Il dialogo sulla democrazia che unisce Roma e Nuova Delhi

"A Dialogue on Democracy" è stato lanciato da Roma, città che ha una lunga storia di governo elettorale. Dal canto suo l'India è la democrazia più popolosa del mondo

Il dialogo sulla democrazia che unisce Roma e Nuova Delhi

In un momento di crescenti conflitti globali, minacce di vari dittatori e nuove guerre reali e dell'informazione, si è tenuto a Roma l'evento "A Dialogue on Democracy" , un dialogo sull'importanza della democrazia. Lanciato da Sākshi, un'organizzazione no-profit italiana con la Fondazione Luigi Einaudi, uno dei principali think tank italiani, l'evento è stato co-ospitato dall'Indian Council for Cultural Relations, che ha il compito di promuovere la cultura indiana e attualmente guidato dal presidente Vinay Sahasrabuddhe.

L'importanza della democrazia

Il primo incontro si è tenuto virtualmente online, il 14 aprile 2022, in occasione dell'anniversario della nascita del dottor Babasaheb Ambedkar, il principale artefice della costituzione indiana. "L'India è la democrazia più popolosa del mondo e per la definizione di democrazia offerta da Abraham Lincoln nel suo discorso a Gettysburg, ora ha il mantello di difendere i valori democratici", ha affermato Vas Shenoy, presidente dell'AssociazioneSākshi, che ha lanciato questa iniziativa.

L'incontro ha riunito leader di pensiero come l'Ambasciatore Dore Gold, Presidente del Jerusalem Institute for Public Affairs ed ex Direttore Generale del Ministero degli Affari Esteri di Israele, l'Ambasciatore Giulio Terzi di Sant'Agatha, ex Ministro degli Affari Esteri italiano, il governatore Asif Mohammed Khan, veterano e governatore dello Stato indiano del Kerala, Rajeev Chandrasekhar, ministro di Stato del governo indiano, il membro del parlamento indiano dell'opposizione Sasmit Patra, il politico britannico veterano Nirj Deva e il barone Jonathan Marland, presidente della Commonwealth Enterprise & Consiglio per gli investimenti.

I valori dell'India

Nelle sue dichiarazioni inaugurali il dottor Vinay Sahasrabuddhe ha dichiarato che "la democrazia è la linfa vitale dell'India, dell'India e della democrazia come sinonimi". Ha anche affermato che a causa del progresso tecnologico "il futuro della democrazia dipende da come possiamo trasformare una democrazia popolosa in una democrazia efficace".

L'ambasciatore Dore Gold, presidente del principale think tank israeliano, il Jerusalem Center for Public Policy, ha dichiarato che ci troviamo in un momento critico nella storia umana e che oggi la democrazia è sotto attacco. Ha chiesto un nuovo raggruppamento di paesi democratici per rafforzarsi a vicenda, che sarà la necessità per il futuro.

Il ministro di Stato, Rajeev Chandrasekar, ha affermato che non dobbiamo dare per scontata la democrazia. Ha rafforzato la necessità che le democrazie del mondo creino un'alleanza sostenuta e duratura. Mentre Internet e i social media rappresentano una sfida per l'informazione e la narrativa, specialmente per paesi come l'India, ha anche illustrato come Internet abbia aumentato la conformità fiscale e semplificato i finanziamenti inviati dal centro di Delhi agli Stati Uniti. Ha anche spiegato come la tecnologia sfruttata dal Primo Ministro Modi abbia aumentato la reattività del governo, avvicinato il governo al cittadino e aumentato la sua riscossione delle tasse del 25% a 375 miliardi di dollari, affermando che la tecnologia è un grande abilitatore.

L'ombra dell'autoritarismo

L'ex eurodeputato del Regno Unito Nirj Deva ha affermato che le forze dell'autoritarismo stanno diventando più forti. Il Commonwealth britannico è l'intestazione nella mappa delle democrazie globali. Ha dichiarato che questa conferenza è stata l'inizio di un esempio indiano di promozione della democrazia, della libertà e dei valori. Ha anche affermato di ritenere che fosse giunto il momento per l'India di assumere la guida del forte Commonwealth di 2,4 miliardi di persone e dare l'esempio.

"L'India è un paese imprenditoriale, che è la più grande democrazia del mondo. L'India dovrà assumere la leadership in alcune delle principali istituzioni globali e proteggere la democrazia in tutto il mondo. L'ora dell'India è ora", ha affermato il barone Jonathan Marland, presidente del Commonwealth Entreprise and Investment Council ed ex parlamentare conservatore.

Il futuro della democrazia

Il governatore del Kerala Arif Mohamed Khan ritiene che non ci sia bisogno di temere le nuove tecnologie, è una questione di mentalità. Educazione e consapevolezza sono necessarie per contrastare l'ignoranza e le fake news. Qualsiasi strumento nelle mani dell'uomo può essere una benedizione ed essere usato per il bene generale o per scopi distruttivi. Il governatore Khan, è a capo dello stato più alfabetizzato dell'India, il Kerala, ed è un candidato molto discusso per succedere al presidente Ramnath Kovind

Sasmit Patra, un membro del parlamento indiano del Biju Janata Dal, che è all'opposizione, ha descritto la democrazia parlamentare indiana come un dibattito tra colleghi che possono avere disaccordi ideologici ma accettano di arrivare a un consenso.

L'ambasciatore Giulio Terzi, pronunciando il motto indiano "Satya Meva Jayate", ha evidenziato la necessità per noi di combattere costantemente la disinformazione diffusa dai regimi autoritari, proteggendo al contempo il diritto delle persone all'informazione e alla verità.

Il dialogo sulla democrazia sarà uno sforzo continuo e una piattaforma per discutere il futuro di una governance inclusiva all'ombra delle nuove minacce alla libertà e all'informazione e avrà eventi regolari organizzati virtualmente e di persona.

Commenti