Sì ai fondi per le case ai gay discriminati, ma Milano si "scorda" i disabili

Da Palazzo Marino centomila euro di fondi pubblici per le case agli adolescenti gay discriminati. Pro Vita e Famiglia: "E ai disabili nulla?"

Da un anno e qualche mese a Milano, in zona Forza Armate, esiste la Casa Arcobaleno, un appartamento aperto e dedicato all’accoglienza di giovani ragazzi gay discriminati dalle loro famiglia per il loro orientamento sessuale. Un progetto fortissimamente voluto dall’allora assessore alle Politiche Sociali Pierfrancesco Majorino, che il Comune di Milano ha realizzato insieme alla cooperativa sociale Spazio Aperto Servizi.

Ora Palazzo Marino ha pensato di destinare centomila euro di fondi pubblici alla realtà-rifugio per gli adolescenti omosessuali discriminati. "E ai disabili nulla?" chiede con spirito critico Pro Vita e Famiglia, che rimprovera all'amministrazione del sindaco Beppe Sala di non destinare pari attenzione anche ad altri cittadini discriminati, come i portatori di handicap.

"Palazzo Marino cerca partner per la Casa Arcobaleno, ma a nulla va ai disabili che non riescono neanche a tornare a scuola, i cui diritti di accesso alla viabilità, all’assistenza domestica e agli insegnanti di sostegno spesso non vengono rispettati. Queste persone, non di rado, sopravvivono grazie agli enormi sforzi dei genitori, uno dei quali è costretto a lasciare il lavoro per accudire h24 i propri figli. Eppure restano abbandonati a se stessi…", l’affondo di Toni Bradi, presidente della onlus.

Negli spazi delle Casa Arcobaleno – come raccontato all’epoca da Majorino – possono essere essere ospitate fino a tre persone per un tempo di permanenza massimo tra i sei e gli otto mesi. "In questo periodo di tempo, i ragazzi avranno a disposizione un supporto psicologico e legale e un servizio di orientamento al lavoro e alla casa per accompagnarli verso l’autonomia attraverso un progetto personalizzato", spiegò l’attuale europarlamentare del Partito Democratico.

E qui secondo l’associazione Pro Vita e Famiglia si pone una particolare questione, peraltro sottolineata anche da Libero. "Condividiamo la denuncia del rischio di una corsia preferenziale per i ragazzi gay quando si tratterà di dare un appartamento a chi non ce l’ha. Sarebbe incostituzionale, perché i cittadini sono tutti uguali di fronte alla legge", spiega ancora Brandi, che infine conclude con la seguente considerazione: "Un conto è preoccuparsi e proteggere le vittime di violenza, di ogni credo, colore o sesso, un conto è decidere a chi destinare un immobile in base all’orientamento sessuale. Due cose ben diverse. Neanche è diventata legge la proposta su l'omotransfobia di Alessandro Zan (Pd), che già si intravedono le discriminazioni che inizieranno a tambur battente dal giorno dopo: tutti quelli che non sono gay e legati a lobby LGBT saranno penalizzati".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di 98NARE

98NARE

Mer, 30/09/2020 - 16:42

che SCHIFO che fate, non i gay, la giunta di Milano fa schifo.

lisanna

Mer, 30/09/2020 - 17:11

ok ,aiutiamo i gay ,con supporto, case,ecc ma 100000euris il comune che e' in rosso sprofondo causa covid,dove li trova? magari aumentando i biglietti ATM o sosta o qualche altra tassa da inventare?

Calmapiatta

Mer, 30/09/2020 - 17:21

Se li è scordati anche il governo. Quanti bambini con difficoltà non sono potuti tornare a scuola? Il governo della sx, che ama il sociale, e dei grillini, che invocavano il governo del popolo, pensa solo a gestire il potere, i soldi e a tirare a campare.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 30/09/2020 - 18:07

Certo. Per la sinisrta, prima vengono i clandestini, poi i gay e se avanza qualcosa (mai) per i disabili. per gl iitaliani, invece nulla.

detto-fra-noi

Mer, 30/09/2020 - 18:11

LORO SONO PIù UGUALI DEGLI ALTRI.

Santorredisantarosa

Mer, 30/09/2020 - 18:17

SI BADI CHE NON HO NULLA CONTRO QUESTI RAGAZZI, MA SONO CONTRO SALA E QUELLO DI PRIMA CHE HANNO DISTRUTTO MILANO IN TUTTO E PER TUTTO. SONO NEMICI DI CIO' CHE NON E' DI LORO POLITICA, ANZI SONO AMICI DEI NEMICI DELL'OCCIDENTE. BENE INTESO CHE I RAGAZZI VANNO AIUTATI SE SONO STATI SBATTUTI FUORI DALLE LORO CASE, MA NON DIMENTICARSI DI ALTRE CATEGORIE ALTRETTANTE SFORTUNATE, RIPETO SFORTUNATE. IL COMUNE DI MILANO E' NELLA SCHIFEZZA TOTALE, BASTI VEDERE COME SONO CERTI UFFICI IN UN CERTO MUNICIPIO. SALA SMETTILA O FINISCILA DI ROVINARE MILANO, TANTO CI MANCA POCO, VERO SALA?

Lugar

Mer, 30/09/2020 - 18:49

Non solo si dimentica dei disabili ma anche dei giovani che non riescono a lasciare la famiglia perchè le case costano troppo.

Ritratto di Trinky

Trinky

Mer, 30/09/2020 - 19:44

A Sala non gli è mai fregato niente dei disabili, mica farebbe notizia se facesse qualcosa per loro!

er_sola

Mer, 30/09/2020 - 19:59

vergognoso!

Giorgio5819

Ven, 02/10/2020 - 12:16

Pattume ideologico comunista.