Giallo sul premier Netanyahu: sparisce per 14 ore senza lasciare tracce

Un mistero lungo 14 ore. Un giallo ancora irrisolto e sul quale si sta interrogando l’intera nazione israeliana. Il premier Benjamin Netanyahu ha fatto sparire le proprie tracce per un tempo troppo lungo per non destare l’attenzione e la curiosità della stampa e del suo stesso entourage. Per 14 lunghe ore nemmeno i suoi collaboratori più stretti sapevano infatti dove fosse finito il primo ministro: impossibile contattarlo e i tentativi di localizzarne gli spostamenti non andavano in porto. Il tutto mentre il suo staff non riusciva a fornire spiegazioni plausibili. Fino a sera, quando è arrivata la nota ufficiale: il premier aveva trascorso il suo tempo in una sede del Mossad per consultazioni riservate con il capo degli 007 israeliani Meir Dagan e un unico consigliere (a sua volta veterano dei servizi), Uzi Arad.
Ma la spiegazione fornita non ha convinto. E sono in molti a pensare che dietro alla sparizione del premier ci sia l’ombra della questione iraniana. Secondo Debka, sito informativo accreditato di agganci con settori dell’intelligence, il premier avrebbe discusso di tempi, modalità e rischi di un attacco a sorpresa contro i siti atomici del regime di Teheran. Per il giornale palestinese al-Manar - che si basa su informazioni raccolte da una imprecisata fonte araba - il premier era in visita segreta in un Paese arabo. Di mezzo, insomma, sempre l’Iran.
E la questione iraniana sarà insieme con la liberazione del soldato israeliano Gilad Shalit e il rilancio del processo di pace uno dei temi che Netanyahu affronterà domenica, nel palazzo presidenziale del Cairo, durante l’incontro con il presidente egiziano Hosni Mubarak.

Commenti

Grazie per il tuo commento