La collaboratrice di Fontana: "Sto bene, giocherei a tennis"

La collaboratrice di Fontana: "Sto bene, giocherei a tennis"

«Sono ricoverata ma sto bene e non ho neanche più la febbre. Non c'è da aver paura, è poco più di un'influenza». La collaboratrice stretta del governatore Attilio Fontana che è stata contagiata dal Coronavirus (il palazzo della Regione è stato sanificato, due sere fa i contatti ristretti sottoposti a tampone). Per confermare il buono stato di salute ammette che ieri sarebbe «andata volentieri a giocare a tennis» o piuttosto «a dare una mano ai colleghi, mi dispiace di aver creato involontariamente problemi». In isolamento benche negativo, il governatore ieri è intervenuto alla conferenza stampa in collegamento video per riferire che «la giornata di oggi è finalmente caratterizzata da una serie di buone notizie: 37 persone sono guarite e il loro tampone è ora negativo, dall'Ospedale Sacco è arrivata l'importante notizia dell'isolamento del ceppo italiano del virus e iniziano a diminuire i ricoveri nelle strutture lombarde».

In più, come puntualizza anche l'assessore al Bilancio Davide Caparini, la Regione è riuscita ad acquistare 4 milioni di mascherine, sul mercato privato visto che non sono arrivati rifornimenti dal governo («abbiamo risolto il problema in casa ma va bene così» puntualizza Fontana. Dai 126 ricoverati in Lombardia nella sola giornata di lunedì si è passati a 44 martedì e 39 ieri. Ad oggi sono 216 le persone ricoverate sulle 403 risultate positive (72 in provincia di Bergamo, 10 Brescia, 91 Cremona, 159 Lodi, 5 Monza e Brianza, 15 Milano, 36 Pavia, 3 Sondrio e 12 in corso di verifica) e 14 i decessi, tutti pazienti in stato di salute già molto compromesso. Cremona con 91 casi è la seconda provincia per numero di contagi.

Commenti

Grazie per il tuo commento