Consorte sgambetta il Pd sui segreti della finanza rossa

L'ex presidente di Unipol: "Nel 2005 D'Alema e Fassino perorarono un'alleanza tra noi e Mps per scalare la Bnl". E mette a nudo gli affari di chi si proclama puro

Roma - Finanza rossa la trionferà. O quasi, viste le recenti disavventure del Monte dei Paschi di Siena targato Pd, che sono costate allo Stato italiano un prestito più o meno pari al gettito versato dagli italiani per l'Imu. Epperò il refrain fotografa quindici anni di rapporti poco chiari tra sinistra e poteri economici, iniziati più o meno dopo che la fine del Pci fece scoprire ai post-comunisti la bellezza del denaro. O meglio: permise loro di ammetterlo. Anche se all'occorrenza il segretario del Pd Pier Luigi Bersani può ancora fingere di scandalizzarsi come accadde qualche mese fa quando il suo avversario per le primarie di coalizione Matteo Renzi si trovò a cena con il mondo della finanza milanese grazie ai buoni uffici di Davide Serra, proprietario della Algebris Investments costituita nelle fiscalmente distratte isole Cayman.
Insomma, la vicenda senese è solo l'ultimo episodio della finanza creativa progressista. Che venne alla luce verso la fine degli anni Novanta, quando Romano Prodi da presidente del Consiglio non nascondeva le sue amicizie nel mondo della grandi banche (Gianni Bazoli, Corrado Passera, Alessandro Profumo) e il suo successore a Palazzo Chigi Massimo D'Alema nel 1999 guardava con simpatia alla scalata da parte del suo amico Roberto Colaninno e dei suoi «capitani coraggiosi» a Telecom. Sono gli anni in cui, come ricordava recentemente il sottosegretario all'Economia Gianfranco Polillo, in un'intervista ad Avvenire «Mps acquisisce la Banca agricola mantovana, nel cui cda sedevano Colaninno, Gnutti, Fiorani, Consorte». Gli anni in cui, ricorda ancora Polillo «Guido Rossi definisce Palazzo Chigi «l'unica merchant bank dove non si parla inglese».
Fino all'affaire Mps la vicenda più famosa e meno gloriosa di finanza rossa all'opera fu la scalata di Bnl operata nel 2005 dai «furbetti rossi» sulla quale Gianni Consorte, ex presidente dell'Unipol, la compagnia assicurativa «dei comunisti», ieri ha rivelato alcuni retroscena al Fatto Quotidiano. Come il patto, orchestrato da D'Alema e caldeggiato dall'allora segretario dei Ds Piero Fassino, per un'alleanza tra Monte dei Paschi di Siena e Unipol nella scalata a Bnl per formare il più grande gruppo bancario italiano all'ombra dell'allora Quercia. Un asse fallito, secondo Consorte, perché Siena disse no, poco convinta dai compagni di merenda di Consorte. Tutto peraltro confermato ai pm di Milano dall'allora governatore della Banca d'Italia Antonio Fazio, che raccontò: «Sono venuti da me Fassino e altri (ci sarebbe stato anche Bersani, ndr) a chiedere se si poteva fare una fusione Unipol-Bnl-Montepaschi». Un'operazione poi naufragata, anche se rimasta nella storia per la telefonata tra lo stesso Consorte e Fassino nel corso della quale quest'ultimo non stava nella pelle: «Allora? Siamo padroni di una banca?».
Ma la vera rivoluzione finanziaria a sinistra riguarda l'architrave economica della sinistra italiana: le cooperative. Protagoniste di una trasformazione epocale che ha portato le coop rosse da presidio del capitalismo pane-e-salame alla santa alleanza con quelle bianche di Confocooperative per formare un blocco di potere che dà 1,4 milioni di posti di lavoro (fonte Censis) e fattura 140 miliardi di euro all'anno, ignorando ogni crisi. Le coop color rosso sbiadito hanno banche, assicurazioni, colossi della grande distribuzione, sono entrate anche nelle stanze dei bottoni di Rcs e quindi del Corriere della sera. Gli idealisti parlano di «quinto capitalismo» all'italiana. I più pratici, semplicemente, sostengono che «gli affari non hanno colore». Uhm, lo avevamo capito.

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 04/02/2013 - 08:30

"Finalmente avremo una banca". Ricordiamo bene il tentativo di inciucio.

Gioortu

Lun, 04/02/2013 - 08:39

Consorte se hai un minimo di dignità personale,vuota il sacco.Facci sapere il vero ruolo avuto nella vicenda da Dalema e Fassino,oppure il Tuo nome sarà accostato con infamia al compagno G...

angelomaria

Lun, 04/02/2013 - 08:54

sembra invece che un colore l'abbiano il ROSSO

m.m.f

Lun, 04/02/2013 - 08:59

ma che strano ,d'alema...............rimaranno tutti stupiti! un bel partitino il pd ................

Ritratto di marione1944

marione1944

Lun, 04/02/2013 - 09:16

Ottimo e abbondante, falsi ipocriti tutti i compagni.

giovanni PERINCIOLO

Lun, 04/02/2013 - 09:30

Facile per le coop rosse, bianche o rosso-sbiadite star bene "ignorando le crisi"! Tanto che saranno tassate, anzi de-tassate, come ora sarà sempre facile per loro fare utili! A quando una tassazione uguale a quella delle altre imprese???

enzo1944

Lun, 04/02/2013 - 09:35

dalema è un massone come monti!....come il monti,lavora nel sottobosco (tra banche,assicurazioni,cooperative,confindustria e giornali,sindacati)sempre kapo in testa del PCI-PD,targato napolitano!....è la vera FINANZA ROSSA,che dice..........di lavorare per il popolo!........In realtà,il Popolo per cui dalema,bersani e napolitano dicono di lavorare,.....si ritrova con i salari più bassi d'Europa e le tasse più alte del mondo!.......Complimenti uomini di sinistra!!

guidode.zolt

Lun, 04/02/2013 - 10:21

enzo1944 ...e, quindi, la Finanza Rossa ci mette gli intrallazzi finanziari ed il popolo ... qualcos altro ...!

guidode.zolt

Lun, 04/02/2013 - 10:25

...e a quando una sistemata alla questione delle COOP ROSSE che sguazzano nei ricavi senza pagare tasse, mentre i concorrenti arrancano in salita ..?

Ritratto di bobirons

bobirons

Lun, 04/02/2013 - 10:25

Non ci si deve scandalizzare perché qualcuno cerca di avanzare in qualsiasi settore delle attività umane. Ciò che é scandaloso e che lo si faccia e poi lo si neghi, oppure critichi, avversi, vilifichi, infami quando la stessa cosa é fatta da altri. I "duri e puri" sono solo duri nell'arroganza di ritenersi tali. In quanto a puri, meglio essere vicini a chi ha la rogna.

guidode.zolt

Lun, 04/02/2013 - 10:29

...attendo, inutilmente, un commento dei soliti nick sinistroidei...

Mareia2012

Lun, 04/02/2013 - 10:58

State tranquilli che gli avvisi di garanzia se ci saranno avverranno a dopo elezioni ve lo ricordate invece quello consegnato aBerlusconi al G8 a Napoli ?

piertrim

Lun, 04/02/2013 - 11:12

MI SCUSO CON GIOVANNI PERINCIOLO SE COPIO IL SUO COMMENTO, CHE CONDIVIDO INTEGRALMENTE, PECCATO CHE SIAMO ANCORA IN POCHI A PENSARLA COSI': "Facile per le coop rosse, bianche o rosso-sbiadite star bene "ignorando le crisi"! Tanto tassate anzi de-tassate, come ora, sarà sempre facile per loro fare utili e concorrenza alle altre imprese! A quando una tassazione uguale a quella di tutte le altre??"

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Lun, 04/02/2013 - 11:13

Il Partito Democratico è più o meno come Comunione e Liberazione...

MEFEL68

Lun, 04/02/2013 - 11:15

@@ guidode.zolt - credo che attenderai invano. I prezzolati nick sinistrodei, quando qualche scandalo coinvolge i rossi spariscono nel nulla.Solo quando qualche illecito riguarda qualche insignificante organo periferico del centrodestra (nessuno è perfetto) tornano a frotte, non per esprimere le loro idee (chiamiamole così), ma solo per sbeffeggiare, per scrivere una sequenza di "ah, ah,ah", ed offendere chi ha la grazia di non pensarla come loro. Purtroppo, sono fatti così.

piertrim

Lun, 04/02/2013 - 11:20

Penso che se i 140 miliardi d'incassi delle COOP fossero tassati con aliquota normale, probabilmente non saremo stati sull' "orlo del baratro" e non ci sarebbe stato bisogno di IMU ed altre manovre a scapito degli italiani.

Dario40

Lun, 04/02/2013 - 11:52

adesso Bersani sbranerà Consorte ? o come sempre negherà l'evidenza ?

hectorre

Lun, 04/02/2013 - 11:53

piertrim,non siamo in pochi a pensarla così...ormai(purtroppo) le coop sono talmente potenti che fanno il bello e il cattivo tempo(esselunga insegna...)..gestiscono appalti e non si muove nulla se non sono coinvolte direttamente...e questo sistema la dice lunga sull'impossibilità di modificare il loro assetto fianziario..l'italia è nelle mani della sx,sono ovunque e nei posti strategici...magistratura,scuole,università,sindacati,asl...infatti non è possibile parlare di riforme che subito scendono in piazza.....e si chiamano progressisti!!! alla faccia del bicarbonato di sodio!!!

maurizio50

Lun, 04/02/2013 - 12:06

Prossima uscita del cosiddetto Partito Democratico: Consorte non c'entra nulla col P.D. F.to Bersani.

Triatec

Lun, 04/02/2013 - 12:13

MEFEL68 # guidode.zolt # Aspettate, sono sicuro che Luigipiso stà studiando la risposta. Ci lascerà tutti a bocca aperta e con le sue verità ci illuminerà il cammino. Poi magari si farà vivo anche "ilgiusto" ricordandoci che siamo bananas.. questo è il livello dei loro copmmenti.

leo.nar.do

Lun, 04/02/2013 - 12:32

Hai capito quelli che dicono di non entrarci nulla con le banche ?... E' ora che i sappia la verità sulla destinazione dell'enorme mole di danaro pubblico sparito dall'Mps ...

igiulp

Lun, 04/02/2013 - 12:33

@Perinciolo - Piertrim - Aggiungerei anche questo. Il Giornale dovrebbe fare una bella indagine sulle coop rosse informandoci su tutto ciò che è la loro attività, gli intrecci e gli interessi che ne derivano e le agevolazioni fiscali di cui godono. Ci sarà molto da dire sull'argomento.

Lionello74

Lun, 04/02/2013 - 12:38

La sinistra parla di conflitto d’interessi solo per le TV di Berlusconi. E per il loro conflitto d’interessi come la mettiamo?? Hanno banche, assicurazioni, supermarket ecc..ecc. Sono peggio della banda Bassotti!!

Ritratto di federaldo18

federaldo18

Lun, 04/02/2013 - 12:39

Bravo Dr. Consorte, dicendo la verità, ha dimostrato di avere gli attributi !

Ritratto di federaldo18

federaldo18

Lun, 04/02/2013 - 12:39

Bravo Dr. Consorte, dicendo la verità, ha dimostrato di avere gli attributi !

nalegior63

Lun, 04/02/2013 - 12:44

ma sinistri siete sordi ciechi...ma cosa dite adesso che si capisce chi e la causa del nostro debito pubblico ..prosciugati i nostri risparmi dalle banche internazionali attraverso la complicita dei dirigenti di sinistra e quindi responsabilita di voi creduloni che li votate...vergognatevi e cercate di redimervi..se vi fa schifo berlusconi e la destra votate grillo che di sicuro combatte questi malviventi giuda rovina della nostra patria

spoleto1949

Lun, 04/02/2013 - 12:46

Grazie,perchè, mentre tutta la sinistra, con l'aiuto invero degli ineffabili Monti e Casini,nonchè del tanto osannato Presidente Napolitano, cerca UMORISTICAMENTE e SFRONTATAMENTE di celare la verità sullo strettissimo e lunghissimo connubio PD,DS,PDS,PCI con MPS, il Giornale continua a combattere la sua battaglia per farla conoscere a tutti gli italiani che chiedono invece e ne hanno diritto di saperla fino in fondo.

mares57

Lun, 04/02/2013 - 13:09

E si processa Berlusconi per Ruby. Chi delinque? Telecom: come si distrugge una grande azienda nel mondo di una telefonia che fa tuttora affari d'oro. Forse è uno dei pochi settori che tengono. Mi pare che con Olivetti quando partiva l'era del computer, l'azienda aveva buoni prodotti e ottima ricerca ma un noto manager la demolì. Questa è la sinistra italiana. Tutti contro Berlusconi per mascherare le la propria incapacità, ma non solo: i soldi a noi sottratti con le tasse vengono incanalati in posti ben precisi. E non per gli italiani. C'è molto da fare emergere e se la sinistra vincerà queste elezioni , si sono già tutti accordati, il vaso di pandora sarà richiuso e il poco che è emerso finora sarà imputato a Berlusconi. Scenario Orwelliano.

Fruskolo

Lun, 04/02/2013 - 13:13

Coop Rosse,Supermercati Coop,MPS,Ass.ni UNIPOL,Sagre Paesane,perchè avete bisogno del finanziamento pubblico?CONSORTE ti sei svegliato meglio tardi che mai.Hai paura?o sei coraggioso?Che mi dici della BARCA TARGATA BANCA 121? Dai ormai passati la mano sulla coscienza Rossa e vai avanti con le confidenze.

giovannibid

Lun, 04/02/2013 - 16:49

ma guarda ma questo individuo non era quello di "ABBIAMO UNA BANCA?" e adesso che fa il "MEA CULPA" e inguaia i suoi ex soci rossi

Ritratto di romy

romy

Lun, 04/02/2013 - 21:49

2+2=4 ma la vogliamo smettere.....,oramai anche i bambini ............la politica.........gli affari..........poi venne un diverso,si impose nella Casta,lo combatterono dall'interno e dall'esterno,da ogni dove nel Mondo,a tutti i livelli possibili ed immaginabili,più volte sembro'sconfitto,ma poi risorse alla grande e sapete perchè?perchè gli Italiani aprirono gli occhi,e capirono che era in gioco il loro destino.......

al59ma63

Mar, 05/02/2013 - 00:06

Ricordero' sempre CAPROTTI di ESSELUNGA con il suo mitico "Falce e carrello" dove denunciava lo strapotere e la prepotenza in Emilia di COOP. La prepotenza di quella parte politica e' rimasta, e' quella di voler sopraffare l' altro, con la forza, con la burocrazia di parte, anziche con l' intelligenza. ONORE A CAPROTTI che ha vinto la sua battaglia in tribunale.

Ritratto di scappato

scappato

Mar, 05/02/2013 - 05:07

Tassare le coop come CHIUNQUE. Agevolazioni per cooperative che hanno un giro d'affari annuale sotto i 5 milioni.