L'odissea di Nick 'o 'mericano da anni sotto processo senza nemmeno una prova

La sua sola colpa? Essere nato a Casal di Principe. E dall'inizio dell'indagine i magistrati non l'hanno mai voluto ascoltare

Ma sì, schiaffatelo in carcere, buttate via la chiave e tanti saluti alla presunzione d'innocenza fino al terzo grado di giudizio. Sono anni che per l'ex sottosegretario Nicola Cosentino la gogna va oltre l'accertamento della verità, come ricorda un incredulo Maurizio Turco, parlamentare radicale, garantista doc: «L'accanimento su Cosentino è una vergogna, tanti politici e giornalisti lo accusano senza aver letto gli atti. Non c'è nulla che giustifichi l'arresto. Per Cosentino votammo due volte no alle manette perché le richieste d'arresto gridavano vendetta, cosa diversa facemmo invece per Milanese e Papa...».

PARENTI SERPENTI E BOSS

Le etichette e i mascariamenti te li trascini a vita. Cosentino è «malamente» a prescindere perché originario di Casal di Principe, il feudo del clan dei casalesi, dove tutti conoscono tutti e tanti finiscono per incrociarsi con matrimoni e parentele scomode, come quelle che addebitano a Nick o' mericano e ai suoi fratelli passati alle vie legali - con annesse scomuniche per il bavaglio alla libertà di stampa - in quanto nel best seller Il casalese fioccavano errori e omonimie: «Hanno scritto che nostro padre ha sposato la zia di Francesco “Sandokan” Schiavone - denuncia Palmiro Cosentino - ma non è vero, perché Olga Schiavone, nostra madre, non era la zia del noto boss com'è facile dimostrare all'anagrafe». Oppure. «È vero che Emilio Diana, genero di mio fratello, è stato arrestato ma si sono dimenticati di dire che poi è stato prosciolto e risarcito per ingiusta detenzione».

IL «REFERENTE» SENZA VOTI

Parentele o frequentazioni scomode, che non dicono assolutamente niente, perché altrimenti uno dovrebbe dire anche del fidanzato della gip che ha firmato l'ordinanza d'arresto per Cosentino intercettato proprio nell'ultima indagine su Nick mentre parla con personaggi - stando all'accusa - vicini al clan. Oppure si dovrebbe sporcare l'immagine santa di don Peppe Diana, ucciso nel marzo '94 nella chiesa di San Nicola a Casal di Principe, imparentato col killer Carmine Schiavone eppoi grande amico, pure parente alla lontana e financo supporter elettorale proprio di Cosentino come si rileva dalla lettura degli atti del processo agli assassini del parroco anticamorra. Ma il marchio «casalese» è un'infamia non da tutti. Si appiccica a piacere. Anche chi non ha sbirciato uno straccio di verbale sa che Cosentino è considerato dai pm il referente politico dei «casalesi», uomo dal gigantesco bacino di voti criminali. Peccato che l'unica volta che s'è presentato alle elezioni (con le preferenze) ha fatto una figura meschina arrivando dietro a un carneade dell'Udeur. È stato eletto altrove, in collegi non mafiosi, il cattivo Nick. Non a Casale dove nel 1996 diventò deputato un certo Italo Bocchino, ironia della sorte anni dopo citato (mai indagato) dal grande accusatore di Cosentino, il pentito Gaetano Vassallo, discusso e discutibile collaborante già smentito sulla discarica di Chiaiano, che a verbale riferì questa confidenza avuta in un summit da un affiliato di peso della famiglia Bidognetti.

ITALO E IL PENTITO VASSALLO

«Ricordo che si fecero i nomi anche di alcuni politici nazionali. In particolare, Bidognetti Raffaele (...) riferì che gli onorevoli Italo Bocchino, Nicola Cosentino, Gennaro Coronella e Landolfi facevano parte del nostro tessuto camorristico». Nel processo-monstre orfano del pm Narducci, passato a fare l'assessore con l'ex collega De Magistris - è emerso ciò che aveva fatto gridare allo scandalo il futuro finiano Lo Presti, presidente della giunta che respinse il primo arresto a novembre 2009: «Vicenda surreale, l'indagine è cominciata nel 2001 ma i fatti risalgono ai primi anni novanta». Allorché il Nostro militava nel centrosinistra e nessun pentito s'era accorto di lui. Niente nei maxi-processi ai casalesi, Spartacus 1 e Spartacus 2. Nemmeno una riga sull'allora consigliere Psdi Cosentino, poi passato con Ayala, quindi divenuto gran sostenitore al Senato dell'ex Ds Lorenzo Diana, considerato giustamente un eroe antimafia da Roberto Saviano nonostante i lontani trascorsi nella giunta di San Cipriano D'Aversa con il fratello del superboss Antonio Bardellino e Franco Diana, arrestato e assassinato in carcere (non osiamo immaginare cosa avrebbe scritto in Gomorra, dove mai il bravo Roberto cita Cosentino, se l'ex sottosegretario fosse stato in una giunta con personaggi del genere).

LA CARICA DEI PENTITI

Fino a quando, col transito di Nick nel 1995 in Forza Italia ed eletto consigliere regionale con gli stessi (pochi, 1.800) voti presi a Casale sin dal 1980, pur non essendoci prova di contatti diretti o indiretti coi boss, improvvisamente ecco comparire pentiti fino a quel momento a corto di memoria, lesti però a dire tutto e il contrario di tutto («Cosentino prese una mazzetta da 50mila euro», peccato ci fosse ancora la lira), a correggersi ogni volta, ad alzare sempre più l'asticella politica con buona pace per i riscontri ancora da trovare. Fregnacce in libertà, indimostrabili, vili, per certi versi simili a quelle che il mafioso pentito di Racalmuto, Ignazio Gagliardo, ha riferito su Angelino Alfano. Ripetutamente, per anni, coi giornali che propalavano verbali secretati a dipingerlo un Padrino, 'o mericano ha supplicato di essere ascoltato a verbale. Niente. Quand'è stato rinviato a giudizio, per accelerare i tempi e uscire dal tritacarne, ha chiesto il giudizio immediato ma sono due anni che in aula si procede con una lentezza esasperante, l'esatto contrario di quel che accade a Milano col processo Ruby. Perché?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

angelomaria

Mer, 23/01/2013 - 09:14

ho se lo vorrei vedere in galera prima di morire che facciano in fretta che da come mi sta andando prima succedera meglio sara'

Massimo Bocci

Mer, 23/01/2013 - 10:53

Ascoltare!!! Chi!!! Qui siamo in terra consacrata di camorra, avete visto i comunisti..coop (sempre avanti nel marketing: democratici,liberali e domani chissà) ha chi hanno appaltato il catering delle primarie alla camorra chi altri,così sono i processi con il palazzo di giustizia seppellito dalla monnezza,ma gli occupanti non se ne curano loro hanno l'aria condizionata, e dunque andare ad UDIRE uno che hanno accusato di TUTTO e DI PIU' (per spot elettorali???) potrebbe liberare aria pura, verità e a loro non serve ormai hanno il catering e l'aria condizionata.

Emigrante75

Mer, 23/01/2013 - 10:55

Povero Cosentino! Un vero angioletto vittima dell'ingiustizia. Non cpisco perchè Berlusconi, in un impeto di giustizia, non lo abbia messo in lista e scatenato una campagna mediatica per smascherare la congiura ordita ai suoi danni. A meno che la sua esclusione non sia dovuta al fatto che, alla fine, non porterà abbastaza voti per giustificare la sua nomina. Se cosi fosse, a me parrebbe una fetenzia bella e buona.

vabbeh

Mer, 23/01/2013 - 11:04

bravo maurizio turco, ti sei guadagnato un posto nelle "liste pulite" di silvio chiacchieroni. scomettiamo che ci scappa anche il vitalizio? su nick un po' di chiarezza: e' stato condannato in primo grado sulla base di prove e deve andare in prigione. ha poi diritto ad altri 2 gradi di giudizio. questo non e' oggetto di discussione, e' legge. questo vale per tutti gli italiani fuori dal parlamento. per gli altri dipende da quanto sei amico... per gli altri e' un'ingiustizia di giudici politicizzati... per gli altri eventualmente viene comutato ai domiciliari... per gli altri... non per noi. ricordatevelo bene quando sarete nella cabina elettorale

vabbeh

Mer, 23/01/2013 - 11:04

bravo maurizio turco, ti sei guadagnato un posto nelle "liste pulite" di silvio chiacchieroni. scomettiamo che ci scappa anche il vitalizio? su nick un po' di chiarezza: e' stato condannato in primo grado sulla base di prove e deve andare in prigione. ha poi diritto ad altri 2 gradi di giudizio. questo non e' oggetto di discussione, e' legge. questo vale per tutti gli italiani fuori dal parlamento. per gli altri dipende da quanto sei amico... per gli altri e' un'ingiustizia di giudici politicizzati... per gli altri eventualmente viene comutato ai domiciliari... per gli altri... non per noi. ricordatevelo bene quando sarete nella cabina elettorale

puntopresa10

Mer, 23/01/2013 - 11:09

signor angelomaria,lei come comunista dovrebbe preoccuparsi di più alle elezioni politiche,vuole una previsione,con lo scandalo della banca rossa che si sta avvicinando,la gioiosa macchina che fu di ochetto e adesso di bersani,andrà incontro a una cocente delusione,altro che vedere in galera cosentino.

ARNJ

Mer, 23/01/2013 - 11:19

Commentatori komunisti VERGOGNATEVI !!!!!!!!!!!..

Ritratto di DONCAMILLO7

DONCAMILLO7

Mer, 23/01/2013 - 11:39

basta leggere le intercettazioni per capire che e' un poco di buono...

vabbeh

Mer, 23/01/2013 - 12:10

@arnj - io voglio TUTTI i mafiosi, camorristi, pduisti e delinquenti in galera e non sono komunista. ha qualcosa in contrario?

vabbeh

Mer, 23/01/2013 - 12:11

@arnj - io voglio TUTTI i mafiosi, camorristi, pduisti e delinquenti in galera e non sono komunista. ha qualcosa in contrario?

Angelo48

Mer, 23/01/2013 - 12:20

DONCAMILLO7: mi spiega cortesemente cosa sa delle intercettazioni su Cosentino e dove le ha lette? Grazie!

giovanni PERINCIOLO

Mer, 23/01/2013 - 12:23

La responsabilità civile dei magistrati si rivela ogni giorno di più come un imperativo non più rinviabile! Un paese che ha oltre il quaranta per cento di detenuti in attesa di giudizio é tutto salvo che un paese civile! Aggiungo che in casi clamorosi come fu a esempio quello di Enzo Tortora io personalmente quel magistrato lo avrei visto bene in galera a meditare, invece fu promosso e continuano a chiamarla giustizia!

Howl

Mer, 23/01/2013 - 13:39

Angelo48 : se permette le rispondo io............ se dicita "intercettazioni Cosentino" in qls motore di ricerca trova tutte quelle che vuole sul soggetto.

ARNJ

Mer, 23/01/2013 - 15:05

#vabbeh :.....anch'io li voglio in galera.......ma quando siano stati condannati e NON PRIMA !!!!...NON SONO GIUSTIZIALISTA.....SONO GARANTISTA !!!!!..

Angelo48

Mer, 23/01/2013 - 15:15

Howl: certo che glie lo permetto, ci mancherebbe, a patto che poi lei risponda o controrisponda quando la scrivo io direttamente. Detto ciò, le dico e ribadisco:io sono una persona che per una serie svariata di motivi che non posso precisarle, si appella raramente ai motori di ricerca che- glie lo assicuro -non sempre riportano verità intere. Ad esempio, lei ha trovato sul motore di ricerca che mi segnala, l'intercettazione avvenuta tra 2 dei più grandi camorristi (secondo il PM)e Cosentino in merito alla elargizione da dare per il progetto "Biciclopoli"? Se l'ha trovata questa intercettazione, mi segnala il link cortesemente? Se non l'ha trovata, avrà una conferma di quel che sostengo.

cast49

Mer, 23/01/2013 - 18:39

perchè non c'è nessuna prova, mi sembra evidente...

killkoms

Mer, 23/01/2013 - 20:28

@howl,chissà perchè delle intercettazioni dei co unisti nontroviamo mai nulla!e chi ci prova,finisce sotto processo, "habemus banc"docet1