Clandestino ruba e pesta militari. Il pm lo libera: "Arresto esagerato"

L'immigrato ruba al supermercato e pesta il vigilante con un palo. Poi si scaglia contro i militari. Ma per il pm non basta: esagerato l'arresto per due bottiglie di vino

Clandestino ruba e pesta militari. Il pm lo libera: "Arresto esagerato"

Il riassunto che fa una fonte del Giornale.it è più o meno questo: se provi a rubare due bottiglie di vino, pesti prima un vigilantes e poi due carabinieri non meriti il carcere perché provare a sgraffignare un po' di alcol non è un reato grave.

Siamo a Milano, viale delle Forze Armate 312. Ore 21 circa. Un cittadino iracheno, irregolare sul territorio italiano, entra nel Carrefour per fare la spesa senza pagare il conto. Il vigilantes lo blocca e gli chiede di mostrare cosa nasconde sotto il giubbotto: a quel punto il malvivente "inizia a sclerare", spiega la fonte, “prende il paletto divisorio del supermercato e lo usa per colpire il testa la guardia giurata" che riesce nel parapiglia a recuperare una bottiglia. L'iracheno scoperto se la dà a gambe levate e si infila nel parco delle Cave. I carabinieri, avvertiti dal vigilantes, si mettono sulle sue tracce. "Dopo pochi istanti" viene acciuffato, "capisce di essere stato scoperto" e invece di arrendersi aggredisce pure i militari. Non c'è due senza tre. Solo alla fine la pattuglia riesce a caricarlo in macchina e a portarlo via, non senza difficoltà.

E qui viene il bello. L'immigrato, K.A., "proveniente dalla Germania", viene denunciato per rapina impropria e resistenza a pubblico ufficiale. Il suo curriculum dice che è un clandestino: dopo aver presentato richiesta di asilo all'Italia, si è visto respingere al mittente la domanda di accoglienza. In teoria dovrebbe essere altrove, invece si trova a bighellonare per la città meneghina. Direte: l'avranno arrestato. E invece no. Come fanno sapere fonti militari al Giornale.it, infatti, la toga di turno ha deciso di non portarlo in carcere perché "secondo il pm per due bottiglie di vino l'arresto è esagerato".

Il magistrato, spiega la fonte, avrebbe preso in considerazione "come metro di valutazione la merce e non il gesto", cioé l'aver opposto resistenza al pubblico ufficiale e aver ferito il vigilantes. Certo, la guardia giurata ha preferito non farsi medicare al pronto soccorso e questo forse ha influito. Ma è inevitabile che i carabinieri storcano il naso: si gettano all'inseguimento, faticano a fermare il bandito e dopo cinque minuti se lo ritrovano nuovamente in strada. Altre volte, sussurrano i militari, "ce li fanno arrestare anche solo per uno spintone". Stavolta invece no. Tecnicamente si dice: denunciato a piede libero. Ovvero, una beffa.

Commenti