I migranti della Aquarius: "L'Italia ci ha rifiutati, Dio no"

L'arrivo a Valencia delle tre navi che trasportavano i migranti salvati nel Mediterraneo è stato accolto da migliaia di volontari. Lo sfogo dei migranti dell'Aquarius

I migranti della Aquarius: "L'Italia ci ha rifiutati, Dio no"

Lo sbarco dell'Aquarius ha fatto parecchio discutere. L'arrivo a Valencia delle tre navi che trasportavano i migranti salvati nel Mediterraneo è stato accolto da migliaia di volontari e anche da alcune proteste da parte dei partiti della destra spagnola che hanno urlato più volte: "Non chiediamo rifugiati, prima gli spagnoli".

Il governo spagnolo di fatto, dopo aver aperto i suoi porti alle navi dell ong, si prepara a rimpatriare i migranti sbarcati. Il tutto seguendo le procedure comunitarie. Eppure lo sbarco della Aquarius che non ha nulla di più e nulla di meno dei tanti sbarchi quotidiani che avvengono sulle coste italiane da anni è diventato un caso mediatico. Un caso perché il nostro governo ha scelto, questa volta, di serrare le porte chiudendo i porti e chiedendo ad un altro Stato europeo che si affaccia sullo stesso mare dell'Italia di farsi carico di questa emergenza. Ma una volta giunti a Valencia i migranti, appena sbarcati, puntano il dito proprio contro l'Italia: "Il vostro governo non ci ha voluti. L'Italia non ci ha rifiutati, Dio no", afferma uno dei migranti a Valencia. Poi come riporta il Corriere qualcuno ripercorre quella terribile odissea: "Eravamo andati a Tripoli per trovare lavoro, ma laggiù noi nigeriani siamo odiati. Ci hanno chiuso in una stanza per cinque mesi, dopo averci rubato tutto. Fuggire, e cercare di venire in Europa, è stata l’unica soluzione possibile". Insomma il viaggio è terminato. Ora i migranti verranno destinati ai centri d'accoglienza e qualcuno andrà anche in Francia. Ma di certo dalle loro parole si legge anche un senso di rivalsa contro quell'Italia che non può accogliere tutti.

Commenti

Grazie per il tuo commento