Ius soli alla parmigiana

L'idea era arrivata in estate, accodandosi ai proclami nazionali. Ora lo ius soli in salsa parmigiana ha avviato il suo iter anche in consiglio comunale dove ieri è stata votata la delibera. Il primo cittadino Federico Pizzarotti, assente in aula al momento del voto, aveva però fatto sua l'idea lanciata dal consigliere di opposizione del Pdci Ettore Manno e intende rilasciare una «cittadinanza onoraria» a tutti i bimbi nati in città da genitori stranieri che risiedano in Italia da almeno 5 anni. Che siano prove di intese fra i grillini e il Partito democratico o prove di integrazione non è ancora dato sapere. L'opposizione di centrodestra, dal Pdl all'Udc, considera questo procedimento di carte bollate tempo perso e fuori luogo appare anche la procedura del conferimento dell' «imprinting ducale»ai nuovi bimbi: il registro dei nuovi «parmigianini» verrebbe infatti aggiornato due volte l'anno e la nuova patente «dop» sarebbe conferita a Sant'Ilario, il 13 gennaio, quando la città ducale conferisce le sue più alte benemerenze civiche.