Capotreno aggredito a colpi di catene. "Escalation criminale"

Un nuovo episodio di violenza su un treno regionale. Oggi sciopero di 2 ore Trenord

Capotreno aggredito a colpi di catene. "Escalation criminale"

Una nuova aggressione ai danni del personale a bordo di un treno regionale. Un capotreno di Trenord è stato picchiato martedì intorno alle 18 da quattro persone alla stazione di Belgioioso, in provincia di Pavia. L'aggressione, a bordo del treno 10780 Pavia-Codogno, è avvenuta a colpi di catena. Il dipendente Trenord ha riportato una frattura scomposta con diverse settimane di prognosi. È stato colpito appena si sono aperte le porte della carrozza in stazione. Il ferroviere è stato accerchiato da almeno quattro persone dopo una discussione verbale.

Per protesta contro l'ennesimo episodio di violenza al personale i sindacati di categoria hanno proclamato due ore di sciopero per oggi. Domenica 19 giugno si era verificata un'altra aggressione ai danni di un macchinista e un capotreno di Trenord, sempre nel Pavese ma a Mortara, con l'intervento dei carabinieri. I due sono stati insultati e picchiati da un operaio 30enne ubriaco di origini romene. «Questo gravissimo atto - si legge in una nota sindacale - si aggiunge ad altri tre gravi episodi di aggressione successivi, in ordine temporale, ai noti fatti di Peschiera del Garda». Le organizzazioni sindacali esprimono «solidarietà e vicinanza ai lavoratori vittime di questi ennesimi drammatici episodi che testimoniano un trend di rapida crescita costante. Da tempo Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti Uil, Orsa Ferrovie, Slm Fast Confsal, Ugl Ferrovieri, Faisa Cisal stigmatizzano tali atti criminali e ingiustificabili e avevano riavviato il confronto con le aziende, tramite la mediazione del prefetto di Milano, per affrontare e risolvere le criticità legate alla sicurezza del personale, problema la cui soluzione non può più essere procrastinata». Tale percorso «non ha però più avuto una sua evoluzione mentre l'escalation degli atti criminali ai danni di lavoratori e utenza ha superato ogni limite». Lo sciopero del personale mobile (di macchina e di bordo) e personale di assistenza e controllo di Trenord è proclamato per oggi dalle 10 alle 12.

Anche Trenord dà l'annuncio dell'agitazione e avverte che «potrà causare ripercussioni - limitazioni, cancellazioni e ritardi - sulla circolazione dei treni regionali, suburbani e del collegamento aeroportuale Malpensa express fino al completo ripristino della circolazione ferroviaria, che avverrà a partire dalle ore 12. Viaggeranno i treni con orario di partenza dalla stazione di origine corsa prima delle ore 10 e arrivo a destinazione finale entro le ore 11. Trenord esprime solidarietà e vicinanza al collega coinvolto». Mentre l'assessore regionale alla Sicurezza, Riccardo De Corato, torna a chiedere i militari a bordo dei treni: «È evidente che, nonostante i loro sforzi, gli agenti della Polfer in servizio non sono abbastanza numerosi per tenere sotto controllo i 2.500 chilometri della rete ferroviaria lombarda. Come ripeto da tempo, è fondamentale il supporto dell'esercito».

Commenti