La lirica protagonista la Castello Sforzesco

Torna la rassegna di opere liriche sotto le merlate: si parte venerdì 23 con l'Aida, per proseguire con il Barbiere di Siviglia e Don Pasquale. L'assessorato al Turismo del Comune mette a disposizione dei milanesi 500 biglietti per ogni spettacolo

Torna la rassegna di opere liriche nel Cortile della Rocchetta del Castello Sforzesco, che vedrà, grazie alla collaborazione con l'Associazione «Teatro dell'Opera di Milano» e «La Compagnia del Belcanto» all'ombra delle merlate L'Aida, il Barbiere di Siviglia e Don Pasquale. «Opere dal respiro popolare, le cui arie sono nel patrimonio culturale di tutti noi, anche di chi certamente non è un assiduo loggionista - i- il commento dell'assessore al Turismo alessandro Morelli -. Una rassegna estiva che rappresenta un concreto invito rivolto a tutti milanesi a scoprire e vivere il fascino del melodramma e le emozioni del teatro, immersi in una delle cornici storiche più suggestive che Milano possa offrire, il Castello».
Si inizierà venerdì 23 luglio ore 20.30, in replica 24 e 25 luglio, con «L'Aida» di Verdi portata in scena da "La Compagnia del Belcanto, associazione che opera nel mondo dell'opera e dell'operetta, con la direzione artistica di Giuseppina Russo e del presidente Gianfranco Ronconi. A condurre i giovani cantanti, il Coro Lirico del Belcanto e l'Orchestra dell'Associazione Filarmonìa sarà il direttore, il Maestro Pierangelo Gelmini. L'ambientazione scenica è affidata all'arte delle Scenografie Sormani che hanno creato, secondo le indicazioni di Massimo Pezzutti, giovane ma già affermato regista, un'ambientazione tradizionale dell'opera pur nella sua modernità.
Venerdì 30 alle 21 toccherà al «Barbiere di Siviglia» di Rossini (in replica il 31 luglio e 1 agosto) e mentre il week end successivo sarà la volta di «Don Pasquale» di Donizetti il (il 6, 7, 8 agosto ore 21). Entrambe le opere sono allestite dalla compagnia "Fuoriscena - Teatro dell'Opera di Milano" con la regia e ideazione scenica del maestro Mario Riccardo Migliara. Il Teatro dell'Opera di Milano si distingue nel panorama italiano di produzione di opera lirica per numero di allestimenti prodotti e piazze toccate: 40 repliche all'anno. Debutto nazionale per il «Don Pasquale», la cui novità consiste nell'ambientazione: il mobilio impazza e le scene si muovono in un girotondo comico portando in ribalta il momento clou. Don Pasquale sarà interpretato da Orazio Mori, specialista di questo ruolo buffo, cantante che ha calcato le più importanti scene liriche internazionali.
Per dare la possibilità a tutti milanesi di assistere alle opere, i 500 biglietti disponibili per ciascuna data in programma saranno distribuiti presso l'Assessorato al Turismo, Marketing Territoriale, Identità - Piazzetta Reale 14 - il lunedì antecedente la data in cartellone dalle ore 9.30 alle 17.00. Per «Aida» i tagliandi saranno disponibili da lunedì, per Il Barbiere di Siviglia lunedì 26 luglio e per Don Pasquale il 1 agosto. Infoline 02/884.55001-55002- 55003.

Commenti