Milano sprofonda nel degrado: l'accampamento rom della vergogna

Ancora un accampamento rom abusivo nella periferia est di Milano: Silvia Sardone si rivolge a Beppe Sala per chiederne lo sgombero immediato

Milano sprofonda nel degrado: l'accampamento rom della vergogna

Milano ha perso l'appeal di un tempo anche a causa di amministrazioni miopi che troppo spesso si dimenticano delle sue periferie. Basta fare qualche passo al di fuori del perimetro di piazza Duomo, superare l'Arco della Pace, oltrepassare piazza Gae Aulenti o spingersi al di là del Naviglio per trovarsi immersi in realtà totalmente diverse, spesso degradate, dove è forte la sensazione di abbandono da parte delle istituzioni. L'ennesima denuncia di Silvia Sardone arriva da via Varsavia, uno dei tanti vialoni periferici della periferia est di Milano non lontana dalla tristemente rinomata viale Molise.

La denuncia

"Sotto il ponte a scavalco di via Varsavia si è formato un nuovo, l'ennesimo, accampamento abusivo di rom con tende e materassi, a pochi passi dai campi da calcio frequentati da ragazzi e famiglie", spiega l'eurodeputata e consigliere comunale della Lega a Milano. Il quartiere di Calvairate non è uno dei più periferici della città, Porta Romana non dista troppo da questa parte di Milano ma la situazione da queste parti si fa sempre più complicata per i suoi cittadini. "Siamo in quartiere già fin troppo vessato dai nomadi, con due campi (uno regolare e uno abusivo) abitati anche da noti delinquenti, oltre alle solite carovane che si muovono tra la zona dell'Ortomercato e via Medici del Vascello", prosegue Silvia Sardone, denunciando il degrado del ponte a scavalco.

"Ora lo sgombero"

L'appello per il sindaco Beppe Sala e per la sua amministrazione da parte del consigliere comunale è sempre lo stesso: "Il Comune si attivi subito per lo sgombero". Silvia Sardone va spesso in pressing sul Comune di Milano per chiedere la reale riqualifica delle periferie della metropoli, presenti nei programmi elettorali ma poi dimenticate nei fatti dall'amministrazione: "Le periferie, ossessione del sindaco Sala solo a parole, sono sempre più allo sbando, ricettacolo di abusivi". Quella di via Varsavia è una zona sensibile di Milano. Come spiega la stessa eurodeputata, "nel raggio di qualche chilometro, oltre all'accampamento di via Varsavia e ai due campi rom di via Bonfadini, troviamo anche l'ex scuola di via Zama diventata hotel abusivo per clandestini nordafricani e gli enormi palazzi dismessi di via dei Pestagalli occupati da rumeni".

Infine, Silvia Sardone affonda il colpo sul sindaco: "Tutta la zona e i suoi abitanti meritano rispetto e decoro urbano. Se il Comune a guida Pd non è in grado di garantire le più elementari regole di buona convivenza prenda atto del proprio fallimento e cerchi perlomeno di tamponare le situazioni più critiche".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti