I recuperi di serie A Coppa Italia, viola ok

Due pareggi nei recuperi di ieri: Bologna-Atalanta 2-2, Genoa-Bari 1-1. Coppa Italia, la Fiorentina batte la Lazio 3-2. Cresce l'attesa per il derby di Milano, interviste ai due ex allenatori &quot;inglesi&quot;: <strong><a href="/sport/mancini_mai_sfida_cosi_il_segreto_lassenza_pato/21-01-2010/articolo-id=415479-page=0-comments=1">Mancini</a></strong> / <strong><a href="/sport/ancelotti_macche_dinho_luomo_chiave_e_borriello/21-01-2010/articolo-id=415487-page=0-comments=1">Ancelotti </a></strong>

Milano - Giornata di recuperi, ieri, per il campionato di serie A. Due pareggi: Di Vaio illude il Bologna ma l'Atalanta pareggia in rimonta. Genoa e Bari recriminano ma, alla fine, l'1-1 risulta giusto. Si è giocato anche per la Coppa Italia. Gol ed emozioni al Franchi: la Fiorentina batte la Lazio 3-2 e approda in semifinale (sfiderà Inter o Juventus).

Bologna-Atalanta 2-2 Il Bologna scatta, l’Atalanta rincorre e alla fine il pareggio, nel recupero della 17^ giornata, non lascia né entusiasti né scontenti. Il Bologna fallisce la palla del +6 sui nerazzurri terzultimi, ma evita l’aggancio, l’Atalanta fa in modo che il Bologna non se ne scappi e alla fine la logica boskoviana del "pareggio meglio di sconfitta" non passa di moda. La partenza sprint dei rossoblù, due gol di un Di Vaio più che ritrovato, ha evitato alla squadra di Colomba una sconfitta che sarebbe potuta arrivare in virtù del miglior calcio recitato dalla squadra di Mutti. L’Atalanta, che ha accorciato le distanze con Manfredini (37' pt) subito dopo il secondo gol di Di Vaio, ha trovato anche una nuova arma in Chevanton (sua la seconda rete dei nerazzurri al 15' st), vecchia conoscenza del calcio italiano, che con una gemma dal limite dell’area ha sigillato il pareggio e dimostrato di non aver disimparato a far gol. Il pari rende così alla fine giustizia ad un Bologna più cinico ed organizzato e ad un’Atalanta più tecnica e illuminata. In una partita che ha reso protagonisti i "vecchietti": il Bologna sa di poter contare ancora su Marco Di Vaio, tre gol in quattro giorni, che prima ha trovato il vantaggio con una bella punizione che ha scavalcato la barriera, poi ha replicato con una gran conclusione al volo, su un ottimo assist di Zalayeta. La salvezza del Bologna non potrà non passare dai suoi gol. L’Atalanta si è invece ricordata che se ha bisogno di qualità la può trovare nei piedi di Cristiano Doni, architetto di ogni azione dei suoi, sia col più prudente atteggiamento tattico del primo tempo, sia con quello più spregiudicato dalla ripresa.

Genoa-Bari 1-1 Il Bari esce indenne dalla sfida del Ferraris contro il Genoa e compie un altro piccolo passo avanti in classifica. Il recupero finisce 1-1: Barreto porta in vantaggio i pugliesi nel primo tempo, Milanetto risponde per il Genoa nella ripresa. In classifica il Bari aggancia il Parma a 29 punti, mentre il Genoa a quota 28 fallisce il sorpasso ai danni dei pugliesi e rimane nel limbo. La partita dei liguri si mette in salita dopo appena cinque minuti. La fortuna assiste il Bari nel gol di vantaggio di Barreto sugli sviluppi di una punizione dal limite: Papastathopoulos prova a sbrogliare ma la sfera rimpalla sul corpo del brasiliano e finisce in rete. Ventura, tecnico dei pugliesi, è costretto ad operare il primo cambio al quarto d’ora: Parisi, infortunato, viene sostituito da Salvatore Masiello. Prima del riposo, Gasperini aumenta il potenziale offensivo inserendo Crespo al posto di Papastathopoulos. La sorte, beffarda con il Genoa in occasione del gol del Bari, risarcisce i liguri in avvio di ripresa quando arriva il gol del pari firmato da Milanetto su punizione, con la deviazione determinante di Almiron. L’1-1 galvanizza il Genoa, che spinge sull’acceleratore alla ricerca dei tre punti. Il Bari soffre, si salva più volte grazie alle parate provvidenziali di Gillet e al 71’ rischia grosso sulla punizione di Juric, che centra il palo esterno. Nel finale, prevale la stanchezza e il risultato non cambia.

La classifica
Inter 46 punti; Milan* 40; Roma 35; Napoli 34; Juventus 33; Palermo 31; Cagliari* e Fiorentina* 30; Bari e Parma 29; Genoa 28; Chievo e Sampdoria 27; Livorno 21; Udinese*, Lazio e Bologna 20; Atalanta 17; Catania 16; Siena 12.
* una partita in meno

Coppa Italia: Fiorentina in semifinale
Gol ed emozioni al Franchi: Fiorentina sempre avanti anche con un doppio vantaggio, Lazio mai doma nonostante le amnesie in difesa. Finisce 3-2 per i viola che vanno in semifinale - sfideranno Inter o Juve - con due gol (9' pt e 44' pt) e un assist di Mutu (il terzo gol per i viola l'ha messo a segno Kroldrup, al 14' st). I biancocelesti, detentori della Coppa Italia, trovano i gol di Zarate (5' st) e Rocchi (23' st) ma abdicano dal trono.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.