Governo

Memorandum Italia-Tunisia, potenziato lo studio della lingua italiana nelle scuole tunisine

Firmato un importante accordo dal Ministro del Merito e dell'Istruzione Valditara, per migliorare la qualità dell’insegnamento della lingua italiana nel sistema scolastico tunisino

Memorandum Italia-Tunisia, potenziato lo studio della lingua italiana nelle scuole tunisine

Ascolta ora: "Memorandum Italia-Tunisia, potenziato lo studio della lingua italiana nelle scuole tunisine"

Memorandum Italia-Tunisia, potenziato lo studio della lingua italiana nelle scuole tunisine

00:00 / 00:00
100 %

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, nel corso della sua missione istituzionale in Tunisia, ha firmato un Memorandum d'Intesa con la monistra dell’Istruzione della Repubblica di Tunisia, Salwa Abassi, per rafforzare la cooperazione tra i sistemi di istruzione italiano e tunisino.

Migliorare lo studio della linua italiana in Tunisia

L’accordo prevede la promozione di iniziative per migliorare la qualità dell’insegnamento della lingua italiana nel sistema scolastico tunisino e l’attuazione di un programma di interventi nel settore dell’istruzione tecnica, in linea con gli obiettivi contenuti nel Piano Mattei, anche facilitando la mobilità di docenti e studenti tra i due Paesi. In particolare, oltre al rafforzamento dell'istruzione tecnica, è prevista la realizzazione di corsi di qualificazione professionale rivolti agli insegnanti tunisini di lingua italiana, affinché diventino loro stessi formatori di docenti.

Le parole di Valditara

Nel quadro della comune volontà di rafforzare il partenariato tra i due Paesi, la firma del Memorandum rappresenta un ulteriore passo verso una maggiore cooperazione nel settore delle politiche per l’istruzione. -ha spiegato Valditara - Il Ministero si impegna a incrementare lo studio della lingua italiana, parlata già da molti giovani nelle scuole tunisine, e a consolidare le strategie per migliorare i percorsi di istruzione tecnica e per contribuire all’innovazione industriale e allo sviluppo economico, attraverso la formazione di tecnici e professionisti altamente specializzati da impiegare in loco, presso imprese tunisine o italiane, o in Italia. Nella convinzione che l’istruzione è leva fondamentale per il progresso dei Paesi”.

Un comitato formato dai due Paesi

Per questo motivo è stato istituito un Comitato paritetico composto da esperti italiani e tunisini, che, attraverso una visione strategica comune, consenta di attuare un significativo miglioramento della qualità dell'insegnamento della lingua italiana in Tunisia e garantire un'istruzione tecnica e professionale di eccellenza.

Al termine dell'incontro, la ministra Abassi ha annunciato l'intenzione di introdurre l'insegnamento obbligatorio della lingua

italiana in tutte le scuole tecniche della Tunisia e nelle altre scuole con indirizzo tecnico. "Questa decisione rappresenta per il sistema italiano una straordinaria opportunità" ha concluso il ministro Valditara.

Commenti