Mondo

Disastro Germanwings: "Fin dall’inizio sapevano che era colpa dei piloti"

Frèdèric Helbert, il giornalista del magazine francese Paris Match, ha raccontanto: "Dalla prima notte il nastro dell'aereo era stato visionato"

Un airbus A320 della Germanwings
Un airbus A320 della Germanwings

"Secondo le informazioni di Paris Match, fin dal primo giorno, e lo dico con fermezza, fin dalla prima notte, gli inquirenti sapevano che era una storia che riguardava i piloti". Parla Frèdèric Helbert, il giornalista del magazine francese che sostiene di aver visionato un video degli ultimi secondi dell'Airbus A320 di Germanwings. "Dalla prima notte, il nastro del cockpit voice recorder è stato decodificato - prosegue - dalla prima notte, gli inquirenti tedeschi sono andati nell'appartamento di Lubitz e hanno trovato montagne di farmaci e i documenti che sappiamo".

Viene chiarita anche la vicenda che riguarda il video della tragedia. Il filmato che riprenderebbe gli ultimi istanti del volo Germanwingsprecipitato sulle Alpi francesi sarebbe "indiscutibilmente autentico". Lo afferma il giornale tedesco Bild che, insieme al francese Paris Match, sostiene di essere in possesso del video, estratto da un telefono cellulare rinvenuto sul luogo del disastro. Ma Frèdèric Helbert ha chiarito che Paris Match "non possiede" il video girato nell'aereo di cui ha descritto il contenuto, ma ne ha "visionato" uno. "Non possiedo questo video", ha dichiarato il giornalista nell'intervista messa in rete sul sito Internet di Paris Match. "A fare le riprese è un passeggero che si trova nella parte posteriore dell'aereo", ha aggiunto, affermando che il video "non fornisce" alcun elemento "utile all'inchiesta".

Eppure, i telefonini trovati sul luogo del disastro dell'aereo Germanwings devono ancora essere analizzati e saranno tenuti sotto custodia. Come conferma il procuratore francese, Brice Robin, che ha in mano l'inchiesta sul disastro aereo. La giustizia francese chiede che chiunque abbia un video sulla tragedia, deve immediatamente consegnarlo alla magistratura.

Commenti