Travestito da ninja ferisce due poliziotte con la katana

Un uomo, armato di spada giapponese, è sceso dall’auto appena rubata e ha ferito le due donne. Un terzo agente gli ha sparato

Travestito da ninja ferisce due poliziotte con la katana

Questo pomeriggio, verso le 15.30, nel nord della Francia un uomo di 36 anni ha ferito due poliziotte con una katana. L’aggressore, vestito da ninja, si è avventato contro le due agenti, ferendo la prima al mento e la collega alla testa. Secondo quanto riferito dai media francesi, il fatto è avvenuto a Cherbourg-en-Cotentin, nei pressi della stazione di servizio del centro Leclerc a Tourlaville.

Aggredite con una spada giapponese

Oggi, giovedì 2 dicembre, in seguito alla segnalazione di un furto d'auto, una Citroën C3, in rue Malakoff, una pattuglia della polizia si è recata sul luogo. Una volta avvistata la vettura è iniziato l’inseguimento fino alla stazione di servizio, qui l'automobilista che era al volante della macchina ha urtato un pannello ed è quindi sceso dal veicolo. La cosa particolare è che l’uomo era vestito da ninja e aveva con sé una katana, la tipica spada giapponese molto simile a una sciabola ma con l’impugnatura a due mani.

A quel punto, con l’arma in mano si è diretto verso le poliziotte ferendone una al mento e l’altra alla testa. Un terzo agente, che si trovava all’interno della volante, ha sparato tre colpi di pistola all’aggressore ferendolo in modo grave all’addome e immobilizzandolo, come riportato dalla testata locale La Presse de la manche.

Ferito gravemente l'assalitore

Secondo quanto divulgato l’assalitore è stato trasportato in elisoccorso all’ospedale di Caen e, anche se gravemente ferito, non sarebbe comunque in pericolo di vita. Le due agenti, che secondo quanto reso noto dal procuratore sarebbero state ferite superficialmente, sono state invece trasferite all’ospedale pubblico Pasteur a Cherbourg. In seguito alla perquisizione del veicolo rubato dall’uomo sono state rinvenute diverse armi bianche, tra le quali altre katane e stelle ninja, un vero e proprio arsenale giapponese.

Il pubblico ministero di Cherbourg, Yves Le Clair, ha escluso qualsiasi motivazione terroristica. Gerald Darmanin, il ministro dell'Interno sotto il nuovo primo ministro Jean Castex e il senatore Philippe Bas hanno entrambi espresso il loro sostegno e solidarietà alle due poliziotte che sono state aggredite.

Commenti