Pane fatto in casa: bastano solo 3 ingredienti, tra cui la birra

In tempi di quarantena fioccano i consigli di cucina. Tra i tanti anche una ricetta di una casalinga australiana che insegna a fare il pane a casa con solo 3 ingredienti, tra cui la birra

Fare il pane è prerogativa dei panettieri, ma nulla toglie che lo si possa fare a casa, soprattutto in questo periodo, considerato il fatto che dobbiamo rispettare la quarantena e abbiamo più tempo a disposizione. Molti utenti sui social si cimentano nel cucinare qualsiasi cosa e tra questi ultimamente spicca il suggerimento di una casalinga che consiglia di fare il pane con solo 3 ingredienti, tra cui la birra.

La donna australiana su Facebook ha scritto che si può fare il pane a casa con farina, zucchero e birra. Per prima cosa ha mescolato tre tazze di farina autolievitante, mezza tazza di zucchero e una bottiglia di birra. Completato questo passaggio, ha versato il composto in una teglia di latta precedentemente unta e lo ha cotto in forno per 40 minuti a 190 gradi. La donna ha spiegato che la birra può anche essere sostituita da acqua gassata e possono anche essere aggiunti a piacimento formaggio ed erbe.

Questa ricetta ha ricevuto un largo consenso tra gli utenti; uno in particolare ha ringraziato la donna per l'alternativa dell'acqua gassata a cui non aveva mai pensato. La casalinga non è la prima ad aver condiviso una ricetta per fare il pane; un'altra aveva detto di farlo in casa e con una ricetta molto economica. Ma la ricetta di quest'ultima per fare il pane bianco comprende 7 ingredienti, tra cui il sale, il lievito, lo zucchero, l'acqua tiepida, la farina per panettieri, il burro e un prodotto apposito che migliora la fermentazione. In totale la donna afferma di avere un risparmio di 297 dollari all'anno, circa 270 euro. Con questa ricetta afferma di riuscire a produrre 3 pagnotte con un teglia da 21,5 cm, ma che con dimensioni diverse il numero può variare di conseguenza.

Ma venendo alla preparazione, questa casalinga ha scritto, come primo passaggio, di aver sciolto zucchero e lievito in acqua tiepida prima di mescolare il burro ammorbidito, il sale e due tazze di farina. La stessa donna ha poi spiegato che la quantità di ogni ingrediente può essere modificata a proprio piacimento. In un secondo momento ha mescolato mezza tazza di farina e ha detto che è importante impastare bene ogni volta che c'è un'aggiunta: "Quando l'impasto si è riunito - ha continuato - giralo su una superficie infarinata e impasta fino a quando non diventa elastico, circa 8 minuti. All'inizio è normale che l'impasto sia molto appiccicoso, quindi immergi le mani nella farina e cospargi la farina sulla palla, se necessario". Continuando a seguire la ricetta, bisogna oliare leggermente una teglia e versare l'impasto; ricoprire di olio anche quest'ultimo e posizionare sopra di esso un panno umido per 45 minuti.

La donna ha poi asserito che questo processo di lievitazione richiede calore e per questo motivo, se fa freddo in casa bisogna mettere la teglia nel forno spento ma con la sola luce interna accesa. La luce dovrebbe fornire sufficiente calore affinché avvenga la lievitazione. Una volta fatto ciò, la donna ha suggerito di sgonfiare l'impasto e di trasferirlo su una superficie infarinata leggermente, prima di spezzarlo e creare tre pagnotte uguali.

I panetti poi vanno posizionati in teglie leggermente oliate e coperti con un panno umido per circa 30 minuti. Il forno deve essere preriscaldato a 190 gradi e bisogna cuocere il tutto per 30 minuti o fino a quando la parte esterna superiore non si sia dorata. Ultimo consiglio della casalinga: toccare la parte inferiore della pagnotta perché dovrebbe sembrare vuota. Questo particolare è sinonimo di un buon risultato.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.