati si potrebbe anche ridurre la pensione, agli statali non si può assolutamente ridurre lo stipendio, sennò votano per altri.

giulio1963

Sab, 21/11/2020 - 11:52

Visto che questi lavativi hanno avuto il coraggio di scioperare, proviamo anche noi a fare lo sciopero delle tasse?

giulio1963

Sab, 21/11/2020 - 11:56

A conferma si quello che dice l'articolo, la scorsa settimana ho discusso di quanto sta accadendo con due (ex) amici dipendenti statali. Non solo sono agevolati dalla situazione, ma snobbando coloro che garantiti non sono, minimizzando quanto sta accadendo e dicendo che siamo solo dei lagnosi. Ovviamente li ho mandati violentemente affa e, quando hanno cercato di richiamarmi ho rinnovato, con loro ho chiuso per sempre, Conte, al pari di loro, non sta capendo, nessuno a Roma sta capendo.

giulio1963

Sab, 21/11/2020 - 11:58

Io sono di destra, però non vedo grosse reazioni da parte di Salvini e Meloni.

bernardo47

Sab, 21/11/2020 - 11:59

Le parti pare siano vicine, penso che sciopero sarà revocato....., e pure infermieri medici e tecnici sanitari sono lavoratori pubblici, circa 600000, e pure forze dell’ordine, insegnanti, ecc..... quindi calma e gesso...,,; si pensi piuttosto ai bancari asserragliati dentro a 16 mensilità..... ecc. ecc....ecc.

Giorgio5819

Sab, 21/11/2020 - 12:06

Soggetti senza vergogna, come del resto si conviene in un marasma gestito da comunisti.

titina

Sab, 21/11/2020 - 12:22

però in tempi normali quando gli statali guadagnano due lire ( gli stipendi degli statali non dirigenti sono molto bassi, non dimentichiamolo) e le partite iva guadagnano mooolto di più nessuno sottolinea la differenza.

Enne58

Sab, 21/11/2020 - 12:28

Giulio 1963: concordo, aggiungo anche che ormai i sindacati esistono solo per difendere i privilegi di chi è già privilegiato, quindi inservibili per lavoratori

Seawolf1

Sab, 21/11/2020 - 12:35

protestano pure al reddito di fancazzismo...

jaguar

Sab, 21/11/2020 - 12:49

Avranno di più del 4%, gli statali sono il principale serbatoio di voti del governo.

ItaliaSvegliati

Sab, 21/11/2020 - 12:57

Da questo governo 2€ per gli eroi infermieri, 5 miliardi per i CLANDESTINI, ricordatevi quando andate a votare!!!

giulio1963

Sab, 21/11/2020 - 12:57

titina, io sono un libero professionista e, per fortuna, la mia attività non è stata molto colpita da questa situazione, quindi parlo per principio, perché i liberi professionisti e le P.IVA, tanto invidiati dai comunisti e dagli statali perché guadagnano mooolto di più, lo fanno perché lavorano almeno 250 ore al mese, non hanno ferie pagate, non hanno la tredicesima e, se si ammalano, è un problema loro. Infine, lasciamo perdere il discorso dell'evasione fiscale perché io lavoro solo con aziende, quindi fatturo TUTTO e anche quelli che lavorano con i privati fatturerebbero tutto se i suddetti privati cittadini chiedessero la fattura e/o lo scontrino che, invece, per la maggior parte non chiedono per non pagare l'IVA, quindi ...

giulio1963

Sab, 21/11/2020 - 13:04

Sì Enne58, perché se volessero veramente difendere i diritti dei lavoratori italiani, sarebbero ben altre le cose da fare, ben più faticose e meno remunerative per loro, tipo impedimento della fuga della produzione italiana in Asia o Est Europa o denuncia di attività di lavoro in nero. Sa che beneficio ne avrebbe l'intera economia italiana? Ma si metterebbero contro lobby di potenti.

giulio1963

Sab, 21/11/2020 - 13:07

E comunque, titina, nessuno impedisce a un dipendente statale di mettersi a lavorare in proprio e aprire partita IVA, sa? Non siamo ancora in un regime comunista dove è lo stato che decide ciò che ciascun cittadino dovrà fare nella vita.

angelorosa

Sab, 21/11/2020 - 14:04

credo che il sindacato stia facendo un grosso pasticcio, voglio ricordare che questi lavoratori godono di benefici che altri manco si sognano anche per il solo fatto che il proprio posto è super garantito rispetto ai privati. Da una indagine fatta dello stesso sindacato nell'ambito pubblico è risultato che c'è un surplus di dipendenti di oltre un terzo. E'detto tutto e tu paga e taci. Povera Italia.

stefano.f

Sab, 21/11/2020 - 14:06

Qualcuno che festeggia e si augura duri a lungo il Covid ,c'è: le banche italiane e in generale. Prolongato lo stop allo stacco dei dividendi un altra volta. Del resto le condizioni delle banche italiane in realtà sono molto precarie. E questa ne è la riprova... Gli azionisti anche quelli piccoli invece piangono. Non solo si sono visti dimezzati il valore delle azioni in meno di 6 mesi ,ma non prendono nemmeno quanto gli spetterebbe.

angelorosa

Sab, 21/11/2020 - 14:06

discorso sacrosanto diverso per quei settori del pubblico impeigo che sono anche oggi in prima linea per combattere la pandemia compresi ovviamente TUTTE le Forze dell'Ordine che sono retribuiti con una miseria per lo snervante la voro che fanno. A questi gli aumenti devono essere dati in forma largamente superiore a quel 4% previsto.

Ritratto di Biglucio

Biglucio

Sab, 21/11/2020 - 15:10

Zorro474 Sab, 21/11/2020 - 10:14 Magari mi spiega compiutamente cosa diavolo c'entrano i dipendenti pubblici se il governo con i sindacati decidono di aumentare lo stipendio? E' per caso colpa dei dipendenti pubblici se altre figure si accordano? Io sono uno statale e non ho nessuna possibilità di contrattare i miei emolumenti in quanto sono i sindacati che si accordano con l'ARAN. Porca miseria lasciateci in pace e prendetevela con chi di dovere. Anche noi siamo padri e madri di famiglia. E' ora di smetterla di parlare dei pubblici dipendenti come della feccia della società. IO RIVENDICO CON TUTTE LE MIE FORZE LA MIA POSIZIONE DI IMPIEGATO STATALE DI 2 AREA. A 1500 EURO AL MESE PER 13 MENSILITA'. Sapeste quanti ne conosco di autonomi che NON fatturano, NON emettono ricevute fiscali, NON pagano contributi. BASTA!!!!!!!!!

Ritratto di Biglucio

Biglucio

Sab, 21/11/2020 - 15:16

Tutti commenti di superesperti di pubblico impiego. L'unico a metterci una faccia contro di voi resto io che non sono di sinistra e voto Lega, ma lavoro ogni giorno con profitto. Nessuno nega che a fronte di questo periodo stiamo RELATIVAMENTE meglio, ma che dobbiamo essere il bersaglio di chi del pubblico impiego non conosce nulla di nulla non ci sto! Ripeto come in un altro commento. Prendetevela con chi è sopra di noi. Noi piccoli molto spesso SUBIAMO ingiustizie che nemmeno ve li sognate. Anche basta adesso. Noi siamo utili come lo siete voi. Se noi non esistessimo VOI NON ESISTERESTE ALTRETTANTO!!!

giulio1963

Sab, 21/11/2020 - 15:40

Biglucio, lo sa che il 9 dicembre è indetto uno sciopero dei dipendenti pubblici? Per quanto riguarda il non pagare le tasse dei iberi professionisti, anche qui sembra male informato, perché io le tasse le pago tutte perché lavoro con aziende e, se i privati non volessero risparmiare l'IVA e chiedessero sempre la fattura o lo scontrino, anche i professionisti che lavorano con i privati pagherebbero tutto quello che è previsto, quindi, chi ci accusa di evasione fiscale, si faccia, prima, un piccolo esame di coscienza, per favore.

giulio1963

Sab, 21/11/2020 - 15:50

E comunque, Biglucio, questa discussione tra lei e me è la conferma di quello che dice l'articolo, cioè che certi provvedimenti, presi in un momento come questo, che più sbagliato non potrebbe essere, creerà sicuramente delle tensioni fra chi ha un lavoro e uno stipendio garantito e chi no.

Enne58

Sab, 21/11/2020 - 16:33

Biglucio:se sono le parti che decidono dovrebbero decidere anche in base al momento in cui ci troviamo e non a senso unico come sta succedendo, il rimprovero arriva non per partito preso, ma in base all'inneficenza generale del servizio pubblico, lungaggini, mai una risposta certa, rimbalzi tra i vari uffici, nessuna responsabilità, stipendio certo. Sicuramente lei non usufruirebbe di una azienda privata con tali comportamenti la quale per sopravvivere deve comportarsi in ben altro modo. Mi spiace dover ricordare che è il dipendente pubblico al servizio del cittadino e non viceversa come in effetti sta succedendo ora

Sempreverde

Sab, 21/11/2020 - 17:04

Possono scioperare anche per un anno: non se ne accorge nessuno e non cala neanche il PIL nazionale. Sono solo voti. Brunetta li ha trattati come meritano.

Ritratto di Biglucio

Biglucio

Sab, 21/11/2020 - 17:22

Egr. giulio1963. Il 9 dicembre era stato proclamato uno sciopero del pubblico impiego, ma come forse ignora, è stato revocato, salvo ulteriori ripensamenti. Il fatto che sia stato indetto uno sciopero, il cui diritto è costituzionale, sappia, visto che lei crede di sapere tutto, che la partecipazione è di gran lunga inferiore ai dati enunciati dai promotori. All'incirca il 15/20 % e mi tengo molto largo. E sa per quale motivo? Perchè una giornata di sciopero comporta la perdita della relativa paga riferita, comprese tutte le altre voci stipendiali. Pertanto la storia secondo cui una giornata di sciopero è un giorno di vacanza gratis è una BUFALA COLOSSALE giusto per menti labili. Detto questo, ammesso e non concesso che questo non sia il momento più giusto per questo genere di aumenti stipendiali, continuo a non capire il motivo del perchè ve la prendete con i pubblici impiegati e NON con i veri responsabili.

Ritratto di Biglucio

Biglucio

Sab, 21/11/2020 - 17:24

continua: E stia tranquillo che sta dialogando con un elettore della Lega di Salvini ancorchè deluso e che forse alle prossime elezioni si sposta su Fratelli d'Italia. Perchè io all'Italia e alla bandiera ci credo ancora.

Ritratto di Biglucio

Biglucio

Sab, 21/11/2020 - 17:30

Enne58 Sab, 21/11/2020 - 16:33 Lei sa solo generalizzare. Naturalmente ignora di cosa sta parlando perchè si esprime solo su situazioni a lei conosciute. Come ho già spiegato noi impiegati non siamo i responsabili di tutto quanto ci riversate addosso ma siamo SOLO semplici esecutori di disposizioni. Ovviamente lei considera il pubblico dipendente un privilegiato rispetto alla sua persona senza valutare minimamente che senza il pubblico impiegato lei non potrebbe MAI usufruire di alcun servizio dalla pubblica amministrazione. Volete solo scatenare l'opinione pubblica contro lavoratori, perchè anche noi siamo lavoratori anche se non ci crede, senza nemmeno capirne i motivi. Che povertà di pensiero che esprime.

stef1600

Sab, 21/11/2020 - 17:58

Ma i sindacati sono sicuri che la base approvi uno sciopero in questa situazione? Io sono statale e sono contrario, e se mi chiedessero di votare si o no per gli aumenti, voterei no come fu per il famoso referendum per la scala mobile promosso al tempo di Craxi (ero giovanissimo allora). Che bella figura che faremmo! Gli statali non vivono sulla Luna, vivono, semplificando, grazie alle tasse e se andassimo a fondo saremmo solo tra gli ultimi ad affogare. Magra consolazione.