Libia, Di Maio cerca la pace: “Pronti a tavolo tecnico con Turchia e Russia”

Il ministro degli Esteri italiano è in Turchia per rafforzare le relazioni con Ankara: "Il nostro obiettivo è raggiungere la pace". Apertura anche alla Russia

Libia, Di Maio cerca la pace: “Pronti a tavolo tecnico con Turchia e Russia”

La fine delle interferenze straniere in Libia per arrivare, il più in fretta possibile, a un cessate il fuoco e quindi alla pace. È questa la ricetta offerta direttamente dalla Turchia dal ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, riguardo lo scottante dossier libico.

Di Maio è volato a Istanbul per una serie di incontri con esponenti del governo turco. Il titolare della Farnesina ha spiegato a margine di un colloquio avuto con il collega turco, Mevlut Cavusoglu, che le interferenze turche non rappresentano il nodo più spinoso in terra libica.

Credo che la questione libica abbia un problema più grande: le interferenze in generale”, ha specificato il grillino, che poi ha cercato di delineare la strategia dell'Italia. Il messaggio di Di Maio è chiarissimo: “Il nostro obiettivo è raggiungere la pace e per raggiungere la pace serve un cessate il fuoco e serve una data immediatamente per la conferenza di Berlino, perché è una conferenza che mette intorno al tavolo tutti i Paesi che hanno interferenze per quanto riguarda la guerra civile in Libia

Di Maio apre a Turchia e Russia

Di Maio abbraccia Ankara ma benedice anche Mosca: “Siamo d'accordo ad aprire un tavolo tecnico con la Turchia e anche con la Russia perché in questo momento partner come gli Stati Uniti e Paesi importanti come la Russia, l'Egitto, la Turchia sono fondamentali per trovare una soluzione alla crisi libica”. In altre parole il ministro italiano cerca di “coltivare un rapporto” con tutti i soggetti capaci di avere “un'influenza nella questione libica”.

A chi si interroga sul perché Roma sia intervenuta sulla Libia e non sulla crisi iraniana, Di Maio spiega che “la Libia ci interessa più di tutti gli altri Paesi perché è a poche centinaia di chilometri dalle nostre coste. In questo Stato oggi non c'è solo un problema migrazione ma c'è un rischio terrorismo perché l'instabilità crea terrorismo”.

Insomma, per evitare lo scoppio di un nuovo conflitto in Libia, l'Italia è pronta a dialogare con chiunque. Anche con la Turchia, fino a poco tempo fa ai ferri corti con l'Unione Europea.

Cosa ne pensano, invece, i turchi di questa visita a sorpresa del ministro italiano? “Felice di dare il benvenuto al ministro degli Affari Esteri italiano Luigi Di Maio. Miglioreranno ulteriormente le nostre strette relazioni in vari settori. Scambio di opinioni su questioni internazionali, in particolare la crisi in Libia”, ha scritto, sempre su Twitter, il capo della diplomazia turca, Melut Cavusoglu.

Autore

Commenti

Caricamento...
Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento