Grandi chef in mensa, l'alta cucina fa beneficenza

Per i 50 anni dell'Opera San Francesco, tre cuochi eccellenti, Gualtiero Marchesi, Carlo Cracco e Pietro Leemann si cimenteranno ai fornelli alla mensa di corso Concordia. Il ricavato (70 euro a persona) verrà devoluto ai poveri

Grandi chef in mensa per raccogliere fondi a sostegno dell'Opera San Francesco per i Poveri dei Frati Minori Cappuccini, una delle realtà più attive in città nell'assistenza alle persone in condizioni di disagio. Per i 50 anni dell'Opera, tre chef eccellenti, Gualtiero Marchesi, Carlo Cracco e Pietro Leemann lavoreranno ai fornelli nella mensa di corso Concordia per «lanciare un segnale forte: tutti gli uomini hanno diritto ad avere una occasione di rinascita ad avere il meglio che questa città, questo mondo, può offrire per superare l'emarginazione, il disagio e la sofferenza». I partecipanti contribuiranno con una donazione minima di 70 euro (obbligatoria la prenotazione allo 02-43912141). I pranzi verranno serviti nei giorni 4, 11 e 18 ottobre. I fondi serviranno a sostenere l'attività della mensa di Opera San Francesco che, solo nell'ultimo anno, ha distribuito gratuitamente oltre 600mila pasti (2000 al giorno). Oltre al servizio mensa, l'opera ha offerto 56.500 docce, 8.400 cambi d'abito e fatto visitare oltre 33mila persone nel poliambulatorio medico. Ad aprire i pranzi con gli chef, sarà domenica prossima alle ore 12.30 Carlo Cracco; domenica 11 ottobre toccherà a Gualtiero Marchesi; il 18 ottobre a Pietro Leemann.