Coronavirus, positivo un consigliere dell'ayatollah Khamenei

Un consigliere per gli Affari internazionali dell'ayatollah Khamenei è stato dichiarato positivo al Covid-19. Ancora contagi in Iran

Il coronavirus, in Iran, continua a contagiare pure le alte cariche che appartengono alla repubblica islamica. Oggi è stata data la notizia della positività di Ali Akbar Velayati, che è uno stretto consigliere dell'ayatollah Khamenei. Nello specifico, Velayati si occupa per la nazione iraniana di affari internazionali.

Tra le fonti che hanno confermato la novità, vale la pena citare l'Agi, che ha fatto presente come il quadro sul consigliere sia stato avvalorato da quanto reso pubblico da Tasnim, che è una agenzia giornalistica di Teheran. Khamenei, almeno per un po', dovrà fare a meno di un suo collaboratore, che ora è stato posto in quarantena. Non si conoscono molti dettagli su come il contagio abbia avuto luogo. Velayati, però, è un medico, e sembra che in queste settimane abbia lavorato presso un nosocomio della capitale che è interessato dalla presenza di parecchi pazienti che hanno contratto il Covid-19, il virus che ieri l'Organizzazione mondiale della Sanità ha dichiarato ufficialmente pandemico.

Negli scorsi giorni, vi abbiamo raccontato di come una serie di esponenti di spicco del consesso politico-religioso iraniano siano stati dichiarati positivi. Nella tristissima classifica dei contagi, l'Iran si è ritrovata spesso sul podio o quasi in queste settimane. Mohammad Mirmohammadi, uno dei membri del Consiglio del discernimento, che è presieduto dall'ayatollah, è deceduto. Ma quello di Mirmohammadi non è l'unico nominativo fatto di recente dalla stampa internazionale. Il coronavirus sta aggredendo anche altri elementi di spicco della cerchia ristretta di Khamenei. Il bollettino di oggi, per quel che riguarda l'intera popolazione iraniana, registra la persistenza e la creazione di 9 mila persone contagiate. I morti, invece, sono 354. "Sfortunatamente, nelle ultime 24 ore, abbiamo riportato 63 morti e un totale di 354 persone è deceduta", hanno dichiarato - come ripercorso sempre dalla fonte sopracitata - le autorità iraniane.

Ma quella cifra è relativa al conteggio di ieri. Diviene pronosticabile, dunque, che il bilancio si sia aggravato durante questa giornata. Quello, del resto, è il trend che coinvolge più o meno tutte le realtà coinvolte.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.