I senatori Idv giocano al «golpe»: occupano i banchi del governo

Fuori programma a Palazzo Madama dopo la seduta dedicata al ddl sul processo breve. La truppa dipietrista si accomoda sui sedili dell'esecutivo e minaccia: «Restiamo qui per tutta la notte». Domani il voto finale al provvedimento

Golpisti per un giorno. La truppa di Di Pietro, tra il serio e il faceto, per un pomeriggio ha realizzato i suoi sogni. Oggi infatti i senatori dell'Italia dei Valori hanno occupato l'aula di Palazzo Madama, subito dopo il termine della seduta, con la scusa di protestare contro il disegno di legge sul processo breve, che verrà votato domani in tarda mattinata.
Il gruppo dell'Idv ha preso posto al banco di presidenza minacciando di non muoversi di lì «per tutta la notte. Concluso l'esame degli emendamenti al ddl sulla giustizia breve, un gruppo di senatori del gruppo Idv s'è seduto ai banchi del governo. Il capogruppo Felice Belisario si è sistemato proprio sullo scranno centrale, quella che di solito viene occupata dal presidente del Consiglio.
Alcuni colleghi della maggioranza, un po' increduli un po' divertiti per il fuoriprogramma, hanno gridato agli artefici del blitz: «Ma che, siete su "Scherzi a parte"?». I senatori dipietristi non li hanno degnati di risposta e sono rimasti seduti imperterriti ai banchi del governo.
Giurano però si tratti di un'occupazione «pacifica», cominciata dopo che il presidente del Senato, Renato Schifani, ha sospeso la seduta, convocandola per domattina, con le dichiarazioni di voto e il voto finale sul processo breve. Tuttavia non è la prima volta che quelli dell'Idv dimostrano questo genere di rispetto per i luoghi istituzionali.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.