Starstreak, cos'è quel missile britannico che ha abbattuto l'elicottero russo

Si ritiene che il missile Starstreak fornito dal Regno Unito, abbia abbattuto un elicottero russo nel suo primo dispiegamento da parte delle forze ucraine: ecco perché è una delle armi più avanzate ed efficaci

Starstreak, cos'è quel missile britannico che ha abbattuto l'elicottero russo

Il sistema missilistico portatile più avanzato della Gran Bretagna ha abbattuto un elicottero russo nel suo primo utilizzo sul campo di battaglia ucraino. Lo dimostrebbe un video in cui si vede la fase dell'attacco mostrare le lance di tungsteno (tipologia di metallo) che rompono la coda del Mi-28N, elicottero anticarro, facendolo esplodere in due pezzi nella regione di Luhansk, la parte più orientale del Paese. Questa tipologia di missile è una delle armi più tecnologicamente avanzate in uso nel conflitto ucraino.

Cos'è il missile Starstreak

Starstreak è un proiettile ad alta velocità che distrugge obiettivi con tre proiettili simili a freccette per consentire colpi multipli su un bersaglio: come riporta l'Indepentent, viaggia a una velocità tre volte superiore a quella del suono e può essere montato a spalla, attaccato a un veicolo o sparato da un lanciatore a terra. Il sistema Starstreak è realizzato da Thales, multinazionale francese che progetta e realizza impianti elettrici e fornisce servizi per i mercati aerospaziale, della difesa, dei trasporti e della sicurezza. L'azienda descrive i missili come "progettati per fornire una difesa aerea ravvicinata contro le minacce aeree convenzionali come i caccia ad ala fissa e i bersagli degli elicotteri a smascheramento tardivo". L'esercito britannico ha affermato che Starstreak è "un'arma di difesa aerea altamente capace" particolarmente efficace contro gli elicotteri.

Il sistema missilistico ad alta velocità Starstreak è stato fornito all'Ucraina dalla Gran Bretagna nel mese di marzo insieme a un'ulteriore spedizione di armi anticarro leggere di nuova generazione. È anche il missile terra-aria a corto raggio più veloce al mondo, con una velocità superiore a Mach 3 (velocità tre volte quella del suono). A circa quattro metri dal soldato che spara con l'arma, un secondo booster spara per accelerare rapidamente il missile fino a oltre Mach 3. Il missile punta sul bersaglio con due raggi laser "dipinti" sull'aereo dall'unità di lancio. Tutto ciò che il soldato dovrà fare è tenere il bersaglio nel mirino e sparare.

Gli aiuti britannici all'Ucraina

All'Ucraina è stata inviata la varietà a spalla del missile per consentire un dispiegamento più rapido sul campo. Oltre ai missili anticarro Starstreaks, sono stati inviati più di quattromila Nlaw e ci sono state diverse segnalazioni dell'esercito ucraino che li ha usati per distruggere i carri armati russi. Si tratta di armi anticarro leggere di nuova generazione, note anche come arma da battaglia principale e arma leggera anti-corazza: conosciuta in Svezia come Robot 57, è un sistema missilistico usa e getta leggero,sparatutto e "spara-e-dimentica" progettato per l'uso da parte della fanteria. Il colonnello Graham Taylor ha dichiarato al Times che le truppe britanniche sono state dispiegate in un luogo segreto dell'Europa orientale per insegnare agli ucraini come usare le armi montate sulle spalle. "La loro capacità di acquisire quelle abilità richiedernno del tempo, ciò dipenderà dalla loro attitudine, anche se chiaramente hanno un interesse nel mettere a frutto quell'apprendimento", riporta il Messaggero.

Il grazie di Kiev per i missili

Come abbiamo visto sul Giornale.it, se c'è un leader occidentale al quale il vertice politico di Kiev guarda come al proprio migliore amico, questo è Boris Johnson. Parola di Volodymyr Zelensky, presidente assediato dell'Ucraina, che in un'intervista all'Economist non ha esitato ad assegnare al premier britannico e al suo governo la palma di alleato più leale e più coraggioso in questo momento: più del cancelliere tedesco Olaf Scholz, molto più del presidente francese Emmanuel Macron e forse persino più di quello americano Joe Biden.

Commenti