Sanzioni doppie per chi esce con Fido e non porta con sé paletta e sacchetto

Fido sporca e il padrone non sempre raccoglie. Ma ora gli 007 dell'Amiu - 10 in tutto - hanno adottato una nuova tattica: controlli preventivi lungo la strada. Chi va a passeggio con Fido, deve avere con se sacchetto e paletta d'ordinanza. Pena una multa - raddoppiata dal 2010 - di 100 euro. 5836 i padroni controllati in un anno. «Fa una media di due persone al giorno - dice Stefano Balleari, consigliere comunale del Pdl -: siamo lontani dall'obiettivo». «Ma gli ispettori di Amiu, che sono solo 10 per tutta la città - spiega l'assessore al ciclo dei rifiuti Carlo Senesi -, hanno altri compiti, dal controllo delle discariche abusive, al conferimento errato nelle campane della raccolta differenziata». Il risultato? «Latitante» dice Balleari. Gli fa eco il consigliere Pd, Salvatore Lecce: «Dobbiamo fare cassa ? Facciamola su chi sporca».
Metro Le sofferenze per i viaggiatori della metropolitana di Genova dovrebbero essere finiti. Tutti i vagoni , infatti, sono di nuovo disponibili. Amt, infatti, era impegnata in un'opera di restyling delle carrozze, prelevate e portate in officina una alla volta. Ecco spiegato, secondo il vicesindaco di Genova, Paolo Pissarello, il perché in molti casi i viaggiatori hanno avuto la sensazione di essere stipati. C'era di fatto un vagone in meno a viaggio. Bisognerà attendere ancora un po', invece, per quanto riguarda il ripristino della scala mobile della stazione Darsena.
Bolkestein Resterà tutto fermo fino al 2017. Ma il Bolkestein, il decreto contro il quale stanno manifestando gli ambulanti del mercato, non risparmierà gli operatori dei mercati coperti comunali. «Che impatto avrà? Devastante». Sono le parole dell'assessore al commercio del comune, Gianni Vassallo: «Ma c'è spazio per un intervento - spiega -. Le scadenze delle concessioni nei mercati coperti sono state unificate al 2 gennaio 2017». «I lavoratori chiedono garanzie, un posto fisso - Lilli Lauro, Pdl -. Se le occupazioni dovessero essere messe a gara ogni anno, nessun macellaio o fruttivendolo potrebbe mai pensare di fare investimenti nelle strutture del comune. Che morirebbero, lasciate a se stesse».
Gioco Il Comune di Genova avrà una consulta permanente sul gioco con premi in denaro. «Prevenzione della ludopatia» il primo obiettivo. Va nello stesso senso la mozione presentata dal consigliere Bernabò Brea, che impegna sindaco e giunta a affrontare il tema anche con i municipi interessati dal fenomeno delle sale giochi e scommesse.

Commenti