Interni

Immigrazione, flat tax e 18app: Giorgia Meloni smonta le fake news

Nuovo appuntamento con la rubrica "Gli appunti di Giorgia" per la Meloni, che in video ha affrontato i principali temi dell'attualità politica

Immigrazione, flat tax e 18app: Giorgia Meloni smonta così le fake news

Torna la rubrica "gli appunti di Giorgia" in cui il presidente del Consiglio chiarisce agli elettori i dubbi circa l'operato del governo attraverso brevi risposte sui temi di più stretta attualità. "È stata una settimana anche di polemiche, di un clima a tratti non piacevole. Però, non siamo gente che si fa facilmente spaventare: abbiamo fatto delle scelte, le difendiamo e andiamo avanti", ha detto Giorgia Meloni, sottolineando come questo governo si trovi spesso a operare in un clima di fortissima pressione e opposizione, spesso strumentale.

Giorgia Meloni ha voluto anche replicare a quanti la accusano di voler rifuggire alla stampa, dimostrando che in realtà è l'esatto opposto: "Devo segnalare, con garbo, che in sette settimane di governo ho fatto circa sei punti stampa. Che se si ha la pazienza di andare a guardare, si scoprirà che mediamente rispondo a più domande alle quali rispondevano i miei predecessori. Che storicamente io non ho problema a rispondere alle domande, essendo convinta di quello che faccio, delle scelte che porto avanti".

La polemica sulla 18app

Tra le prime polemiche alle quali il premier ha voluto dare spiegazioni c'è quella sulla 18app per 18enni, sulla quale il governo è all'opera per attuare le modifiche. "Questi 500 euro al compimento dei 18 anni vengono riconosciuti a tutti, a prescindere dal reddito. Io penso che non ci sia ragione per la quale i figli di un milionario, di un parlamentare, mia figlia se domani compisse 18 anni" debbano riceverli, ha spiegato Giorgia Meloni. "Credo che la stessa misura, concentrata su chi ha i redditi più bassi possa essere molto più impattante", ha spiegato il presidente del Consiglio, ilustrando una prima direzione che prenderà questa manovra, sottolineando che "vada intodotto un limite al reddito di chi accede a questa misura e che occorra lavorare un pò sulle truffe, perchè se ne sono viste diverse. Confermiamo vogliamo apportare modifiche alla norma senza però levare risorse da questa destinazione".

La flat tax

Anche in questo secondo appuntamento con "Gli appunti di Giorgia", la Meloni è tornata a rassicurare sulla flat tax, che secondo i sindacati andrebb a favorire le partite Iva rispetto ai lavoratori dipendenti: "Un dipendente ha 2/3 dei contributi a carico del datore di lavoro, un lavoratore autonomo si paga i contributi interamente. Io credo che si debba lavorare a un sistema in cui tutti i lavoratori hanno gli stessi diritti indipendentemente dal lavoro che fanno, questa è la grande sfida che ci diamo".

Tetto al contante e pos

Giorgia Meloni ha spiegato anche che l'abolizione delle commissioni sui pos sarebbe anticostituzionale: "La moneta elettronica è privata e lo Stato non può impedire a chi offre il servizio di guadagnarci una commissione. Questo è il motivo per cui Bankitalia fa le sue valutazioni circa il tema dell'innalzamento del tetto al contante". E a proposito del tetto al contante, ha commentato la decisione dell'Europa: "In questa settimana l'Europa ha deciso di fissare un tetto ai pagamenti con i contanti a 10mila euro, cioè il doppio di quanto previsto dal governo italiano. Allora vorrei chiedere a chi ci ha accusato di voler favorire gli evasori, questo significa che l'Ue vuole favorire gli evasori? "

Nodo immigrazione

Sul tema dell'immigrazione "si parla di un cambio di rotta del governo: assolutamente no. Il governo non intende cambiare posizione, la nostra posizione rimane sempre la stessa: in Italia non si entra illegalmente, si entra solo legalmente. Vogliamo combattere il traffico di essere umani, gli ingressi illegali e le morti in mare. Non vogliamo continuare a favorire i trafficanti di esseri umani". Anche su questo tema, Giorgia Meloni è apparsa irremovibile, spegnendo le polemiche di accusa il suo governo di aver tradito le promesse elettorali: "La gente che organizza le partenze dei migranti illegali verso l'Italia gira armata e io non voglio aiutare questa gente perché io le mafie le combatto tutte".

Commenti