La rinascita dei quartieri passa da Expo

Tutti i quartieri di Milano, non solo quelli della tradizionale periferia, stanno vivendo una radicale trasformazione. A definire i volti dei quartieri e le destinazioni funzionali di queste zone della Milano del terzo millennio occorre una chiara strategia di intervento. Il punto è se insistere esclusivamente su nuovi insediamenti o piuttosto puntare alla rivalorizzazione sociale ed economica dei quartieri spesso interessati da fenomeni di degrado. Expo 2015, che nelle giuste parole di Diana Bracco non è una spesa ma soprattutto un investimento, rappresenta una formidabile occasione per dare una risposta a questo quesito. Il caso di Londra, i cui progetti di riqualificazione urbana sono stati la carta vincente per l’assegnazione delle Olimpiadi del 2012, rappresenta un modello virtuoso. Non tanto la proiezione di una città visionaria, ma un processo di rivitalizzazione dei quartieri custodi di storie e tradizioni che caratterizzano non solo il loro territorio, ma l’intera città. Milano trova nell’Expo una grande occasione. Occorre individuare una serie di iniziative per il rilancio dei negozi, come avviene in Francia e Germania, in cui molte municipalità riducono fortemente le tasse sul commercio di quartiere, ritenendolo una ricchezza sociale e collettiva. Occorre un impegno dei privati per la ristrutturazione degli immobili e dei cittadini per assicurare decoro e vivibilità. E soprattutto la popolarità di un quartiere deve essere vissuta come una risorsa, una ricchezza quindi con la coabitazione di ceti più ricchi, ceti più poveri, di anziani, di giovani coppie, di studenti e di immigrati regolari. Alle istituzioni il compito di assicurare la legalità.
*Assessore regionale
alla protezione civile
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.