Fiera Milano, ridotti i canoni di locazione 2021

L'intesa con Fondazione Fiera Milano del valore di 5,5 milioni di euro riguarda il Polo espositivo di Rho, fieramilanocity e il centro congressi MiCo ed è dovuta alla situazione di emergenza legata alla pandemia Covid-19 che ha fortemente penalizzato il settore fieristico e congressuale

Fiera Milano, ridotti i canoni di locazione 2021

Raggiunto l’accordo tra Fiera Milano Spa e Fondazione Fiera Milano sulla riduzione dei canoni di locazione dei quartieri espositivi di Rho e Milano e del centro congressi “MiCo” sull’esercizio 2021: controvalore complessivo 5,5 milioni di euro. Approvazione nel corso del cda di Fiera Milano con la sottoscrizione da parte di Fiera e Fondazione dell’intesa “avente per oggetto alcune modifiche ai contratti di locazione in essere fra le medesime parti, rispettivamente in qualità di conduttore e locatore, relativi ai quartieri fieristici di Rho e di Milano”. Anche la controllata Fiera Milano Congressi Spa ha sottoscritto – in pari data – con Fondazione Fiera Milano accordi di modifica dei due contratti di locazione aventi per oggetto rispettivamente: i padiglioni 5 e 6, le aree pertinenti e i parcheggi sottostanti alla piazza di ingresso e il padiglione 17.

“Alla luce della situazione emergenziale legata alla pandemia Covid-19 (c.d. Coronavirus) che ha fortemente penalizzato il settore fieristico e congressuale, le parti hanno concordato, per eccessiva onerosità sopravvenuta, una temporanea riduzione dei canoni di locazione dei poli fieristici di Rho e di Milano per l’anno 2021 - sottolinea una nota di Fiera Milano -. Per le medesime ragioni sono stati altresì ridotti per l’anno 2021 anche i canoni di locazione di Fiera Milano Congressi”.

“L’importo complessivo della riduzione è pari a 5,5 milioni di euro e viene proporzionalmente allocato sui singoli contratti di locazione in essere tra Fondazione Fiera Milano, Fiera Milano e Fiera Milano Congressi. L’operazione consente alla Società di trarre benefici di ordine economico-finanziario e rientra pertanto nell’ambito delle diverse azioni di riduzione dei costi di funzionamento che Fiera Milano ha posto in essere per fronteggiare gli effetti della pandemia sulla sua operatività”.

“Nell’ambito della negoziazione con Fondazione Fiera Milano, la Società è stata assistita da un advisor indipendente, Yard Reaas Spa (“Yard”), al quale è stato conferito l’incarico di verificare la fondatezza dei presupposti per richiedere una temporanea riduzione dei canoni di locazione e, sulla base di condizioni praticabili dalla market practice in relazione all’emergenza in corso, fornire i criteri di massima per l’eventuale quantificazione degli stessi”.

“Nel proprio parere - prosegue la nota - l’advisor ha ritenuto la richiesta di rimodulazione dei canoni di locazione in oggetto fondata e legittima, seppur di natura temporanea in quanto giustificata dal contesto straordinario che si è venuto a creare a seguito della pandemia da Covid-19, ed ha identificato – complessivamente per tutti i contratti di locazione in essere tra le Società del Gruppo Fiera Milano e Fondazione Fiera Milano – un importo compreso fra un minimo di 5,1 milioni di euro ed un massimo di 7,1 milioni di euro quale entità dello sconto”.

“Le modifiche dei suddetti contratti di locazione si qualificano come Operazione di Maggiore Rilevanza ai sensi della Procedura in materia di operazioni con parti correlate (“Procedura Parti Correlate”) adottata da Fiera Milano e del Regolamento Consob 17221/2010, costituendo una modifica di un’Operazione di Maggiore Rilevanza fra Parti correlate. I sopra menzionati contratti erano infatti già stati oggetto di informativa al mercato mediante pubblicazione del Documento Informativo in data 21 marzo 2014 e del successivo Documento Informativo pubblicato in data 14 maggio 2019, inerente al solo Polo Interno”.

“Ai sensi dell’articolo 9.1 della Procedura Parti Correlate della Società, l’operazione è stata quindi approvata dal Consiglio di Amministrazione in data odierna, 20 dicembre 2021, previo ottenimento del parere motivato favorevole rilasciato in pari data da parte del Comitato Controllo Rischi e Sostenibilità. Sempre in data odierna, il Documento Informativo redatto ai sensi dell’articolo 10.2 della Procedura Parti Correlate e del Regolamento Consob n. 17221/2010, sarà depositato e messo a disposizione del pubblico presso la sede legale e la sede operativa ed amministrativa di Fiera Milano, sul sito Internet della Società e sul meccanismo di stoccaggio autorizzato.

“In merito alla suddetta procedura si ricorda che Fiera Milano è una società quotata di minori dimensioni e che, in quanto tale, beneficia della deroga concessa ai sensi dell’articolo 10, comma 1 del Regolamento Consob 17221/2010; pertanto, fermi restando gli obblighi di informativa al pubblico, sono applicati alle operazioni di maggiore rilevanza gli stessi presidi previsti nella Procedura per le operazioni di minore rilevanza”.

Commenti