Mondo

Germania, trenta casi di cristianofobia in due mesi

Dall'inizio di aprile all'inizio di giugno 2019, in tutta la Germania sono stati segnalati 30 attacchi che spaziano dai furti agli incendi dolosi

Germania, trenta casi di cristianofobia in due mesi

In Germania, in soli due mesi sono stati registrati ben trenta attacchi contro chiese cristiane di diverse confessioni.
I dati sono stati diffusi dall'Osservatorio sull'intolleranza e la discriminazione contro i cristiani in Europa che ha sede a Vienna. E sono dati preoccupanti.

Dall'inizio di aprile all'inizio di giugno 2019, in tutta la Germania sono stati segnalati 30 attacchi contro chiese, atti che spaziano dai furti agli incendi dolosi. "A volte, hanno violato un recinto o messo in atto delle rapine semplicemente per motivi legati al denaro. Tuttavia (...) scegliendo di attaccare le chiese, vandali e ladri mostrano una profonda mancanza di rispetto, se non vero e proprio odio, per i luoghi di culto", hanno detto dall'Osservatorio.

Uno degli ultimi attacchi riguarda una chiesa protestante di Dieforf, peraltro già vandalizzata nel luglio 2017. Nei ripetuti attacchi i vandali hanno fracassato delle finestre, bruciato alcuni prodotti, rovinato muri e porte dipinte, e buttato giù panchine. "Il danno alla proprietà ha raggiunto decine di migliaia di euro", hanno quantificato dall'Osservatorio.

Un altro atto di vandalismo si è verificato all'inizio di giugno quando, intorno a mezzogiorno, i vigili del fuoco del comune di Ankum sono stati allertati di un incendio nella chiesa cattolica di San Nicolás. Grazie alle telecamere di sicurezza, la Polizia ha scoperto che l'incendio era stato causato da alcune ragazze.

Un altro caso ha riguardato la comunità di Großholbach dove ignoti hanno prima lanciato pietre contro la Chiesa Cattolica della Santissima Trinità poi, entrati nel tempio, hanno saccheggiato oggetti sacri e statue di santi e bruciato un simulacro di Gesù dopo averlo staccato dalla croce. Infine hanno urinato nei corridoi e scaraventato per terra diverse panchine.

A Nordhausen uno dei corridoi della chiesa protestante di San Biagio è stato intenzionalmente dato alle fiamme e su un balcone della chiesa sono state trovate tracce di una corda bruciata. A Dillenburg sconosciuti hanno vandalizzato la chiesa cattolica del Sacro Cuore di Gesù danneggiando prima l'acquasantiera e le candele e poi disperdendo dei volantini sul pavimento.

La Germania non è l'unico grande paese europeo cristiano dove si registrano episodi di cristianofobia. Se in Italia, almeno per il momento, ci si è limitati ad attacchi "intellettuali" ai cristiani come, da ultimo, quello del giornalista di Repubblica Michele Serra nei confronti di Marina Nalesso, conduttrice del Tg2, "rea", secondo Serra (che è stato sommerso di critiche sui social), di indossare il crocifisso durante il telegiornale, in Francia la situazione è veramente allarmante. Come ha scritto recentemente Fausto Biloslavo, nel paese transalpino si registra una media di oltre due chiese sotto attacco al giorno.

Commenti