La Zona 7 disegna la mappa del buio: «Quindici strade a rischio sicurezza»

La Zona 7 disegna la mappa del buio: «Quindici strade a rischio sicurezza»

Mentre il sindaco è concentrato su aree pedonali e piste ciclabili in centro, la periferia prova a lanciare segnali di fumo in direzione Palazzo Marino. Il Consiglio di zona 7 (che comprende Baggio e San Siro) ha votato giorni fa le indicazioni per il nuovo Piano urbano della luce. È una mappa delle strade al buio, e dunque a rischio sicurezza. In via Stigliano ad esempio, è scritto nella delibera votata all'unanimità, «l'illuminazione è assente e si verificano episodi illeciti e degrado». In via Quinto Romano, all'altezza del civico 72, mancano luci nel parco e nell'area cani, nel parcheggio all'ingresso «c'è un solo lampione con due luci, e una è bruciata». É in ombra largo Cavalieri di Vittorio Veneto, e anche qui regnano «illegalità e degrado». Al buio «il vialetto che da via Lucca conduce a via Basilea», problemi di ordine pubblico vengono segnalati per lo stesso motivo in «via Moncalvo e via Cacciatori», «del tutto prima di illuminazione» via Frosinone, mentre è «scarsa» nelle vie Rismondo, Orsini, Capecelatro, Elba, ai giardinetti di via Dezza e in piazza Anita Garibaldi, dove «da tempo sono spenti 8 lampioni». É un mappa dettagliata, 15 vie a rischio. Tra le aree buie e a rischio la zona 7 inserisce via Broggini, dove «si verificano atti illeciti». E chiede lampioni più bassi dove sono presenti alberature, «ad esempio nel vialetto che dalla MM Bande Nere porta verso via Anguissola», per evitare che la luce sia schermata dai rami e le strade «diventino pericolosamente buie».

Commenti