Interni

"Il partito sbagliato...". Gli auguri pessimisti di Murgia a Schlein

Il post di Michela Murgia dopo la vittoria di Elly Schlein, nuovo segretario del Pd. Non mancano le congratulazioni, ma con una vena di pessimismo: "La donna giusta per noi nel partito sbagliato per lei"

"Il partito sbagliato..". Gli auguri pessimisti di Murgia a Schlein

L'incredibile vittoria di Elly Schlein su Stefano Bonaccini è stata acclamata da alcuni, e vista con grande diffidenza da altri. Innegabile che fosse il presidente della Regione Emilia Romagna il grande favorito come nuovo leader del Partito democratico e quali saranno ora gli sviluppi del Pd non è dato saperlo. Tanti i commenti del giorno dopo la vittoria della Schlein alla segreteria dem, e non è mancato neppure l'intervento di Michela Murgia, affidato a un lungo post su Instagram.

"Il peggio che può succedere è che tu vinca"

Murgia racconta ai suoi follower quale fu la sua reazione quando la Schlein le confidò che intendeva candidarsu alla segreteria del Partito democratico. "Non ho paura. Il peggio che può succedere è che perda", le disse la vicepresidente della Regione Emila Romagna. "Ti sbagli: il peggio è che tu vinca", fu la secca risposta della Murgia.

La scrittrice passa poi a spiegare le ragioni di quanto affermato. Una volta terminato l'entusiasmo della campagna elettorale, le cose si complicano in caso di vittoria. Questo perché "le tocca il pesante compito di fare la segretaria di un partito i cui iscritti volevano Bonaccini e non lei, compresi i capigruppo di camera, senato e parlamento europeo".

La donna giusta nel partito sbagliato

Per Murgia, da ora in avanti Elly Schlein si troverà a dover gestire non soltanto le resistenze di coloro che sono sempre stati contro di lei, ma anche le pretese di chi l'ha sostenuta e ora rivendica quel sostegno (forse la categoria peggiore).

Un'analisi di una lucida freddezza, quella di Michela Murgia, che spiega come "chi nella vecchia guardia l'ha appoggiata non l'ha certo fatto perché affamato di cambiamento, ma perché si aspetta di controllarla affinché nulla cambi". Non c'è da stupirsi, dunque, se nel prossimo futuro coloro che ora appoggiano Elly Schlein diventeranno i suoi più temuti avversari.

"Il rischio è che le energie di Elly, che servono al paese, siano risucchiate dal partito, un'idrovora che ha mangiato molti altri entusiasmi prima di questo. Lei crede di no, io temo di sì, ma siamo entrambe gramsciane e sappiamo che queste due cose non sono necessariamente in contrasto", argomenta la Murgia.

La scrittrice passa poi a fare gli auguri alla nuova leader del Partito democratico, lasciandosi però trapelare una sfumatura di pessimismo: "Le faccio gli auguri, ne avrà bisogno". Michela Murgia si dice infine felice che il mondo della politica abbia trovato una donna come Elly Schlein, però c'è il cosiddetto "ma". "Come donna di sinistra penso che Giorgia Meloni sia la donna sbagliata per noi nel partito giusto per lei", spiega, "mentre Elly Schlein è la donna giusta per noi nel partito sbagliato per lei".

Commenti