Mogherini: "Da Putin brutalità in Siria. Solo l'Ue ha piano per la pace"

Mogherini: "I governi sono tutti d'accordo sul fatto che il comportamento della Russia, soprattutto ad Aleppo, è di una brutalità inaccettabile"

Mogherini: "Da Putin brutalità in Siria. Solo l'Ue ha piano per la pace"

"I governi sono tutti d'accordo sul fatto che il comportamento della Russia, soprattutto ad Aleppo, è di una brutalità inaccettabile", così come "siamo tutti d'accordo nel dire che con la Russia, sulla Siria e non solo, serve un canale politico aperto. Le conclusioni del Consiglio europeo includono un mandato per il mio lavoro sulla Siria, compresi anche contatti diretti e continui con tutti. Anche con Mosca". Così l'Alto rappresentante per la Politica estera, Federica Mogherini, in un'intervista a La Stampa.

Quanto al ruolo dell'Europa, Mogherini ricorda che "per una scelta politica presa molti anni fa, l'Unione europea non è un attore militare sul palcoscenico siriano", ma sottolinea come "sarebbe riduttivo dire che il nostro è solo un soft power. Siamo gli unici che parlano con tutti e lavoriamo attraverso i nostri rapporti bilaterali per evitare che la Siria diventi un buco nero, un nuovo Iraq o una nuova Libia". E ancora, sostiene: "Aiutare la Siria in questo momento vuol dire anzitutto evitare di bombardarla. Siamo il principale donatore, dal punto di vista umanitario: quasi tutti gli aiuti che i siriani ricevono arrivano grazie all'Ue e all'Onu che li porta. Scuole per bambini, acqua, medicinali. Il nostro impegno diplomatico comincia da qui". "

Guardando avanti. Ho avviato un dialogo diretto con tutti gli attori regionali: Iran, Arabia Saudita, Turchia, Egitto, Giordania, Libano, Qatar, Emirati. E con i siriani, con le diverse componenti delle opposizioni e ciò che resta della società civile". In Europa invece - sostiene Mogherini - "c'è un problema molto serio sul fronte interno delle politiche migratorie. Perché le proposte che la Commissione aveva fatto si sono arenate e perché il Consiglio non trova ancora oggi un punto di convergenza su come affrontare il tema della solidarietà La Commissione continuerà a spingere per un meccanismo di solidarietà interna. Su questo l'Italia può contare di averci dalla sua parte. Ma il nodo va risolto dai governi nazionali, all'interno del Consiglio".

Commenti