Mondo

Ora anche la Transnistria chiede l'annessione a Mosca

La regione russofona della Moldavia preme per un ritorno a Mosca. Tensioni con l'Ucraina: cresce il timore di uno scontro armato. La Nato: "Le truppe russe sono consistenti"

Ora anche la Transnistria chiede l'annessione a Mosca

Dopo la Crimea ora tocca alla Transinistria, regione della Moldavia a prevalenza russofona che nei giorni scorsi aveva chiesto l'annessione a Mosca. Un referendum si era tenuto in realtà già nel 2006: allora ben il 97% dei votanti aveva chiesto un ritorno alla Russia, ma sia il procedimento che il risultato non vennero riconosciuti dalla comunità internazionale.

Le vicende ucraine hanno ora rinfocolato le pulsioni separatiste e lungo il confine orientale dell'Ucraina si starebbero assembrando le truppe di Mosca. "Le truppe russe sono ben consistenti e in allerta", ha detto il generale Philip Breedlove, a capo del Comando alleato dell’Europa, "La forza russa sul confine orientale ucraino che corre parallelo alla Transnistria è sufficiente e inquietante. La Russia sta agendo più come un nemico che come un partner".

Il timore è quello di uno scontro armato tra Ucraina e Russia. Un rischio che "sta aumentando", a detta del ministro degli Esteri ucraino Andrii Deshchytsia in una intervista all’Abc, "Non sappiamo che cosa ha in mente Putin e quali saranno le sue decisioni. Questo perchè la situazione sta diventando sempre più esplosiva rispetto alla settimana scorsa". Situazione smentita da Mosca e dal vice ministro della difesa russo Anatoly Antonov: "Rispettiamo gli accordi"

Commenti