Elezioni in Russia

Cremlino, Putin corre da solo: "Non posso creare gli oppositori"

Lo Zar in campo da indipendente per un quarto mandato pressoché scontato

Cremlino, Putin corre da solo: "Non posso creare gli oppositori"

Vuole il quarto mandato da presidente Russo e difficilmente non lo otterrà. Vladimir Putin ha annunciato oggi, nella conferenza stampa che tiene tradizionalmente a fine anno, che alle elezioni di marzo si presenterà da indipendente.

Dopo l'annuncio della sua candidatura, che non era in verità mai stata in dubbio, ha parlato con 1.640 giornalisti accreditati al World Trade Center di Mosca, a cui detto di contare "di avere il sostegno di tutte quelle forze politiche che hanno a cuore lo sviluppo del nostro paese e, naturalmente, anche del popolo".

L'ottimismo del presidente è giustificato. In Russia non esiste più una forza d'opposizione in grado di sfidarlo. E a chi gli chiede le ragioni durante la conferenza stampa, risponde così: "Perché in Russia non c’è un’opposizione vera, che possa rappresentare un’alternativa credibile? La risposta più semplice per me è dire che non sta a me creare l’opposizione".

Il principale oppositore di Putin è Alexei Navalny, che da anni fa dentro e fuori dal carcere e a maggio aveva guidato un serie di manifestazione anti-corruzioni in Russia.

Allo stato attuale non potrà correre alle elezioni per via di una condanna per frode. A correre sarà invece Ksenia Sobchak, la socialite russa che potrebbe intercettare un certo voto di protesta, ma senza impensierire troppo Putin, la cui rielezione è praticamente scontata.

Commenti