Renzi «collegato» per la festa del conto alla rovescia. E la Regione batte cassa

Meno show e più fatti. Potrebbe sintetizzarsi così il Maroni-pensiero sul tema Expo. Da una parte si lavora per avere domani sera Matteo Renzi almeno in collegamento video alla festa-spettacolo in piazza Gae Aulenti per lanciare il countdown, meno un anno all'inaugurazione. Dall'altra, il governatore ieri ha lanciato al premier un messaggio inequivocabile: «Caro governo, datti una mossa altrimenti è inutile che facciamo questi incontri». In prefettura si è tenuta l'audizione con la Commissione lavori pubblici del Senato sullo stato delle opere. E Maroni ha contestato che «nessuna delle richieste presentate a Renzi in tema di infrastrutture collegate al 2015 è stata esaudita, significa aver perso un mese». In particolare, «ancora non c'è stata la defiscalizzazione completa della Pedemontana, senza la quale i cantieri si fermano». Ha ripresentato la lista della spesa (o meglio delle spese che non possono sostenere solo gli enti locali): servono deroghe al patto di stabilità per le spese su servizi collegati a Expo e per la promozione, occorrono 50 milioni di fondi straordinari per un piano sanitario che possa far fronte ai 20 milioni di visitatori attesi, per servizi pubblici aggiuntivi, per l'apertura straordinaria dei teatri lombardi e quant'altro. Aumenteranno per 25 milioni le spese per il trasporto ferroviario e di 50-60 milioni quelle per le metropolitane ma «tali costi devono ancora trovare copertura». Dal Comune invece Maroni attende il conoscere il piano di trasporto in superficie da Linate alla fermata Fs di Forlanini visto che all'ultima riunione del Tavolo Lombardia «è stato confermato che la M4 non arriverò in tempo per Expo». I visitatori che atterreranno allo scalo del Forlanini dovranno proseguire a bordo di navette. Il commissario Expo Giuseppe Sala ricorda a Renzi anche l'urgenza di avere «la task force del governo», annunciata sempre durante la visita dell'11 aprile. Ottimista invece sulla distribuzione dei biglietti che partirà il prossimo mese, «prima delle vacanze credo che annunceremo i 4 milioni venduti».

Commenti