La scure sui camper rom: sanzioni e rimozioni

Daspo e sequestri: la polizia locale di Sesto San Giovanni ha emesso già numerosi verbali per la violazione all'ordinanza contro il nomadismo

La scure sui camper rom: sanzioni e rimozioni

L'ordinanza del sindaco di Sesto San Giovanni, Roberto Di Stefano, è entrata regolarmente in vigore e si vedono già gli effetti. "I primi camper di nomadi parcheggiati nelle aree vietate alla loro sosta sono stati rimossi", ha annunciato il sindaco della città dell'area metropolitana di Milano. Nelle settimane precedenti era stata annunciata una stretta per riportare l'ordine a Sesto San Giovanni e garantire la sicurezza ai cittadini, limitando fortemente le situazioni di nomadismo rom con un'ordinanza che introduceva il divieto di sosta e di stazionamento per i caravan e i camper.

Il decisionismo di Di Stefano si muove su un binario parallelo rispetto a quello scelto da Beppe Sala nella vicina Milano, dove operazioni di questo genere, nonostante i cittadini chiedano maggiore ordine in alcuni quartieri della metropoli.

Sono stati diversi gli interventi eseguiti dalla polizia locale di Sesto San Giovanni negli ultimi giorni atti a mettere in pratica l'ordinanza del primo cittadino, ed è lui stesso a fare il punto su quanto ottenuto. "La polizia locale è intervenuta in via Padovani, dove un autocaravan è stato rimosso e sanzionato per intralcio alla circolazione. In via Unità d'Italia, dove un altro camper è stato sanzionato per bivacco e campeggio, con allontanamento-daspo e multa per aver abbandonato rifiuti a bordo strada".

Nel suo post, Roberto Di Stefano ha aggiunto che operazioni simili si sono svolte anche "in via Fratelli Bandiera, dove è stato emesso un verbale per dimora a bordo del camper, poi allontanato", e "in via Masaniello, dove è scattata un’altra sanzione sempre per una famiglia nomade che campeggiava per strada".

Roberto Di Stefano procede dritto nel suo lavoro adottando la tolleranza zero per chi non rispetta le ordinanze emesse, in nome della vivibilità di Sesto San Giovanni. "Sicurezza, legalità, lotta al degrado: per questi motivi la polizia locale (che ringrazio) sta intensificando i controlli nelle aree più critiche per prevenire e contrastare il fenomeno del nomadismo", ha concluso il sindaco.

Commenti