Erdogan bacchetta la Merkel: "L'accordo non va bene, va rivisto"

In una telefonata ad Angela Merkel, il "sultano" ha voluto ribadire la sua linea secondo cui l'accordo da tre miliardi all'anno siglato nel 2016 va rivisto. Niente incontro intanto con il premier greco Mitsotakis

Nessun incontro con il premier greco, né tanto meno con quello bulgaro e, al contempo, in una telefonata ad Angela Merkel è stato ribadito che l’accordo sui migranti “non va bene”.

Non sembra accennare ad alcun passo indietro il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, il quale la scorsa settimana ha lanciato il proprio guanto di sfida all’Ue aprendo i confini ai migranti che desiderano passare dalla Turchia al territorio greco e quindi europeo.

Il tutto come ritorsione al mancato appoggio di Bruxelles ad Ankara in occasione dei momenti più tragici relativi alla battaglia di Idlib. La Grecia ha risposto alle provocazioni turche chiudendo i confini, sia terrestri che marittimi. Ma Erdogan vuole andare avanti e già in questo venerdì, di rientro da Mosca, aveva fatto sapere che sulla questione non aveva più alcun senso parlarne: “I confini sono aperti, il discorso è chiuso”, ha dichiarato ai giornalisti presenti sull’aereo presidenziale.

Nel pomeriggio poi, il leader turco ha rincarato la dose: prima ha rifiutato un incontro con il primo ministro greco, Kyriakos Mitsotakis, successivamente con quello bulgaro. Nessun colloquio dunque con i capi di governo dei due paesi maggiormente interessati dalla crisi migratoria innescata dalla volontà di Ankara di riaprire i confini.

Un ulteriore segnale di come la tensione non è destinata a scendere, soprattutto con la Grecia. Le autorità di Atene hanno segnalato nelle ultime ore provocazioni turche sia lungo i confini terrestri che marittimi. In particolare, si parla di agenti di Ankara che hanno sparato lacrimogeni e pallottole verso il confine greco, mentre un video ha mostrato una motovedetta turca provare a speronare un mezzo della Guardia Costiera ellenica.

A suggello di tutto ciò, sono arrivate anche le dichiarazioni di Erdogan rese in una conversazione telefonica con la cancelliera tedesca Angela Merkel. Anche in questo caso i toni usati sarebbero stati tanto taglienti quanto chiari: “L’accordo sui migranti del 2016 – avrebbe affermato il capo di Stato turco secondo fonti della presidenza – Non va più bene. Non funziona più e va rivisto”.

In parole povere, Erdogan vorrebbe rimettere in discussione quanto pattuito nel 2016, ossia i tre miliardi di Euro all’anno che l’Europa sborsa alla Turchia per trattenere i profughi siriani. Il presidente turco evidentemente vorrebbe, con la minaccia di nuovi ingressi verso il vecchio continente, giocare al rialzo. E pretendere ancora più soldi e più mezzi da parte delle istituzioni comunitarie.

Di certo, il braccio di ferro innescato con la Grecia e con l’Ue non sembra destinato a terminare nel giro di poco tempo. Al contrario, sui migranti la tensione potrebbe sempre più aumentare.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Nicola48ino

Ven, 06/03/2020 - 20:07

L'ho scritto in un altro articolo, noi siamo i nipotini di Lepanto e di Vienna, pseudo autoproclamato sultano non tirare la corda se no riprepariamo i pali.

alox

Ven, 06/03/2020 - 20:15

...ma che faccia gli accordi col suo amico Putin. E che se li prenda Putin i profughi visto che li sta' bombardando fuori dalla Siria!!!

ItaliaSvegliati

Ven, 06/03/2020 - 20:15

Esercito sui confini, a maniete forti risposte adeguate!!!

Nicola48ino

Ven, 06/03/2020 - 20:38

E d'aiuto

Ritratto di perigo

perigo

Ven, 06/03/2020 - 20:55

Possibile che non ci siano più i regicidi?

lupo1963

Ven, 06/03/2020 - 20:59

NUKE .

maorichief

Ven, 06/03/2020 - 21:25

E c'è qualcuno che vorrebbe farli entrare nell'UE.....

Ritratto di PATARLACCA

PATARLACCA

Ven, 06/03/2020 - 21:35

Gran brutto soggetto questo: falso inaffidabile arrogante e islamico

seccatissimo

Ven, 06/03/2020 - 22:18

x perigo-Ven,06/03/2020-20:55 -- Me lo domando spesso anch'io ! I casini che provocano i dittatori più o meno feroci al proprio Paese, ai Paesi confinanti ed alla comunità internazionale, sono sempre costosissimi sia in termini di vite perdute che in termini pecuniari. Si metta una forte taglia, senza lesinare, sulla testa di questi arroganti mega rompiballe e forse si risolve il problema della presenza scomoda, costosa e pericolosa di questi individui, velocemente, a costi contenuti e più accettabili.

Zingarettibacia...

Ven, 06/03/2020 - 22:18

Un foro in testa a questo bastardo ed i giochi finivano. Se l'Europa vuole accetto l'offerta e vado io a farlo secco.

arieccomi

Ven, 06/03/2020 - 22:30

Mandatelo a fare in c...o questo turco di me....a

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Ven, 06/03/2020 - 22:42

ErdoCAN spero Putin presto ti NUCLEARIZZI

Brutio63

Ven, 06/03/2020 - 23:06

Stop vacanze in Turchia, chiudere le imprese europee in Turchia tra cui la Fiat che produce la Tipo lì e così vediamo se la finisce di fare l’arrogante sultano!

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Sab, 07/03/2020 - 09:17

Le teste limitate amano sentenziare che l'unione eurodemenziale è l'incarnazione stessa del concetto di 'civiltà giuridica'. Dicono che l'unione eurodemenziale sia il punto più alto non solo concepibile ma anche raggiunto dallo stesso concetto di 'civiltà'. Se è così, conseguenziale pensare che niente e nessuno possa opporsi a simile meraviglia. Di riflesso sempre le teste limitate dicono che uno come Erdogan è solo una specie di dittatore che, con la suddetta civiltà giuridica, c'entra poco o nulla. Allora come mai il barbaro Erdogan tiene sotto scacco l'unione eurodemenziale e non invece il contrario? Semplice: egli ha capito quali sono i punti deboli di essa. E, in giro per il mondo, ce ne sono altri come o meglio di Erdogan. Questo per dire che, alla lunga, il destino di quella stucchevolezza inconcludente chiamata 'unione eurodemenziale' è segnato. Ed è un destino infausto.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 07/03/2020 - 09:51

la Merkel dovrebbe rimandare tutti i turchi in Turchia.

Calmapiatta

Sab, 07/03/2020 - 10:32

Per seguire le politiche germaniche della MNrkel, ora tutta la UE si trova sotto ricatto di questo tizio.