Afghanistan, kamikaze contro il consolato Usa: morti gli assalitori

L'attentato è stato rivendicato dai talebani: almeno sei le vittime. Colpita anche l'amministrazione provinciale della provincia sud-orientale di Paktika

Afghanistan, kamikaze contro il consolato Usa: morti gli assalitori

Almeno cinque kamikaze si sono fatti esplodere questa mattina in Afghanistan, in attacchi che hanno colpito il consolato statunitense a Herat e la sede dell'amministrazione distrettuale di Paktika, provincia sud-orientale del Paese, al confine con il Pakistan. Almeno sei le vittime degli attacchi, 37 i feriti.

Un camion pieno di esplosivo - secondo il generale Rahmatollah Safi, capo della polizia di Herat - è saltato in aria alle 5.30 davanti alla sede consolare americana. Un gruppo di militanti ha cercato di ingaggiare in una sparatoria gli addetti alla sicurezza.

L'attentato a Herat è stato rivendicato dai talebani. Tre agenti e 18 civili sono rimasti feriti, cinque kamikaze e un agente della sicurezza sono rimasti vittime della forte esplosione. Sarebbero invece 16 i feriti a Sarawza, in provincia di Paktika. Tra di loro - secondo il capo della polizia Dawlat Khan Zadran - "dieci agenti, due membri dei servizi segreti e quattro civili".