L’iniziativa «Dogs in the city», veterinari nei parchi per spiegare come si cura Fido

Con l’estate torna l’allarme abbandono degli animali e le associazioni di volontari sono già in allerta per far fronte alla piaga. È vero che si sono ridotte di gran lunga le scene atroci delle auto che si fermano al bordo dell’autostrada e mollano il cane nei campi, ma il problema è ancora sentito e, a fine agosto, i canili registrano puntualmente il tutto esaurito. Anche per questo motivo il Comune di Milano ha voluto dare il suo patrocinio all’iniziativa «Dogs in the city» e lo ha fatto con una delibera fresca di approvazione. Un patrocinio a costo zero, che non prevede nessun tipo di spesa per Palazzo Marino, ma che ha un forte valore simbolico, soprattutto per gli animalisti che ogni anno si impegnano a favore dei cani. L’iniziativa, di cui saranno registi alcuni gruppi di volontari, consiste in una serie di incontri con un team di veterinari. Obbiettivo: dare nozioni di educazione civica, formazione comportamentale, informazione medica e sensibilizzazione contro l’abbandono degli animali.
I dibattiti e le lezioni si svolgeranno dal 19 giugno al 19 settembre, il periodo caldo dell’emergenza abbandoni nei canili. Sede prescelta per organizzare «Dogs in the city» sono le aree cani dei parchi pubblici della città, il luogo ideale dove i padroni possono partecipare all’iniziativa tenendo al guinzaglio il loro cane.
Il corso è rivolto non solo ai padroni, ma anche a chi ha intenzione di portare a casa un cane e a chi lavora con gli animali. Scegliendo come aula i parchi pubblici, si vogliono rendere le aree per cani un punto di incontro in cui confrontarsi sul tema animali, in cui i padroni possono trovarsi e parlare assieme a veterinari ed esperti di alcuni comportamenti di Fido.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti