Israele, Netanyahu fermato all'ultimo: voleva bombardare Gaza

Il primo ministro israeliano voleva dare il via a un'offensiva militare nella Striscia di Gaza. Fermato in extremis dai vertici militari

Attaccare la Striscia di Gaza, anzi no contrordine. Benjamin Netanyahu è andato vicinissimo a dare l'ordine che avrebbe dato il via a un'offensiva militare di Israele contro il vicino Stato palestinese.

Secondo quanto riportato da Haaretz, il primo ministro israeliano ha cancellato all'ultimo quello che sarebbe stato un attacco su larga scala sopra l'intera Striscia di Gaza.

Nella testa di Netanyahu, l'idea era maturata martedì scorso come diretta conseguenza dell'ennesimo lancio di missili da parte di Hamas che aveva costretto il rampante Bibi ad abbandonare un comizio che stava tenendo ad Ashdod.

Nell'occasione, il leader del partito Likud è dovuto letteralmente uscire di scena mentre stavano scattando le sirene d'allarme.

La reazione di Netanyahu

La destra ha subito parlato di umiliazione nazionale e le polemiche sono salite in un batter d'occhio. Come reagire a un simile smacco?

Nel giro di poche ore Netanyahu, che è anche ministro della Difesa, ha convocato i vertici militari per valutare una reazione bellica nei confronti di Hamas. Bibi voleva usare il pugno duro, senza se e senza ma.

A stroncare sul nascere la decisione del primo ministro è stato il procuratore generale Avichaj Mandelblit, il quale ha sottolineato che in virtù della legge fondamentale d'Israele qualsiasi operazione militare che potrebbe portare ad una guerra deve prima essere approvata dal gabinetto di sicurezza. E questo, tra l'altro, dopo che è stato ascoltato anche il capo di Stato maggiore.

Bibi si è così dovuto accontentare di una serie di raid aerei di rappresaglia, ma la tensione resta altissima.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cgf

Lun, 16/09/2019 - 21:18

Quello vicino non è uno Stato ed i palestinesi ben si guardano dall'esserlo veramente, ecco perché è sempre fallito qualsiasi negoziato. Quando da uno Stato, uno di quelli veri, vengono lanciati intenzionalmente missili, questa è una dichiarazione di guerra a tutti gli effetti, la reazione di Israele sarebbe quella di invadere e sottomettere LEGALMENTE la striscia ed gli altri Stati ben si guarderebbero da intervenire e difficilmente all'ONU potrebbero dare torto ad Israele. I palestinesi lo sanno benissimo che non potrebbero mai vincere da soli.